Rubrica — Spettacolo

Toscana Gospel Festival: il clou natalizio della XXIV edizione

Darnell Moore & The Gospel Chorale a Calenzano e a Manciano della Chiana. Al Petrarca di Arezzo l’esplosivo Pastor Ron Gospel Show. Montepulciano in gospel con The Voices Of Victory


Il Toscana Gospel Festival torna a Calenzano al teatro Manzoni giovedì 26 dicembre alle ore 16,30; in scena il coro Darnell Moore & The Gospel Chorale. Alle ore 21.30 sarà a Marciano della Chiana, nello spazio scenico dell’antica Torre di Marciano. L’appuntamento si sposa nell’occasione con la IV edizione del Festival dei Diritti, al desiderio del Comune di Marciano della Chiana e dell’Assessore Leonardo Magi di un “impegno ampio e trasversale” in materia di diritti e alla collaborazione della Rete Ready e dell’Associazione Chimera Arcobaleno in coordinamento con Officine della Cultura. Cresciuto nell’ambiente ecclesiastico, essendo il padre un pastore della Chiesa Anglicana, Darnell comincia subito ad interessarsi alla musica e al canto religioso. All’età di diciassette anni diventa direttore del coro della chiesa “Greater Refuge Ministries” di Washington, DC. Un talentuoso musicista, cantante, produttore e compositore di brani originali, Darnell in questo momento è uno dei direttori di musica alla Chiesa Inter-Denominational di Washington, DC. Ha creato un gruppo ridotto pronto a seguirlo in tour a livello nazionale e internazionale, presentando oltre al repertorio standard anche numerose sue canzoni originali già presenti nelle grandi piattaforme commerciali della musica gospel. Darnell e The Gospel Chorale durante i loro concerti creano un’atmosfera di venerazione, cantando con potenza vocale e spirituale canzoni che parlano di speranza e fede, esplorando sia canzoni emozionanti e riflessive sia canzoni con un ritmo veloce ed energico, portando un’esperienza completa che solo il gospel riesce a dare. Il concerto di Marciano della Chiana è realizzato con il sostegno del Comune di Marciano della Chiana, della Regione Toscana e del Consolato Generale degli Stati Uniti d’America e con il contributo di Unicoop Firenze e Caffè River.

Tradizionale tappa del Toscana Gospel Festival a Cortona venerdì 27 dicembre al Teatro Signorelli alle ore 21,15. Sul palco si esibirà la corale del Virginia Gospel Ensemble. Il coro si è formato in seno alla Mount Lebanon Baptist Church che oggi è considerata l’epicentro della confessione battista in Virginia e che esprime un elevato potenziale artistico con il proprio settore di educazione musicale basato a Norfolk e chiamato “The Mount”. Earl Bynum produttore, autore, insegnante torna in Italia con una formazione a sei elementi di coristi selezionati dalla corale The Mount Unity Choir, parte integrante della Mount Lebanon Baptist Church. La nuova formazione dei Virginia Gospel Ensemble dà vita ad un perfetto mix di molteplici influenze di Gospel tradizionale, contemporaneo, ed arrangiamenti anche vicini al jazz, sapientemente dosati e proposti con energia e grande maestria. Earl Bynum con i Mount Unity Choir, ora con i Virgina Gospel Ensemble, ha vinto l’importante riconoscimento come Best Church Choir al “Neighborhood Awards” 2013 e a gennaio 2014 ha vinto il grammy del gospel fregiandosi dello “Stellar Awards” come Best Contemporary Gospel Choir. Il concerto di Cortona è realizzato con il sostegno del Comune di Cortona, della Regione Toscana e del Consolato Generale degli Stati Uniti d’America e con il contributo di Unicoop Firenze e Caffè River.

Il Toscana Gospel Festival finalmente arriva ad Arezzo al Teatro Petrarca sabato 28 dicembre alle ore 21,15, in scena il coro del reverendo Pastor Ron con il suo scoppiettante Gospel Show. Lo spettacolo vede come protagonista proprio Pastor Ronald Hubbard, una delle figure più carismatiche nel panorama gospel internazionale. Accanto al Pastore sul palco sei artisti (cantanti e band), voci potenti e vellutate in pieno stile black. Due ore di musica in cui si inseriscono elementi di umorismo che trascinano lo spettatore in un vortice di sano divertimento. Pastor Ron è conosciuto come “Triple Man”, perché è in grado di cantare, ballare e recitare, ma anche perché è ispirato dalla più forte “Trinità”. Ron è convinto che si possa divulgare la Parola di Gesù Cristo, indifferentemente attraverso produzioni discografiche, palcoscenico o sermone. La sua personalità è straripante, il suo umorismo è esplosivo e contagioso. I suoi studi presso la Interlochen Music Academy e il Cleveland Institute of Music si riflettono nella sua persistenza nell'eccellenza, sia come solista che in gruppo. Da oltre otto anni Pastor Ron è inoltre uno dei docenti di punta di ‘Gospel Connection’, il più grande raduno italiano di musica gospel che ogni anno accoglie migliaia di amatori. Sul palco è attorniato da 6 artisti: voci potenti e vellutate in perfetto stile black.

Il Toscana Gospel Festival arriva a Montepulciano nella monumentale cornice della Cattedrale di Santa Maria Assunta in Piazza Grande, domenica 29 dicembre alle ore 21,15, in scena il coro The Voices of Victory. Ingresso libero. The Voices of Victory è una formazione gospel proveniente dalla città di Orlando, in Florida, quel profondo sud degli Stati Uniti nei quali la grande musica gospel è nata. Profondamente religiosi, i VOV sono nati nelle parrocchie battiste e hanno col tempo assunto un ruolo di rilievo nella musica della comunità religiosa della loro città. Grazie al loro talento, dal piccolo ambito delle Churches sono arrivati prima ai principali luoghi di musica cittadini (fissa la loro presenza la domenica mattina per il "Sunday Brunch" alla House of Blues di Orlando) poi in tutti gli Stati Uniti, fino ad essere inviati, in veste di coristi, sui palchi dei più notevoli artisti della scena pop e gospel. Il concerto di Montepulciano è realizzato con il sostegno del Comune di Montepulciano, della Regione Toscana e del Consolato Generale degli Stati Uniti d’America e con il contributo di Unicoop Firenze e Caffè River. Info: Officine della Cultura - tel. +39 0575 27961 - info@toscanagospelfestival.net

Redazione Nove da Firenze