Rubrica — Spettacolo

Morto Vincent dj, Firenze in lutto

ph Facebook Lady Radio

Voce storica di Lady Radio, era stato importante punto di riferimento di Carlo Conti a inizio carriera. "Grande uomo, grande dj e grande esperto musicale. La sua 'discomania' sarà sempre con noi". Il saluto di Pieraccioni, Masini e Panariello. I funerali martedì 11 agosto alle 17 nella chiesa di via delle Panche


Lutto nel mondo dello spettacolo toscano e fiorentino in particolare: è morto oggi Vincenzo Pota, noto come Vincent dj, voce storica di Lady Radio e grande amico e punto di riferimento di Carlo Conti a inizio carriera.

Sulla pagina Facebook di Lady Radio leggiamo: "Non troviamo le parole, a differenza tua che ne avevi sempre una per ognuno di noi e per i tuoi fedelissimi ascoltatori.Come faremo senza di te, che sei stato legato anima e cuore a Lady Radio? Ci mancherai tanto Vincent, troppo 😢Ti vogliamo ricordare così: felice, allegro e pieno di gioia durante il tuo Vintage Village ❤️❤️❤️ https://bit.ly/2PFcYUg". E poi: "Lunedi 10 agosto alle ore 10 ricorderemo in diretta il nostro amico Vincent e lo faremo nel modo che gli sarebbe piaciuto di più: con la sua musica, le sue parole e la voce di tanti amici che lo stimavano, come grande professionista e bella persona ❤️❤️❤️".

Carlo Conti invece affida al suo profilo Instagram tutto il dolore di questo momento: "Oggi se n’è andato un pezzo di storia delle radio libere fiorentine . Un grande uomo, un grande dj, un grande esperto musicale . La sua 'discomania' sarà sempre con noi".

Tra i commenti quello di Leonardo Pieraccioni ("Ciao Vincent! 🌹"), quello di Marco Masini ("buon viaggio Vincent 💜") e quello di Giorgio Panariello ("Ciao ❤️").

Nel sito di I Love Disco, Vincent dj qualche anno fa si è raccontato con queste parole: 

“Inizio nel 1969 all’Otto club in via Salsetti. Continuo nel locale più in del momento a Firenze, il CLUB 67 dove ha incontrato personaggi all’epoca sconosciuti come Armani (che faceva vetrinista all’Upim) e Coveri che studiava all’ Istituto d’arte. Ricordo che tutti venivano ad ascoltare li le anteprime musicali ad esempio Donna Summer. Si iniziava a suonare alle 22 fino massimo alle 1.00, inoltre si suonava di sabato pomeriggio e di domenica, impensabile oggi.Ho iniziato per gioco ed eccomi qua dopo 34 anni a continuare a lavorare con la musica e in radio. Mi sono evoluto. La mia carriera è stata un continuo adattarsi ai cambiamenti del mondo. Cambia il modo di fare musica e cambia di conseguenza il nostro modo di essere dj”

RADIO: “Ho inventato RADIO ONE (1974) che era la radio Dj dell’epoca. Ci ho lavorato quasi 20 anni (sono passate 3 proprietà diverse), poi sono passato a Lady Radio quando era direttore Carlo Conti e infine eccomi qua a RADIO BLU (1989)”.

RICORDI: “Al Club 67 suonavo le anteprime musicali di tutto il mondo. All’epoca avevo amici un hostess e uno stuart che ogni volta che andavano da Roma a Londra a New York (circa una volta al mese) mi portavano un’anteprima musicale. E all’epoca era davvero eccezionale. Dopo aver lavorato anni per il negozio di dischi Ricordi, ho aperto u mio negozio in via Cerretani “Discomania” aveva dischi inediti per quell’epoca in città.

ANEDDOTO: “Renato Zero, che negli anni 70 non era ancora l’artista famoso di adesso, era già mio amico e ricordo che quando finiva di suonare ad un club in via delle Oche, vestito come David Bowie, veniva a mangiare “le penette” alla boscaiola al Club 67”

PEZZO SIGLA: Gruppo Cruisaders;

ARTISTI: Donna Summer, Barry White (Love sting), Gloria Gaynor.

AGGIORNAMENTO

I funerali di Vincent si svolgeranno domani, martedi 11 agosto alle ore 17, nella chiesa di via delle Panche n.56.

Redazione Nove da Firenze