Rubrica — Fiorentina

Pedro: "Mi ispiro a Ibra". Alia Guagni: botta in allenamento

Pedro con Barone e Pradè (Ph. Alex Zani)

Presentato il nuovo centravanti: entusiasmo ed idee chiare. La capitana delle Women in forse domani sera in Champions contro l'Arsenal


Molti tifosi viola durante l'ultimo mercato estivo sognavano Zlatan Ibrahimovic che però è restato in America. A Firenze è piombato uno che nel gioco assomiglia a Ibra e lo stima tanto da issarlo a modello: Pedro, il centravanti arrivato dalla Fluminense, che oggi pomeriggio è stato presentato alla stampa da Joe Barone e da Daniele Pradè.

"Mi ispiro a Ibrahimovic - ha detto Pedro, 22 anni, arrivato in sala stampa con la mamma e con gli agenti - è il mio modello, ho sempre guardato a lui come riferimento. Se posso giocare contro la Juve? Mi sento pronto, con la Flu (la Fluminense, ndr) ho avuto un piccolo infortunio ma ho recuperato. Deciderà il mister".

Pedro dimostra di avere entusiasmo ed idee chiare: "Sono felice di essere arrivato in una squadra importante e conosciuta nel mondo come la Fiorentina, ringrazio tutti per l'opportunità che mi è stata data. Adesso devo cercare di imparare bene e presto l'italiano".

Joe Barone ringrazia i tifosi per i 26mila abbonamenti, difende la tifoseria ma sottolinea lo sbaglio dei tifosi che hanno intonato durante la festa della Curva Fiesole i cori sui morti all'Heysel ("non è giusto attaccare una intera tifoseria per qualcuno che sbaglia") e rivela che Pedro "era fin dall'inizio nella nostra lista".

Pradè ha detto tra l'altro che "è stata una trattativa lunga e difficile. Adesso tocca a lui".

Pochi minuti dopo, è stata la volta della conferenza di presentazione di Fiorentina-Arsenal donne in programma domani sera alle 19 allo stadio Franchi e valida per l'andata dei sedicesimi di finale di Champions League. Mister Antonio Cincotta e la Capitana Alia Guagni, apparsa radiosa, hanno parlato di una sfida difficile ma da affrontare a viso aperto e con le giocatrici in perfetta forma fisica. Qualità che in questo momento Alia Guagni non ha, avendo ricevuto un colpo in allenamento che la mette in dubbio per domani sera. "Sto meglio - ha detto il fortissimo difensore viola e della Nazionale - ma sarà il mister a decidere - Ho la maglia viola cucita addosso, le sirene del Real Madrid non le ho sentite anche perché credo in questo progetto, la nostra è una società che punta molto sul settore femminile".

Redazione Nove da Firenze