Mercati settimanali: scoperto business delle buste di plastica made in Vietnam non conformi

Nel corso degli accertamenti i militari hanno verificato che alcuni commercianti utilizzavano buste per asporto merci non conformi ai requisiti di legge


Militari della Stazione Carabinieri Forestale di Borgo San Lorenzo (FI) , Ceppeto (FI) e di Palazzuolo Sul Senio (FI), durante un controllo disposto dal Gruppo Carabinieri Forestale di Firenze, hanno riscontrato, ai mercati settimanali di Borgo San Lorenzo e Sesto Fiorentino, irregolarità negli shoppers. Tali controlli mirano a contrastare l’utilizzo di borse realizzate con polimeri non conformi agli standard comunitari e alla verifica del rispetto della normativa relativa al divieto di commercializzazione delle borse di plastica, secondo le disposizioni contenute nel Testo Unico ambientale.

Nel corso degli accertamenti i militari hanno verificato che alcuni commercianti utilizzavano borse per asporto merci non conformi ai requisiti di legge. In particolare è stato osservato un rivenditore aggirarsi fra i banchi degli ambulanti del mercato settimanale, che si svolge nelle strade cittadine di Borgo San Lorenzo e Sesto Fiorentino, scambiando merce (borse di plastica) che aveva prelevato da un furgone. Dopo l’ultimo scambio di merce, i verbalizzanti procedevano a identificare il soggetto e verificare il contenuto del furgone. Dal controllo emergeva che il soggetto individuato commercializzava borse di plastica e trovavano numerose scatole contenenti varie tipologie di shoppers, alcune conformi ai requisiti di legge e altre prive dei loghi attestanti la conformità agli standard comunitari: un quantitativo notevole risultava made in Vietnam. Veniva inoltre richiesta la documentazione attestante la tracciabilità delle borse di plastica oggetto di commercializzazione, ma la persona non era in grado di esibirla, né mostrava documentazione fiscale relativa alla vendita di buste agli ambulanti. Non possedeva alcuna tipologia di documentazione relativa alle borse di plastica non conformi.

Per i fatti accertati i militari hanno provveduto al sequestro amministrativo di 150 chilogrammi di shoppers, pari a circa 40.000 pezzi ed elevato sanzioni amministrative per 15.000 Euro.

Redazione Nove da Firenze