“Rave party proibito sulla pescaia del Lungarno Santa Rosa”

La denuncia di Andrea Asciuti (Lega Salvini Firenze). E il capogruppo Bussolin torna sulla manifestazione dei centri sociali in Santo Spirito: "Abbiamo depositato una domanda di attualità per chiedere al Sindaco cosa pensa di fare per riportare la pace in Oltrarno"


“Ancora una volta Firenze ha subito un rave party non autorizzato. E' successo la scorsa notte nella pescaia del Lungarno Santa Rosa – commenta il consigliere della Lega Salvini Firenze Andrea Asciuti – dove ormai da anni assistiamo, sempre nello stesso periodo, ad uno scempio della città. Mi sono soffermato fino alle 2 di notte. Ho avvisato la Polizia municipale di quanto stava accadendo e mi hanno risposto che sarebbero intervenuti ma intanto il disturbo alla quiete pubblica ed il continuo sfregio che viene perpetrato ai danni di Firenze ed al suo fiume era stato commesso. Non si può continuare in questa maniera – conclude il consigliere della Lega Andrea Asciuti – occorre un maggior controllo della città, più pattuglie per le strade, una maggior tutela per tutti i cittadini”.

Intanto non si placano le polemiche dopo la manifestazione nella notte tra sabato 3 e domenica 4 luglio ad opera dei Centri Sociali. La Lega torna anche su questo. "Non si può stare a guardare – dichiara il Capogruppo in Palazzo Vecchio Federico Bussolin – i residenti sono esasperati e le soluzioni proposte sono ininfluenti. Abbiamo depositato una domanda di attualità per chiedere al Sindaco cosa pensa di fare per riportare la pace in Oltrarno. Congiuntamente chiediamo se Nardella ritenga che sia arrivato il momento di procedere con l’installazione della cancellata per difendere il Sagrato della Basilica di Santo Spirito  di notte: a mali estremi dobbiamo utilizzare estremi rimedi – conclude Bussolin – senza penalizzare gli esercizi commerciali in questa fase drammatica”.

Redazione Nove da Firenze