Prossimamente in sciopero la Polizia municipale

La decisione dei sindacati attiverà lo stato di agitazione nelle prossime settimane


Lo stato di agitazione è già stato formalmente inoltrato alla Prefettura Firenze, al Sindaco Nardella ed alla Commissione di garanzia. Lo sciopero è stato deciso in un'assemblea dei vigili di Firenze, ove è stato votato all'unanimità. Possibili scioperi avranno luogo già a partire dai primi giorni di aprile.

Mercoledì si sono tenute le assemblee del personale della Polizia Locale di Firenze. I motivi che hanno portato le organizzazioni sindacali al confronto con i lavoratori sono principalmente di natura contrattuale e per il mancato rispetto di accordi sottoscritti con l’amministrazione. Dallo scorso maggio è entrato in vigore il nuovo contratto nazionale per gli Enti Locali, che porta un’innovazione sulla Polizia Locale con una sezione speciale ad essa dedicata e indennità specifiche, riconoscendone così l’importanza e l’impegno. Il Contratto Nazionale indicava nel 31,12,2018 il termine entro il quale rinnovare i Contratti decentrati. Alla fine dell’anno scorso, veniva sottoscritto da RSU e organizzazioni sindacali, un contratto ponte con l’Amministrazione per darsi il tempo tecnico di recepire tutte le novità introdotte. In questo contratto, le parti si impegnavano reciprocamente a giungere alla stesura definitiva entro il primo marzo. Ad oggi, si è ancora lontani dalla firma. L’assemblea dei lavoratori ha discusso anche di altri temi quali le progressioni economiche e il benessere organizzativo. Tema molto sentito, dato che a fronte di organici sempre più esigui e con età anagrafiche che avanzano, al Corpo sono stati chiesti maggiori impegni e maggiori compiti, con relativi aggravi sui carichi di lavoro e rischi connessi. Al termine del dibattito l’assemblea ha votato lo stato di agitazione.

Redazione Nove da Firenze