Scuole, strade, viabilità: 208 milioni di euro in investimenti dalla Città Metropolitana

​Il Consiglio e la Conferenza approvano il bilancio di previsione 2021-2023. Ecco i principali progetti illustrati dal Sindaco Dario Nardella. La delibera presentata da Brenda Barnini. 101 milioni per le scuole, 60 per viabilità e pianificazione del territorio, 6,2 per la gestione di beni immobili


Stamani il Consiglio e la Conferenza Metropolitani, su proposta del Sindaco Dario Nardella e dopo l'illustrazione di Brenda Barnini, vice Sindaco Metropolitano con delega al Bilancio e al Personale, hanno approvato il bilancio di previsione 2021-2023. Il bilancio di previsione è stato approvato con i voti del Pd. Contrari Centrodestra per il cambiamento e Territori beni comuni.

"Abbiamo attivato tutte le risorse possibili - spiega il Sindaco Metropolitano - Nonostante le difficoltà imposte dall'emergenza sanitaria e il calo di entrate tributarie, il nuovo bilancio triennale prevede investimenti per complessivi euro 208 milioni di euro. Di questi 101 milioni per le scuole e l'edilizia scolastica; 60 milioni circa per la viabilità e la pianificazione del territorio; 6,2 milioni di euro per la gestione di beni immobili. Si tratta di investimenti solidi, da ricondurre a una visione complessiva di fondo che è quella del piano strategico dell'ente. La Città Metropolitana è sempre più una realtà, un punto di riferimento per lo sviluppo sostenibile ed efficiente di tutto il territorio metropolitano".

"Approvare il bilancio durante l'emergenza Covid non era scontato - ha sottolineato Brenda Barnini - Ringrazio tutti gli Uffici della Città Metropolitana, in particolare la Direzione risorse finanziarie, perchè consegniamo un bilancio in equilibrio formale e sostanziale" .

Scandagliamo la voce '''edilizia scolastica''' (e non solo), 101 milioni di euro per:

  • l'adeguamento sismico e antincendio e la riqualificazione di spazi degli istituti superiori;
  • la realizzazione della nuova sede dell'Istituto Pascoli (polo di San Salvi) per 4 milioni;
  • realizzazione del nuovo Liceo artistico Virgilio (8 milioni di euro - come richiesta di finanziamento al MIUR);
  • nuovo polo Istituto Meucci: 39,3 milioni di euro;
  • nuovo istituto scolastico di Campi Bisenzio per 17 milioni di euro (come richiesta di finanziamento al MIUR);
  • 2,7 milioni per strutture sportive: secondo lotto del Campo da Rugby (917 mila euro), palestra del Chino Chini (400 mila euro), nuovo campo sportivo della succursale del Marco Polo (150 mila euro), nuovo campo sportivo esterno polivalente del Buontalenti (150 mila euro).

Alla voce edilizia scolastica deve essere ricondotto anche il finanziamento complessivo del nuovo Istituto Agnoletti per il quale restano da investire nel 2021 oltre 6 milioni e 100 mila euro.

''Patrimonio''

  • 5,9 milioni dal 2021 al 2023 sono destinati a Palazzo Medici Riccardi per il restauro conservativo della facciata (2 milioni di euro) e per il completamento di una scala interna (3,9 milioni di euro).
  • 253 mila euro nel triennio saranno investiti rispettivamente per 133 mila nel Parco Mediceo di Pratolino (consolidamento del versante sud) e per 120 mila nel centro operativo 'La Chiusa'.

Per quanto riguarda la '''viabilità e le infrastrutture'''

  • 29,8 milioni di euro (di cui 20,7 fondi MIT, gli altri 9,1 dalla Regione) sono destinati alla manutenzione ordinaria delle strade di competenza.
  • Discorso a parte per la manutenzione straordinaria di ponti e viadotti, per la quale sono stanziati complessivamente 8.825.000,00 euro, destinati tra l'altro ai ponti della Srt 302 "Brisighellese Ravennate" e alla Sr 2 'Cassia'.
  • Finanziate le piste pedociclabili il lotto A della Signa-Montelupo per 385.160,82 euro e il lotto B per 330.218,18;
  • quindi la superstrada ciclabile Firenze-Prato per 8.468.933,84:
  • la pista ciclabile Bagno a Ripoli-Pontassieve-Rignano per 4.200.000,00.

