Suvignano, la tenuta confiscata alla mafia: Matteo Salvini la consegna alla Regione Toscana

Il vice premier è stato accolto dagli applausi dei militanti leghisti


Da oggi Suvignano è proprietà della Regione Toscana, che gestirà il bene tramite Ente Terre concordando l’utilizzo con i comuni di Monteroni d’Arbia e Murlo. Tutti i soggetti interessati hanno infatti firmato gli atti per il passaggio di proprietà.

"Questa tenuta potrà generare reddito" ha spiegato il vice premier Matteo Salvini firmando l'atto della consegna. "L'obiettivo - ha aggiunto - è che i beni confiscati alla mafia producano reddito. E' questa l'antimafia dei fatti che ci piace".

Il bene è il simbolo delle confische in Toscana, dove la criminalità organizzata "sciacqua i propri denari" e fa affari. Il consiglio direttivo dell'agenzia nazionale ha deliberato il conferimento delle quote sociali di Agricola Suvignano, con un passaggio di quote gratuito, a Ente Terre regionali toscane, che già si occupa di altre proprietà demaniali o in gestione, fa sperimentazioni in campo agricolo e forestale e tutela e valorizza le risorse genetiche autoctone, bestiame compreso.
Successivamente al decreto del direttore dell'agenzia, prefetto Sodano, è stato sottoscritto un verbale di consegna.

Sul posto ha avuto risonanza mediatica il tuffo di Salvini l'autunno scorso. 

L'assessore alla presidenza della Toscana, Vittorio Bugli, ha ben chiaro quello che dovrebbe essere il futuro della tenuta, (leggi la storia http://www.toscana-notizie.it/-/suvignano-storia-di-una-confisca-e-di-una-ferita-sanata-nella-toscana-felix). "Uno dei beni più importanti confiscati in Italia – ricorda l'assessore -, di gran lunga il più grande in Toscana".

La firma si svolge nel giardino, oggi baciato dal sole di fianco alla colonica dove da primavera fino alle porte dell'autunno vengono ospitati i turisti. Una trentina i posti a disposizione. La piscina oggi è vuota e senza acqua. Tutt'attorno lo sguardo si gode comunque il verde delle colline dove in estate pascolano le pecore sarde, cavalli, ciuchini e le cinte senesi. A ridosso crescono gli olivi e più lontano i boschi. Decisamente un'oasi di pace, lambita dalla via Francigena che passa poco distante.

Da anni la Regione lavora al progetto di restituire il bene ai cittadini, di farne una simbolo della lotta alle mafie, l'emblema di quello Stato che si oppone alla criminalità organizzata che anche in Toscana sciacqua i propri denari e fa affari. E' stato un percorso difficile e lungo. Ad un certo momento si è rischiato che l'azienda – oltre settecento ettari di terreni, diciassette casolari e 21 mila metri quadrati tra immobili e magazzini, una chiesetta di fianco all'edificio principale, una villa e una colonica di pregio – fosse messo all'asta. Poi un paio di anni fa la svolta. Bugli ringrazia il lavoro dell'agenzia nazionale per i beni confiscati: il prefetto Sodano che l'ha guidata negli ultimi anni, il prefetto Frattasi che il 19 gennaio gli è succeduto. Ringrazia anche chi ha gestito in questi anni l'azienda.

"Siamo soddisfatti – dice – ma sentiamo anche il peso e l'impegno di dover ora far funzionare questa ricchezza enorme, far sì che la tenuta mantenga i conti in ordine e sia volano per la valorizzazione del territorio, ma diventi appunto anche un simbolo della lotta alla legalità nella nostra Regione. E lo faremo insieme alle amministrazioni locali, di Monteroni d'Arbia e di Murlo, dove la tenuta sorge".

Per il 2019 la Regione, che gestirà l'azienda attraverso Ente Terre, ha già stanziato in bilancio 800 mila euro. Altre risorse sono previste nel bilancio dei prossimi tre anni. "Serviranno per mettere a punto alcuni fattori produttivi – spiega Bugli – ma anche per ristrutturare la palazzina di fianco alla villa dove vogliamo, da subito, portare scolaresche e creare percorsi di educazione alle legalità". Il fulcro dell'attività economica rimarrà la produzione agricola e zootecnica e si potranno creare anche alcuni posti di lavoro. L'attivià dell'agriturismo, oggi in grado di accogliere ospiti solo in estate, sarà ulteriormente sviluppata. Ma sarà appunto anche un luogo di cultura e di attività sociali.

“Dopo 11 anni dalla confisca finalmente una comunità intera si riappropria del territorio: oggi ha vinto la legalità - spiegano Simone Bezzini e Stefano Scaramelli, consiglieri regionali Pd del territorio senese - Quella di oggi è anche una grande opportunità di rilancio per una terra straordinaria che finalmente potrà essere valorizzata come merita grazie al lavoro che la Regione porterà avanti di concerto con i comuni”.

“Proprio i comuni di Monteroni d’Arbia e Murlo infatti saranno protagonisti del futuro della tenuta, dal momento che costituiranno il tavolo di coordinamento che per i prossimi dieci anni dovrà stabilire linee guida e strategie del piano di sviluppo. – sottolineano Bezzini e Scaramelli – La cessione del bene alla Regione, attesa da tempo, rappresenta sicuramente una svolta positiva per il territorio, anche in termini di ricadute occupazionali”.

Redazione Nove da Firenze