​Taser presto in uso alla Polizia Municipale di Firenze

Contraria l'opposizione di sinistra che invita Palazzo Vecchio a ripensarci


 Il comandante della Polizia Municipale di Firenze ha annunciato che sarà in dotazione il taser anche per il corpo fiorentino.
L'arma elettronica dopo la fase di sperimentazione avviata con Arma dei Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza si avvia all'uso nei corpi di polizia locale.

 "Ma il Pd non era contrario al decreto Salvini? E allora perché una decisione di questo tipo? L'assessore Gianassi non è convincente in aula, sembra più in balia delle decisioni del comandante” commenta Tommaso Grassi, capogruppo di Firenze riparte a sinistra.

 “La risposta che abbiamo ricevuto oggi non solo non è soddisfacente ma neanche credibile politicamente. Come si può demandare al direttore di un servizio una decisione di questo tipo? Il Consiglio comunale così viene esautorato del proprio ruolo di indirizzo e controllo. Sono inaccettabili le parole ascoltate oggi in aula – continua Grassi – se il Partito Democratico è così contrario al decreto sicurezza lo esprima non solo a parole ma con atti concreti. Non dimostra coerenza con la scelta di dotare di taser, anzi va in pieno conflitto con quanto annunciato nelle scorse settimane. Il nostro non è un attacco personale – conclude il capogruppo – ma l'ennesima sottolineatura del fatto che alla direzione della Polizia Municipale non c'è una chiara visione della città di Firenze e dei suoi reali problemi”.

Redazione Nove da Firenze