Tessile: chiesti interventi a sostegno del distretto pratese

Sollecitato dall'Amministrazione un ordine del giorno per interventi analoghi a quelli degli altri distretti italiani. La presidente della commissione Attività produttive Nardi ha presentato un ordine del giorno


Interventi del Governo per il sostegno del distretto tessile pratese nell'ambito dei provvedimenti per il rilancio economico del Paese. E' questo quanto richiesto dall'Amministrazione comunale per la Città di Prato, un tema al centro dell'ordine del giorno presentato dall'onorevole Nardi dopo una interlocuzione tra il sindaco e il capogruppo Pd alla Camera dei Deputati.

"Ringrazio i parlamentari Pd che lavorando alla legge di Bilancio in commissione, visto quanto richiesto per Biella, mi hanno contattato per recepire la necessità di analoghi interventi per Prato - sottolinea il sindaco Biffoni -. Immediatamente abbiamo chiesto di chiedere un sostegno anche per il nostro distretto tessile".

Quello che si richiede, in particolare, è di includere anche Prato nelle misure che sono previste per Confindustria Biella. Durante la fase di discussione dei provvedimenti di sostegno economico in commissione è stato infatti aggiunto l'articolo 26-bis che attribuisce all'Unione industriale biellese un contributo di 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021-2023, a tutela della filiera e delle attività di ricerca e sviluppo del settore.

"Un intervento che deve essere esteso anche al distretto tessile di Prato, in crisi a causa del crollo delle esportazioni e delle conseguenze dell'emergenza sanitaria - sottolinea il sindaco Matteo Biffoni -. La richiesta avanzata per Confindustria Biella da parte di alcuni parlamentari di Forza Italia si fonda sulle stesse motivazioni che rendono necessario un analogo intervento per Prato. Ringrazio l'onorevole Nardi che subito ha colto i bisogni del nostro distretto e ha presentato un ordine del giorno in discussione già domani alla Camera".

“Estendere urgentemente gli aiuti previsti per il distretto del tessile biellese anche a quello di Prato, che sta subendo una profonda crisi”, è questa la richiesta di Martina Nardi, presidente della commissione Attività produttive alla Camera dei Deputati, espressa in un ordine del giorno presentato oggi. “Chiediamo al Governo un impegno concreto a intervenire, già nei prossimi provvedimenti di sostegno e di rilancio economico, sul distretto pratese che ha subito, come e più di altri, pesanti ripercussioni a cause del crollo dell’export”. La richiesta nasce dalla misura presentata in Commissione “che attribuisce all’Unione industriale biellese un contributo di 5 milioni di euro per tre anni a tutela della filiera e delle attività di ricerca e sviluppo del settore. Viene poi demandata ad un decreto del Ministro dello sviluppo economico la definizione dei criteri di selezione dei programmi e delle attività finanziabili. Tali contributi devono essere estesi anche al distretto pratese - aggiunge Nardi - alla luce anche delle gravi difficoltà economiche che, una volta terminata la cassa integrazione, potrebbe tradursi nella perdita di numerosi posto di lavoro.”

Redazione Nove da Firenze