Settimana della rianimazione cardiopolmonare

Al via i corsi per gli studenti delle quinte classi delle scuole medie superiori. Primo appuntamento sabato prossimo al Palagio di Parte Guelfa. Focus speciale delle Commissioni consiliari 4 e 5


Continua il progetto per la cardio-protezione delle palestre scolastiche e degli impianti sportivi fiorentini, fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale di Firenze. “Proprio nella settimana “Viva”, dedicata alla sensibilizzazione del mondo scolastico sulla rianimazione cardiopolmonare precoce iniziano i corsi rivolti agli studenti delle quinte classi delle scuole medie superiori in collaborazione con IRC Comunità. Partiamo sabato prossimo, 17 ottobre – spiega l’assessore allo sport di Palazzo Vecchio Andrea Vannucci – al Palagio di Parte Guelfa con 150 ragazzi dell’istituto Sassetti Peruzzi e del liceo Michelangelo. Proseguiremo sabato 24 ottobre al Pala Valenti con 350 ragazzi del Liceo Pascoli, con l’istituto Leonardo Da Vinci, col Liceo Castelnuovo e col Liceo artistico. Siamo molto soddisfatti della risposta ricevuta dai ragazzi. Abbiamo 1500 adesioni e questi in calendario sono solo i primi due appuntamenti del corso che proseguirà durante tutto l’anno scolastico”.

Nella giornata simbolo della settimana “Viva”, dedicata alla sensibilizzazione del mondo scolastico sulla rianimazione cardiopolmonare precoce, le commissioni Cultura e sport e sociale e salute pubblica del Comune di Firenze hanno dedicato la seduta all’approfondimento del tema. Hanno partecipato alla seduta gli assessori Vannucci e Funaro e la responsabile del servizio 118 Lucia De Vito. Il Comune di Firenze, attraverso l’assessorato allo sport, è intervenuto nelle scuole promuovendo il progetto “Palestre Cardioprotette” e col relativo corso, rivolto ai docenti ed ai ragazzi dell’ultimo anno delle scuole medie superiori, al quale hanno risposto ben 1500 adesioni. Il 21 novembre tutti i consiglieri comunali sono invitati a partecipare al corso BLSD presso la nuova sede del 118 all’IOT (Palagi) nel viale Michelangelo, 41.
Anche l’assessorato al sociale sta intervenendo sullo stesso tema cercando di rendere sempre più cardioprotetta la nostra città favorendo la diffusione della presenza di defibrillatori nei siti più frequentati di Firenze. I presidenti Maria Federica Giuliani (Cultura e sport) e Nicola Armentano (Sociale e salute pubblica) sottolineano come: “la cultura del soccorso va al di là di qualsiasi legge come ha legiferato legittimamente la Regione Toscana. L’unico errore è non fare nulla”.

Redazione Nove da Firenze