Piazza della Repubblica, libera in estate: lavori ad ottobre

A far slittare i tempi i reperti archeologici vincolati dalla Soprintendenza


Nessuna sospensione ma una nuova tempistica dettata dai ritrovamenti archeologici. 

“Non sospendiamo i lavori ma completiamo le opere dei cantieri attualmente aperti sulla base delle aree svicolate dalla Soprintendenza. Poi sulle altre zone interessate dal progetto di riqualificazione interverremo a ottobre in modo da liberare la piazza nel periodo estivo”. 

È quanto precisa l’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti intervenendo sulla vicenda dei cantieri della riqualificazione della pavimentazione di piazza della Repubblica. “La nuova articolazione dei lavori è stata decisa perché i tempi necessari per esaminare i ritrovamenti archeologici hanno fatto saltare ogni programmazione” sottolinea l’assessore che aggiunge: “Oggi è in corso il getto delle fondazioni nel settore del cantiere lato Pellicceria e il 2 maggio inizieranno i lavori di posa del lastrico. La durata di questo intervento è di una quindicina di giorni dopo di che questa parte della piazza potrà riaprire”.

I lavori di saggi, scavi, realizzazione delle fognatura e successiva posa del lastrico nelle altre parti del cantiere proseguiranno via via che saranno rilasciati i nulla osta da parte della soprintendenza.

“Le parti del cantiere oggi aperte, che saranno ultimate con le pavimentazione e quindi riaperte alla circolazione pedonale, non avranno bisogno di ulteriori interventi” conclude l’assessore Giorgetti.

Redazione Nove da Firenze