In ordine alla pianificazione territoriale e alla viabilità, inoltre, sono in corso di completamento opere per cui è stato attivato il commissariamento:

  • la Cassa di espansione di Fibbiana per 13,3 milioni di euro;
  • il completamento della nuova Srt 429 i cui lotti sono stati finanziati per il IV, appena inaugurato, per 15,7 milioni;
  • il V per 13,5 milioni;
  • gli altri lotti per 14,1 milioni.
  • Altri interventi in corso sono la Variante al Srt 222 (Chiantigiana) per la quale sono investiti complessivamente 27,7 milioni di euro (9 milioni circa nel 2021 e oltre 11 milioni e 400 mila nel 2022)

Alla Cultura e ai progetti delle associazioni culturali sono destinati nel 2021 contributi per 2,1 milioni di euro.

Nel 2021 sono previste entrate dai tributi (Ipt, Rc Auto e Tefa) per 97 milioni di euro di cui 49,1 da rimborsare allo Stato. Altre entrate sono calcolate per sanzioni al Codice della Strada per 9,6 milioni di euro e 400 mila euro dagli ingressi al Museo di Palazzo Medici Riccardi (con una sensibile flessione rispetto agli 1,4 milioni del 2019 dovuta ai provvedimenti adottati per l'emergenza sanitaria). Da registrare che complessivamente tra il 2019 e il 2020 le entrate tributarie hanno registrato un calo di 25,8 milioni.

Prima della discussione sul bilancio di previsione, il Consiglio metropolitano ha preso in esame e approvato atti ad esso propedeutici, quali una variazione al Documento unico di programmazione 2020-2022, una nota di aggiornamento al Dup 2021-2023, una determinazione delle misure e delle aliquote dei tributi Ipt, Rc Auto e Tefa dal 2021, il Regolamento su modalità, tempi di riversamento e rendicontazione della Tefa, l'utilizzo di entrate vincolate per l'esercizio finanziario 2021, le somme non soggette ad esecuzione forzata nel primo semestre 2021.

"Siamo davvero molto contenti di aver potuto approvare il bilancio 2021/23 della Città Metropolitana di Firenze entro il 31 dicembre nonostante le incertezze generate dai minori introiti a causa della pandemia": Per Massimo Fratini, capogruppo del Pd in Metrocittà Firenze, "è il segno di una amministrazione attenta e di una gestione sana del bilancio sia di parte corrente che di investimenti. Dopo molti anni abbiamo ricominciato ad assumere. Molti sono i bandi aperti o che si apriranno nei prossimi mesi". "In questo periodo difficile siamo riusciti a mantenere invariata la nostra capacità di spesa mantenendo bassissimo l'indebitamento, e non aumentando le aliquote delle tasse e delle tariffe - continua Fratini - Nel 2021 sono previste entrate dai tributi (Ipt, Rcauto e Tefa) per 97 milioni di euro di cui 49,1 da rimborsare allo Stato". "Abbiamo previsto 81 milioni di euro per l'edilizia scolastica" e "stiamo partecipando a bandi per la messa a norma antisismica di tutte le scuole, manteniamo i contributi per la cultura, non aumentiamo tasse e tariffe". In questo periodo difficile "siamo riusciti a sostenere la nostra capacità di spesa mantenendo bassissimo l'indebitamento".

Il gruppo Territori beni comuni ha espresso in Consiglio metropolitano la propria contrarietà al Bilancio di previsione 2021 - 2023. Le considerazioni positive per un bilancio approvato nei tempi e che non presenta gravi criticità tecniche "non può comunque far ignorare che tanto di più si potrebbe e si dovrebbe fare, soprattutto con interventi diretti di sostegno per i quali pur ci sarebbe un margine di parte corrente e, dal punto di vista della capacità di spesa, per i tanti finanziamenti iscritti sulla parte capitale". Voto coerentemente contrario è stato espresso anche sul anche sul Documento unico di programmazione: particolare rilevanza "ha qui un piano di fabbisogno del personale che da una parte fotografa una forte sofferenza per una dotazione organica incompleta, ma che dall'altra non riesce a delineare strategie credibili per farvi fronte. Come abbiamo ripetuto in aula servono concorsi che generino graduatorie di personale immediatamente disponibile e con competenze mirate, mentre deve essere ridotto il ricorso al lavoro precario e su chiamata".

