Pisa: l’arrivo del primo volo Ryanair

Tradizionale water cannon, mentre i combattenti della magistratura San Marco trainano un Boeing 737 della compagnia irlandese per celebrare il nuovo spazio “Covid-safe” nell’area del check-in B del terminal. Il sindaco: «Salutiamo con fiducia la ripresa del sistema aeroportuale»


VIDEO — Pisa, 24 giugno 2020- Un aereo Ryanair trainato dai combattenti della Magistratura San Marco. Si è aperto lunedì sera con queste immagini, dall’elevato impatto emotivo e simbolico, l’evento “Pisa rimette in pista Ryanair” ospitato da Toscana Aeroporti presso lo scalo Galileo Galilei per celebrare la ripresa dei collegamenti operati da Ryanair da e per Pisa. Alla presenza, tra gli altri, del sindaco di Pisa Michele Conti, di esponenti della Magistratura San Marco e del Presidente e Amministratore Delegato di Toscana Aeroporti Marco Carrai e Roberto Naldi, è stato proiettato un video nel quale i combattenti della Magistratura San Marco – nel rievocare il tradizionale Gioco del Ponte – trainano un velivolo di Ryanair a voler simboleggiare gli sforzi e la dedizione messi in campo da Toscana Aeroporti e dalla compagnia aerea nel favorire la ripartenza con ben 42 collegamenti. A testimonianza dell’impegno di Toscana Aeroporti nella gestione dell’emergenza Covid-19, è stato inaugurato il nuovo spazio “Covid-safe” nell’area del check-in B del terminal dove, prima dell’ingresso nell’aerostazione, i passeggeri in partenza accederanno a un portale per la sanificazione personale, irrorato da una nebbiolina di perossido di idrogeno. A ogni passeggero saranno inoltre offerti guanti, mascherine e gel sanificante. Con la ripresa del traffico aereo ha preso inoltre il via anche il protocollo specifico ideato da Toscana Aeroporti che prevede, su base volontaria, la possibilità per i passeggeri in partenza di sottoporsi a un test sierologico veloce. L’atterraggio del volo delle 19.05 proveniente da Catania, celebrato con il consueto water cannon, ha infine testimoniato a tutti gli effetti la ripresa dei collegamenti operati da Ryanair da e per l’aeroporto di Pisa sia verso destinazioni nazionali – Palermo, Catania, Comiso, Trapani, Cagliari, Alghero, Lamezia Terme, Brindisi e Bari - sia verso destinazioni internazionali – Bruxelles-Charleroi, Londra-Stansted, Eindhoven, Ibiza, Madrid, Dublino, Barcellona-Girona, Valencia, Parigi-Beauvais, Malta, Budapest, Edinburgo, Göteborg, Lisbona, Manchester, Praga, Siviglia, Berlino, Billund, Bruxelles-National, Cefalonia, Midlands Orientali, Fez, Danzica, Leeds, Bucarest, Glasgow Prestwick, Marrakech, Rodi, Varsavia (Modlin), Fuerteventura, Gran Canaria, Tenerife.

“Straordinaria soddisfazione nel vedere dopo mesi davvero difficili il “ritorno alla vita” dell’aeroporto di Pisa. Essere qui oggi insieme alle principali autorità del territorio, al nostro primario partner Ryanair e alla Magistratura San Marco è motivo di grande orgoglio ed è un riconoscimento dello straordinario impegno messo in campo in questi mesi da Toscana Aeroporti per fronteggiare l’emergenza Covid-19 cercando di rendere gli scali dei luoghi “Covid safe” in grado di assicurare un viaggio sereno ai passeggeri”, ha affermato Marco Carrai, Presidente di Toscana Aeroporti.

Chiara Ravara - Head of International Communications di Ryanair - ha aggiunto: "Ci sono mancati i cieli italiani e dopo oltre tre mesi di stop siamo lieti di veder riprendere i nostri collegamenti da e per l’aeroporto di Pisa per l’estate 2020 e di poter contribuire alla ripresa economica e turistica regionale. Prevediamo un progressivo aumento della capacità e delle rotte fino a un totale di 42 destinazioni tra nazionali ed internazionali per quest’estate. Vogliamo continuare ad essere un asset strategico per traffico, turismo ed occupazione per Pisa, per la Toscana e per tutto il Paese, in questa fase di rilancio del turismo".

All’arrivo del primo volo Ryanair all’aeroporto di Pisa, dopo il fermo imposto dall’emergenza Covid-19, era presente anche il sindaco di Pisa Michele Conti: «Salutiamo, finalmente, la ripresa delle attività del nostro aeroporto Galilei. Senza dubbio, la ripartenza di Ryanair è un ottimo segnale e una iniezione di fiducia per Pisa e per la Toscana intera. Vuol dire che tanti cittadini europei ed extraeuropei vogliono tornare o intendono farlo nelle prossime settimane e mesi nella nostra città e nella nostra Regione». «Una recente indagine pubblicata da Enit, l’Agenzia nazionale del Turismo, stima che il Sentiment verso l’Italia Covid-Free è molto positivo e il nostro Paese rimane una delle mete preferite nella ricerca di luoghi per le vacanze e tra le ricerche in Rete in testa risultano il Duomo di Milano e la città di Pisa. Le ricerche sul turismo in Italia producono oltre 300 milioni di visualizzazioni; un numero evidentemente enorme che se convertito in arrivi turistici significherebbe l’intera popolazione europea. Evidentemente il dato va preso con le molle ma è comunque significativo di una domanda di turismo che per l’Italia non è calata e che sta a noi riuscire a trasformare in arrivi e presenze reali. Il sistema pubblico e quello privato del settore devono perciò lavorare insieme affinché una delle grandi leve della nostra economia, il turismo, possa riprendersi rapidamente dalla crisi. Come Comune abbiamo attivato proprio in questi giorni una campagna promozionale proprio per riposizionare la città di Pisa tra le mete da frequentare in questa estate. Ci rivolgiamo al mercato interno ma vogliamo comunque dare anche il segnale che Pisa c’è e che si riapre al mondo». «Pertanto è da salutare con soddisfazione la ripresa, oggi, dei voli Ryanair da e per Pisa, anche se sappiamo che il nostro aeroporto non si è fermato mai nemmeno nei momenti più duri del lockdown. Pisa rimane una scelta consolidata delle compagnie low coast. Così come è dei giorni scorsi la notizia che Alitalia tornerà a volare dal Galilei. Quella di oggi è dunque una giornata tanto attesa, attesa almeno da quel 9 marzo quando tutto improvvisamente si fermò». «Oggi possiamo dire che, passata l’emergenza, lo scalo di Pisa conferma la sua centralità nel sistema aeroportuale nazionale e dell’Italia centrale, così come nel sistema turistico. Il nostro aeroporto continuerà a crescere grazie agli interventi programmati e in parte realizzati da Toscana Aeroporti, così come ha saputo crescere in passato. A questo proposito lasciatemi ringraziare sentitamente Gina Giani, che ha terminato la sua brillante carriera professionale giusto qualche settimana fa, dopo aver fatto crescere il nostro aeroporto al di sopra di ogni aspettativa e immaginazione. Grazie per il contributo prezioso che ha dato alla Sat, a Toscana Aeroporti e alla città di Pisa. Gina Giani lascia TA in buonissime mani. A me non rimane dunque che augurare al Cda, al suo presidente, Marco Carrai, all’amministratore delegato, Roberto Naldi, un buon lavoro, nell’auspicio di continuare a collaborare come abbiamo fatto finora».

Redazione Nove da Firenze