Rubrica — In cucina

Pisa, San Ranieri all'insegna degli street food

Cibo di strada di qualità nella splendida cornice del Parco di San Rossore


Pisa - San Ranieri al Parco è la novità assoluta del Giugno Pisano nell'era del Covid-19. Una iniziativa inedita e originale per la tradizionale festa del patrono di Pisa, all'insegna del benessere e della qualità, organizzata e promossa da Confcommercio Provincia di Pisa, in collaborazione con l'Ente Parco di San Rossore, da una brillante idea del gruppo Confcommercio degli Street Food, che proprio in questi giorni hanno scelto l'associazione di via Chiassatello per costituirsi ufficialmente e rilanciare un settore di tendenza quanto mai apprezzato dal pubblico.

Cibo di strada di qualità, panini farciti, birre artigianali, dolci sarà questo le spettacolo culinario offerto dai truck accessoriati, in programma per tutto il giorno della festività del Santo Patrono, all'interno della straordinaria cornice del Parco di San Rossore. L'invito rivolto a tutti è quello di trascorrere una giornata di festa all'insegna del buon cibo, all'aria aperta, in un contesto ambientale unico. I furgoncini dello street food saranno posizionati nelle nuove aree parcheggio all'inizio di viale del Gombo, una zona di transito per le tante persone che passeggiano nella Tenuta lungo il viale.

“Il Parco è un luogo magnifico in cui stupirsi e istruirsi, da vivere nel pieno rispetto della natura, ideale per riprendersi dalle ferite del Covid e un vero modello di sviluppo economico” - queste le parole del presidente del Parco Giovanni Maffei Cardellini - “Abbiamo subito accolto la richiesta di Confcommercio, e via del Gombo, dove si collocheranno gli operatori di street food è una grande cattedrale gotica di pini secolari”.

Per la presidente di Confcommercio Pisa Federica Grassini si tratta “di una bellissima manifestazione nella cornice unica del Parco, che si svolgerà in piena sicurezza, nella festa del santo patrono, con attività che hanno seguito un percorso di eccellenza e di promozione enogastronomica. Il neo costituito gruppo degli street food di Confcommercio è un gruppo che ben rappresenta quello che noi vogliamo rappresentare come associazione: piccola impresa che da lustro e si rinnova, partendo dalle radici del territorio”.

“Per l'occasione apriremo il cancello della villa presidenziale del Gombo” – questo l'annuncio del direttore del Parco Riccardo Gaddi: “La villa è bellissima, attualmente in ristrutturazione, e la sua apertura rappresenta una ulteriore attrattiva per passeggiare lungo il viale dove si troveranno le postazioni dello street food”.

Per Dario Marchi, il presidente degli street food di Confcommercio - “siamo stati fermi per tanto tempo, e siamo contenti in questo modo di ripartire proprio dal parco. Sarà una cosa molto carina speriamo che la cittadinanza risponda molto bene, anche delle stesse persone che si recheranno sul mare. Il messaggio è che la nostra attività è a bassissimo rischio, la gente ha tutto lo spazio necessario, e i nostri prodotti sono tutti sigillati da contaminazioni esterne”.

“Fa piacere questo collegamento con le attività produttive del territorio, nel rispetto dell'ambiente e promuovendo la qualità eno-gastronomica locale” - il commento del vicepresidente del Parco Maurizio Bandecchi.

“Il parco è l'essenza dello street food, quindi aggregazione familiare, prati, postazioni all'aperto, passeggiate. E' una grande iniziativa” per Simone Zeverini.

“Il mondo dello street food non è da meno rispetto ad altre realtà fisse, ed è qualcosa che va incontro alle esigenze delle nuove generazioni” - le parole di Alessandro Settimio.

Il Gruppo degli Street Food si è costituto in seno a Confcommercio Provincia di Pisa. Dario Marchi (Il furgoncino giallo) ne è il presidente: fanno parte del Gruppo Simone Zeverini (Gao Street Food), Francesco Masini (Birrificio di Buti), Nicola Floris (Polpo e Birra), Alessandro Settimio (Jonny Fry)), Elisa Landi, Paola Ceccherini e Cosimo Talilli (Zenzero a Zonzo), Fabrizia Del Picchia (La Polentina), Leonardo Giampietruzzi e Gaia Piccini (Mangirando).

Nei giorni di sabato, domenica e festivi l’accesso alla Tenuta è consentito solo a piedi o in bici. L’accesso in auto è sempre consentito alle persone anziane, alle persone con disabilità, alle donne in gravidanza. Per accedere alla Tenuta è attivo il servizio gratuito con il trenino, con partenza dal parcheggio scambiatore di via Pietrasantina (partenze alle 8.30, 9.30, 10.30, 11.30), posti limitati, prenotazione obbligatoria chiamando il numero 050-530101 attivo da lunedì al sabato dalle 9 alle 13.

Redazione Nove da Firenze