Sentinelle di notte a Cascina: prima esperienza del genere in Toscana

Attivato un protocollo d'intesa con il Corpo Guardie di Città per la sorveglianza notturna


 Si chiama “Sentinelle di notte” il nuovo progetto che il Comune di Cascina, insieme al Corpo Guardie di Città, avvierà nei prossimi giorni su tutto il territorio comunale. Si tratta di un servizio che integrerà insieme il lavoro della Polizia municipale con la sorveglianza notturna condotta dalle Guardie di Città, che dalle 20:00 della sera e fino alle 05:00 del mattino, vigileranno su parchi, scuole, uffici, palazzi ed in generale tutte le proprietà mobili ed immobili comunali, sia per prevenire eventuali reati, come furti, danneggiamenti o vandalismi, sia per segnalare eventuali disservizi, per esempio lampioni che non funzionano, sottopassi impraticabili eccetera. Durante i loro percorsi notturni, che saranno concordati con la Polizia municipale, le guardie giurate potranno monitorare il territorio e le aree più sensibili, segnalare alle forze dell'ordine eventuali problemi o situazioni sospette e fornire supporto in caso di necessità.


«Tra gli strumenti che i comuni hanno a disposizione per provvedere alla sicurezza della comunità c'è anche quello di avvalersi di istituti di vigilanza privata in determinati orari ritenuti “a rischio” - spiega Susanna Ceccardi, sindaco di Cascina – e a Cascina abbiamo deciso di utilizzarlo, avviando il servizio per il momento in via sperimentale, comprendendo tutte le festività natalizie, dal 1 dicembre e per i successivi 45 giorni, per venire incontro al bisogno di sicurezza dei cittadini».

«Sarà attivo un servizio di vigilanza armata con pattuglie del Corpo Guardie di Città che sorveglieranno i beni mobili ed immobili del Comune di Cascina collocati in tutte le frazioni, dal centro alle zone artigianali, fino a quelle più isolate – dice Mariano Bizzarri Ollandini, amministratore unico del Corpo Guardia di Città - durante tali controlli ispettivi notturni le Guardie di Città effettueranno anche un’azione di osservazione preventiva del territorio e delle aree più sensibili per segnalare alle forze dell'ordine eventuali reati o situazioni sospette. I cittadini potranno inoltre avvalersi di un numero verde e di un numero WhatsApp, messi a disposizione dal nostro istituto di vigilanza per effettuare eventuali segnalazioni durante la notte. Le Guardie di Città si occuperanno della tutela del patrimonio pubblico, garantendo presenza in ogni quartiere e nei luoghi sensibili secondo percorsi prestabiliti, ma saranno anche utili per segnalare situazioni di altro genere, come alberi e rami pericolosi o caduti, problemi di illuminazione pubblica, occupazioni o insediamenti abusivi, ma anche zone allagate, strade interrotte, discariche abusive, danneggiamenti o furti ai beni comunali eccetera, operando un’attenta attività di osservazione del territorio per contribuire ad una efficace azione di contrasto alle fenomenologie che incidono negativamente sulla sicurezza urbana, contribuendo così ad ampliare il bagaglio di informazioni relative ai fattori ambientali che incidono sulla sicurezza, necessarie alle forze dell'ordine e alla Polizia municipale».

«In altre parole – prosegue Mariano Bizzarri Ollandini - il ruolo delle Guardie di Città sarà quello di intensificare ancora di più la presenza sul territorio con una organizzazione di sicurezza complementare alle forze di polizia che garantisce occhi in più sui luoghi pubblici o potenzialmente a rischio. Si tratta di un servizio che già esiste in numerosi comuni italiani, ricordo Udine, Bergamo, Brescia e Padova, e che a Cascina, ma anche in Toscana, viene adottato per la prima volta con la particolarità che sarà utilizzata una specifica app di Vodafone rimodulata per tali specifiche esigenze di servizio per certificare e condividere in tempo reale tutte le informazioni utili alle forze dell’ordine, a mezzo immagini con orario e geo-localizzazione e con la gestione dei messaggi di testo che possono essere ricevuti dai vari incaricati del Comune di Cascina e dai soggetti pubblici e privati che aderiranno al progetto. Infine, ricorderei un aspetto importante dell’attività delle Guardie di Città: la redazione del report giornaliero dell’attività di vigilanza, in cui vengono evidenziate le criticità riscontrate durante il servizio, per permettere al Comune di intervenire con mirate azioni volte al miglioramento della qualità della vita dei propri cittadini».

«Per il nostro lavoro ogni segnalazione che ci arriva dai cittadini o dagli operatori sul territorio è di vitale importanza – dice Paolo Migliorini, comandante della Polizia municipale di Cascina- anche quella che può apparire irrilevante può in realtà nascondere uno spunto per una operazione importante. Solo per fare un esempio, dopo una segnalazione di un motorino in sosta da tre giorni nello stesso posto, fatta attraverso la nostra app Muncipium, siamo riusciti a smantellare un giro di spaccio in zona. Ecco perché questo servizio può servire molto a garantire la sicurezza».

«Il progetto Sentinelle di notte sta accanto e vicino alle persone - aggiunge l'onorevole Donatella Legnaioli, assessore alla Polizia municipale di Cascina – in un territorio vasto con oltre venti frazioni e darà più tranquillità ai cittadini. Mi auguro che il progetto abbia ottimi risultati e che possa continuare in futuro».

Il progetto è stato presentato stamattina in municipio a Cascina in una conferenza stampa cui hanno partecipato anche Valerio Massimo Romeo, prefetto reggente di Pisa, Paolo Pizzimenti, Capo di gabinetto della Questura di Pisa, Stefano Ribechini, pre-sales manager area centro Italia di Vodafone e Giovanni Zambito, di Sistemi Tlc.

Redazione Nove da Firenze