Il bilancio della Citta` Metropolitana "ha un ampio avanzo di amministrazione, ma senza usarlo per abbassare le tasse ai cittadini e` solo fine a se? stesso": cosi` Paolo Gandola, consigliere di Forza Italia nel Centrodestra per il cambiamento si è espresso questa mattina durante la discussione sul bilancio di previsione 2021 dell'ente metropolitano. La decisione dell'amministrazione Nardella di "non promuovere nemmeno un minima riduzione delle aliquote Ipt, Rca o Tefa e` un grave e colpevole errore. La leva fiscale oltre che aumentare la competitivita` di imprese e artigiani, toglierebbe alcuni macigni non indifferenti che gravano sulla spalle di tante imprese, esercizi commerciali e cittadini che oggi stanno combattendo una battaglia per la sopravvivenza a causa della crisi innescata dal Covid-19". Usare gli introiti per investimenti "e` fondamentale ma non e` sufficiente. Usare una parte del presunto avanzo di amministrazione, che dai dati risulterebbe di circa 94 milioni di Euro, dovrebbe essere un dovere morale in questa fase di profonda crisi ed incertezza economica ma l'ente ha preferito prioritariamente mettere al sicuro le proprie casse. Tipico esempio di una gestione pubblica che la Sinistra rende solo fine a se? stessa, mentre noi del Centrodestra promuoviamo, da sempre, una amministrazione al servizio di cittadini ed imprese". Passando all'analisi dei conti "salta subito all'occhio come il bilancio sia mantenuto in equilibrio con un apporto sostanzioso e sostanziale da parte dello Stato centrale passato da 9,6 milioni di Euro a 37,8 milioni di euro. Nel 2021 si presume "un altrettanto imponente aiuto da parte dello Stato per cio` che concerne gli interventi di investimento per una cifra di circa 45,6 milioni di Euro, mentre nel 2020 erano di poco sopra i 25,5 milioni. Cifre "monster" che se non giungessero metterebbero seriamente a rischio l'effettiva realizzazione degli interventi cui sono poste a copertura". "Molto grave" sarebbe la "bassa capacita` di riscossione che la MetroCitta` dimostra di avere. Si pensi che per le sole sanzioni del Codice della strada su 7,9 milioni di Euro di multe solo 3,9 milioni sono effettivamente introitate dall'ente, mancando all'appello ben 4 milioni di euro; un fatto del tutto inaccettabile e profondamente iniquo per i tanti cittadini onesti che, invece, pagano regolarmente e nei tempi stabiliti le proprie contravvenzioni". Anche la riscossione da recupero evasione "e` un colabrodo. Se da una parte l'impegno alla lotta all'evasione, tanto decantata a Sinistra, produce per cio` che concerne l'Ipt solo 8.340 Euro, solo il 10% di questi risultano poi effettivamente incassati (una cifra di poco superiore agli 840 euro); un importo del tutto irrisorio, che dovrebbe indignare ciascuno di noi e che dovrebbe interrogarci sulle necessita` di mettere mano, con urgenza, alla gestione della riscossione all'interno del nostro ente". Altro fatto da rimarcare "e` il troppo elevato ammontare del Fondo Pluriennale Vincolato, il che significa investimenti che si protraggono nel tempo e che non si chiudono nell'annualita` in cui nascono. Anche questo e` un dato che necessita` approfondimenti e analisi". Da ultimo "ci sia concesso ricordare nuovamente all'Amministrazione metropolitana e al Sindaco Nardella in primis, cosi` come fatto dai Sindaci revisori, l'importanza di comunicare i dati relativi al bilancio di previsione alla banca dati delle amministrazioni pubbliche nei termini previsti dalla legge, pena l'impossibilita` di procedere con il piano assunzionale dell'ente, anch'esso discusso e votato quest'oggi dal Consiglio metropolitano e tanto importante per far funzionare in modo efficace ed efficiente la Citta` Metropolitana".

Redazione Nove da Firenze