Pistoia: morto Roberto Chiti, vivaismo in lutto

Il presidente di Avi Luca Magazzini: "Impegno costante e mai banale, ci mancherà molto". Zelari (Confagricoltura): "Questa sua prematura scomparsa lascia un vuoto incolmabile nel settore"


L'intero Distretto vivaistico ornamentale di Pistoia e l’Associazione vivaisti italiani (Avi) si uniscono nel cordoglio per la prematura scomparsa del vivaista Roberto Chiti e nelle condoglianze alla sua famiglia.

«Il suo spirito di sincera collaborazione con tutti i colleghi e l’impegno costante e mai banale per migliorare il vivaismo a tutti i livelli – dichiara il presidente di Avi Luca Magazzini - ci mancherà molto. Il vivaismo pistoiese lo ricorderà con orgoglio».

«E’ venuto a mancare un amico, un collega, compagno nell’impegno di rappresentare il vivaismo – aggiunge il presidente del Distretto vivaistico di Pistoia Francesco Mati -. Mancheranno il suo sorriso, la sua preparazione e non ultima la sua umanità».

Letteralmente distrutto è il vice presidente di Avi Gilberto Stanghini, che ha riferito queste toccanti parole di Roberto Chiti: «visto che sono un vivaista e che in questo momento il settore floricolo non naviga bene, desidero un funerale fiorito». «Roberto era un ragazzo esperto di politica – ha poi ricordato Stanghini – ed è stato anche consigliere comunale e vice presidente di Cia Pistoia, una persona molto pacata, umile e buona di carattere, molto attaccata al settore vivaistico».

Confagricoltura Pistoia piange la scomparsa prematura di Roberto Chiti, collega agricoltore di Cia Toscana Centro e noto vivaista.

«Conoscevo Roberto da una vita – commenta il presidente di Confagricoltura Pistoia Andrea Zelari - e questa sua prematura scomparsa lascia un vuoto incolmabile nel settore. Le mie più sentite condoglianze vanno alla famiglia e a tutti i suoi cari».

«Ci ha lasciato – aggiunge il direttore Daniele Lombardi - una persona seria, competente e appassionata che aveva a cuore il vivaismo. Rinnovo le mie più sincere condoglianze alla sua famiglia».

Redazione Nove da Firenze