Oltrarno, un punto interrogativo: il centro storico visto dai cittadini

Dopo due assemblee aperte al pubblico, i cittadini presentano il quaderno delle doglianze


Il 9 giugno si è svolta alla Sala delle Leopoldine una Assemblea pubblica dei residenti, promossa dal Comitato Oltrarno Futuro, sulle questioni dell'Oltrarno con la presenza anche di rappresentanti di altri Comitati del centro storico.

L'11 giugno si è svolto nella ex Chiesa di Via Santa Monaca un Incontro pubblico promosso dal Comitato in collaborazione con l'Unità di Ricerca PPcP sul tema della sistemazione paesaggistica e dell'uso di Piazza del Carmine "per costruire un un percorso partecipato", iniziativa che avrà altri sviluppi in successivi Incontri pubblici ed in base a quanto emerso in questi momenti di dibattito pubblico tra cittadini dell'Oltrarno i residenti comunicano la convergenza sulle seguenti richieste 

- ZTL O 24 ore

- spostamento della porta telematica (ora posta in Borgo San Frediano angolo con Piazza dei Nerli) all'inizio di Borgo San Frediano, in modo tale da impedire l'accesso di mezzi non autorizzati nell' area di ZTL O (Piazza dei Nerli ecc.) attualmente non protetta

- nessuna forma di parcheggio a rotazione (strisce blu) all'interno dell'Area della ZTL O: "posti per residenti all'interno della ZTL, posti a pagamento fuori mura"

- rifacimento in pietra (e non i "conglomerato bituminoso"...) del lastrico di Piazza dei Nerli

- creazione in Piazza dei Nerli (nella porzione adiacente a Borgo San Frediano) di una piccola Area pedonale con panchine ed alberature

- recupero come Area pedonale dello porzione di Piazza del Cestello tra la Chiesa ed il Lungarno Soderini

- attenzione alla partecipazione effettiva dei cittadini alle scelte sull'Oltrarno attraverso la promozione da parte dell'Amministrazione comunale di un percorso per la progettazione complessiva compresa la sistemazione di Piazza del Carmine Piazza e Piazza dei Nerli

"La ZTL 24 ore tutti i giorni e tutto l'anno è una richiesta storica dell'Oltrarno avanzata all'Amministrazione con continuità fin dall'autunno 2012, ed integra, secondo gli orientamenti espressi nell'Assemblea pubblica del 9 giugno le richieste con la richiesta di una porta telematica (necessaria, attesa, e disattesa..., fin dalla creazione della ZTL O dal 1°aprile 2015...) che impedisca a chi provenga dalla ZTL B di entrare, indisturbatamente senza alcun impedimento telematico da Piazza Goldoni in ZTL O, la manifestazione della più netta e decisa opposizione allo scavo di un parcheggio pertinenziale in Piazza Tasso, invitando al proposito l'Amministrazione comunale a togliere Piazza Tasso dal Piano dei Parcheggi attualmente in iter di discussione in Consiglio comunale, l'indicazione della assoluta contrarietà alla costruzione di un Parcheggio all'interno della struttura dell'ex Gasometro, esempio qualificante di conservazione nel tessuto urbano di elementi paesaggistici e di strutture di Archeologia industriale".

"La richiesta di un percorso per la progettazione complessiva dell'Oltrarno approvata di recente dal Consiglio comunale, e con una visione ed un approccio sistemici al contesto ed alle problematiche dell'Oltrarno, in relazione anche agli aspetti della tutela dei beni materiali ed immateriali dell'Area UNESCO sia una richiesta diffusa tra i cittadini, che l'Amministrazione comunale è invitata a prendere seriamente in considerazione per ristabilire con modalità adeguate (non con "eventi spot" - la definizione è di Sociolab -quali le cosiddette "Maratone d'ascolto"...) una utile, auspicabile e reale".

"Protagonista, in sinergia con la popolazione dell'Oltrarno, del diffuso movimento di opposizione allo scavo di un parcheggio interrato in Piazza del Carmine ed avendo espresso soddisfazione per aver ottenuto da parte dell'Amministrazione comunale la rinuncia allo sciagurato progetto, sia stata fatta richiesta a seguito di una Assemblea dei residenti del 24 novembre 2014 di un percorso partecipato sull'uso e sulla sistemazione paesaggistica della Piazza e  l'Amministrazione comunale attraverso il Presidente del Q.1 ha annunciato pubblicamente (cfr. Il Reporter - giugno 2015) un percorso partecipativo (come quello messo in atto per la Piazza dell'Isolotto nel Q.4) e poi ne ha negata l'attuazione, anche a fronte di ulteriori richieste, procedendo a calare dall'alto, senza alcuna forma di coinvolgimento della popolazione una progettazione della Piazza del Carmine funzionale a farla "diventare un'Area di grande attrattiva per mercati ed iniziative commerciali" ... una funzione assolutamente contrastante con le esigenze manifestate dai cittadini anche nel corso del dibattito nell'Incontro pubblico dell'11 giugno",

Conclude il Comitato "Sconcerto ha destato tra i cittadini il fatto Il Sindaco abbia annunciato il 24 ottobre 2014 in Consiglio comunale illustrando, con l'ausilio di slides, il Piano per l'Oltrarno denominato "OLTRARNO AL CENTRO", in particolare: l'attuazione in Oltrarno della ZTL 24 ore da aprile ad ottobre 2015... "in contrasto alla Movida" e il rifacimento della pavimentazione di Piazza dei Nerli... in pietra... per poi, contrariamente a quanto comunicato alla città nel momento istituzionale del Consiglio comunale, non attuare la ZTL 24 ore e decidere altresì di pavimentare Piazza dei Nerli con un "conglomerato bituminoso" e non in pietra".

Redazione Nove da Firenze