Morto Paolo Bonaiuti, giornalista fiorentino storico portavoce di Berlusconi

Oggi la scomparsa a Roma dopo una lunga malattia. Cordoglio bipartisan per una persona che si è fatta apprezzare per capacità ed impegno. Anche il governatore Rossi colpito dal lutto: "Alla famiglia e agli amici vanno le mie più sentite condoglianze e quelle dell'intera Giunta regionale"


Morto a Roma 79 anni, dopo una lunga malattia, Paolo Bonaiuti, senatore, giornalista fiorentino, a lungo portavoce di Silvio Berlusconi. La sua scomparsa ha destato profondo cordoglio anche in chi è stato suo avversario politico. 

"Piango, con tutti i miei collaboratori - scrive il leader di Forza Italia -, la scomparsa del senatore Paolo Bonaiuti. A lui, che era un giornalista di successo, chiesi di diventare il mio portavoce e di accompagnarmi nella mia esperienza alla presidenza del Consiglio, dove è stato a lungo un apprezzato sottosegretario. E' stato - sottolinea Silvio Berlusconi - un collaboratore particolarmente prezioso e soprattutto un grande amico col quale ho condiviso un lungo percorso. Mi è mancato molto in questi ultimi anni e mi mancherà a maggior ragione ora che è scomparso prematuramente. Lascia un grande vuoto in tutte le persone che gli hanno voluto bene, a partire dalla moglie Daniela alla quale mi unisco con un forte ed affettuoso abbraccio", conclude Berlusconi.

"Ho appreso con grande dispiacere la notizia della scomparsa di Paolo Bonaiuti. Pur essendo su fronti politici molto distanti, in questi anni ne ho apprezzato la serietà e la professionalità - commenta il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi - alla famiglia e agli amici vanno le mie più sentite condoglianze e quelle dell'intera Giunta regionale".

«Persona di mite fermezza, incarnazione dei valori fondanti di Forza Italia - commentano il Coordinatore regionale di Forza Italia Toscana Stefano Mugnai (Vicepresidente Gruppo Fi alla Camera) e il Capogruppo regionale toscano di Forza Italia Maurizio Marchetti -  oggi con la sua scomparsa Paolo Bonaiuti lascia un grande vuoto. Esempio di statura, ha sempre dimostrato acuta capacità d’analisi accompagnata dal talento dell’astrazione sintetica. Oltre ai sensi di cordoglio per la sua dipartita, vogliamo esprimere la gratitudine per quanto ha regalato a Forza Italia in termini di impegno vivo e di elaborazione concettuale».

Anche il capogruppo in Consiglio comunale Jacopo Cellai col consigliere Mario Razzanelli e tutti i consiglieri di quartiere di Forza Italia esprimono cordoglio per la scomparsa di Paolo Bonaiuti. "Ricordiamo un fiorentino che ha lavorato tanto anche per la città come deputato prima e senatore poi e che si è fatto apprezzare, a livello nazionale, come sottosegretario alla presidenza del Consiglio e come portavoce del presidente Silvio Berlusconi. Alla famiglia rivolgiamo le nostre più sentite condoglianze".

Paolo Bonaiuti è stato molto apprezzato anche dai colleghi: "La Federazione nazionale della Stampa italiana esprime profondo cordoglio per la scomparsa del collega Paolo Bonaiuti e si associa al dolore dei familiari. Lo ricordiamo con affetto, anche perché nel corso del suo mandato parlamentare, da sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all'Editoria, prestò sempre attenzione alla salvaguardia del pluralismo dell'informazione, mostrando sensibilità per le tematiche riguardanti il sostegno al settore e la difesa delle ragioni del lavoro, affermano Raffale Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Fnsi.

Redazione Nove da Firenze