Toscana in abbandono: bando da 4 milioni contro degrado e rovina

L'obiettivo è aiutare grandi e piccoli comuni a migliorare e innovare il tessuto urbano


 Un nuovo bando da oltre 4 milioni di euro per finanziare interventi di rigenerazione urbana nelle aree interne della Toscana per prevenire il degrado, recuperare aree critiche ed immobili di grandi dimensioni abbandonati o in rovina grazie ad interventi mirati, che mettano a frutto lo spirito della lr 65 sul governo del territorio e riattivino aree interne al perimetro urbanizzato dando loro nuova vita e nuove finalità. 
A darne notizia sono stati il presidente della Toscana Enrico Rossi e l'assessore regionale al governo del territorio Vincenzo Ceccarelli. L'obiettivo è aiutare i Comuni, grandi e piccoli, a migliorare e innovare il tessuto urbano, 

"Questo bando va nella direzione indicata dalla Regione Toscana fin dalla legge 65/2014, ovvero ridurre a zero il consumo di suolo e stimolare il recupero del patrimonio urbano esistente – ha spiegato l'assessore Ceccarelli - questo è un atto concreto, che ci auguriamo i Comuni mettano a frutto". "Dopo le risorse stanziate con i PIU-Progetti innovazione urbana, destinate ai Comuni fortemente urbanizzati – ha aggiunto l'assessore – abbiamo voluto riservare risorse specifiche per i Comuni delle aree interne, per favorire in tutte le realtà l'attuazione di buone pratiche in difesa del territorio".

Il bando prevederà l'assegnazione di 4.036.000 euro nell'arco delle annualità 2019 (916.000), 2020 (1.220.000) e 2021 (1.900.000) sulla base di una graduatoria che premierà non solo la coerenza con gli strumenti urbanistici e con i progetti di rigenerazione delle aree interessate, ma anche il livello di partecipazione pubblica all'intervento proposto, le scelte di edilizia sostenibile, le forme 'sperimentali' che potranno fare da progetto pilota.

Il finanziamento regionale massimo previsto sarà di 800.000 euro. Il Comune che parteciperà al bando dovrà impegnarsi a compartecipare all'opera per almeno il 20% dell'importo.
L'uscita del bando è prevista entro il prossimo mese di marzo

Redazione Nove da Firenze