San Jacopino, 800 firme per riavere il bus Ataf 22

Draghi (Fratelli d’Italia): “Presentata un’interrogazione per capire se l’amministrazione intenda rimediare e andare incontro ai bisogni dei residenti, soprattutto anziani”


A San Jacopino c'è nostalgia del 22,. Il vecchio bus Ataf che portava nel cuore del rione evitando lunghi tratti di strada a piedi. Il capogruppo di Fratelli d’Italia Alessandro Draghi si è interessato della questione:

“A settembre scorso - afferma - come vice presidente della commissione Mobilità, ho effettuato un sopralluogo alla presenza dell'assessore Giorgetti per vedere come risolvere la situazione di piazza San Jacopino. Sottolineo che le richieste dei residenti del rione sono pienamente fondate; sia quella di far percorrere al 16, che viaggia spesso con vetture vuote, interamente via Galliano, sia quella di richiedere un mezzo più comodo per arrivare in centro, dal momento che adesso, da quando esiste la T2 della tramvia si è costretti ad effettuare due cambi, al contrario di una volta, quando il "vecchio" 22 ti portava addirittura quasi in piazza della Repubblica.
Ho appena presentato un'interrogazione per sapere come l'amministrazione si muoverà per risolvere questo problema.
Il quartiere è a forte vocazione residenziale e abitato da molti anziani; sono presenti scuole, palestre, persino un presidio Asl. Non merita di essere isolato fra le due tramvie (una già in funzione, una di futura costruzione); le 757 firme raccolte dai due comitati di cittadini sono la prova che il servizio di trasporto pubblico, con l’avvento della tramvia, è peggiorato”, termina Draghi.

Redazione Nove da Firenze