Maltempo: declassata l’allerta

Foto di Omero Cambi

A Firenze nessun rischio meteo. Ceccarelli a RFI: "Necessari piani straordinari di intervento per i cambiamenti climatici"


Si ridimensiona l’allerta maltempo a Firenze. Il Centro funzionale di monitoraggio meteo idrologico-idraulico della Regione Toscana oggi pomeriggio ha infatti declassato l'allerta per gran parte del territorio regionale, compresa quindi la città di Firenze, da codice arancione (allerta) a codice giallo (vigilanza) fino alla mezzanotte. Resta invece l’allerta arancione per il grossetano e l’arcipelago toscano. Nelle ultime ore le precipitazioni si sono concentrate in particolare sulla zona appenninica (pluviometria superiore a 30 mm/h a Borgo San Lorenzo e Vallombrosa). Secondo le previsioni meteo nella serata possono ancora verificarsi fenomeni di tipo temporalesco ma con bassa probabilità e modesta energia: possibili piogge intorno a mezzanotte. Per domani martedì 11 agosto il Centro funzionale segnala nessun rischio meteo (codice verde) per Firenze e la maggior parte del territorio regionale (sull’arcipelago e costa meridionale è invece attivo il codice giallo della vigilanza). Il bollettino del Lamma, infatti, prevede per domani su Firenze condizioni di tempo poco nuvoloso-nuvoloso.

In seguito ai temporali che a partire da questa mattina hanno colpito alcune zone della Toscana e dell’Umbria, si sono verificati alcuni disservizi elettrici a causa delle fulminazioni che hanno danneggiato gli impianti. I Centri Operativi Enel di Firenze, Livorno e Perugia hanno registrato oltre 15mila fulminazioni abbattutesi su Toscana e Umbria nelle ultime sette ore: complessivamente il sistema elettrico ha risposto con efficienza alle sollecitazioni dei violenti temporali ma in alcune situazioni i fulmini caduti a ripetizione su uno stesso punto della linea hanno provocato danni a cavi e cabine con conseguenti cortocircuiti alla cui riparazione stanno lavorando numerose squadre operative Enel. Le aree più colpite, tutte già individuate e circoscritte, sono Castiglioncello nel Comune di Rosignano, Acciaiolo nel Comune di Fauglia, Guasticce nel Comune di Collesalvetti, Ghirlanda nel Comune di Massa Marittima, nonché alcune località di Pontedera, Castellina Marittima, Crespina Lorenzana e Gavorrano. Nella provincia di Firenze si sono verificati alcuni disservizi circoscritti su linee di bassa tensione, in particolar modo nel territorio di Barberino di Mugello, molti dei quali già risolti.

Ecco l'aggiornamento diramato nel pomeriggio dalla Sala operativa della Protezione civile regionale circa le criticità causate dal maltempo nelle province di Lucca, Pisa, Grosseto, Livorno e Massa Carrara. Nelle province rimanenti (Firenze, Arezzo, Pistoia, Siena e Prato) non ci sono eventi critici da segnalare:

Prato

E' stato riaperto al transito in tempi celeri il sottopasso sulla Declassata all'altezza di Esselunga in direzione Pistoia: grazie all'intervento degli operatori di Asm i problemi di allagamento sono stati completamente risolti e la circolazione è ripresa regolarmente su entrambe le corsie di marcia. Squadre della Protezione Civile hanno risolto anche il modesto allagamento della corsia Montemurlo-Prato del viale dell'Unione Europea.

Lucca
Nel primo pomeriggio di ogg, RFI ha comunicato l'interruzione della linea Lucca-Viareggio all'altezza della Località Montuolo a causa della caduta di diverse piante. Ad aggravare la situazione anche alcuni passaggi a livello bloccati. Il tempo previsto per ripristinare il traffico ferroviario è di circa 3 ore. La Sala Operativa e Trenitalia restano in contatto per monitorare la situazione. Sempre dal pomeriggio, in particolare nella zona della Garfagnana-Mediavalle, ci sono stati brevi e intensi temporali con cumulati di 15/20 mm in un quarto d'ora. Numerose le piante cadute su strade regionali, provinciali e comunali con intervento del personale addetto per la rimozione.

Massa Carrara
Nella zona di Marina di Carrara forte vento (la raffica più intensa è stata registrata verso le ore 13: 112 km/h) e temporali hanno danneggiato due stabilimenti balneari, due attività commerciali e due locali pubblici; cadute circa un centinaio di piante che hanno causato danni ai veicoli in sosta; scoperchiate alcune case private, di cui una è risultata inagibile. Sempre nel primo pomeriggio temporali brevi ed intensi associati a raffiche di vento forti hanno causato la caduta di piante sulla viabilità e scoperchiamenti di tetti nella zona di costa. Segnalati allagamenti.

Livorno
Nel Comune di Rosignano le forti piogge hanno causato la caduta di alberi e l'allagamento di vari garage. In quello di Collesalvetti interruzioni stradali e caduta alberi in varie località e sulla provinciale n. 555 in località Guasticce.

Pisa
Linee Enel cadute a Montescudaio (situazione risolta) e Orciano Pisano (in fase di risoluzione). Caduti alberi a Crespina, a Lari (a poggio Palloni in Colline di Lari caduto un pino sulla strada provinciale; rimozione in corso da parte degli operai) e a Pisa, in Viale D'Annunzio (strada aperta ma sorvegliata da 2 operai; verrà chiusa domani per intervento in somma urgenza).

Grosseto
Le piogge del mattino non hanno comportato incrementi significativi nei corsi d'acqua monitorati dalla Sala operativa. Rami caduti a causa dei temporali forti con disagi per la viabilità provinciale nei Comuni di Massa M.ma, Scarlino e Gavorrano. Sempre a Scarlino da segnalare alcune interruzioni dell'energia elettrica nel territorio del Comune mentre nell'abitato di Bagno di Gavorrano le forti piogge nella mattinata hanno causato piccoli allagamenti. Nei Comuni di Montieri, Massa Marittima il forte temporale della mattina ha causato allagamenti in 3 abitazioni ed in alcuni seminterrati: gli operai dell'Unione dei Comuni delle Colline Metallifere sono intervenuti per la ripulitura. Sempre a Massa Marittima si sono verificate infiltrazioni di acqua nel Palazzo Comunale e negli edifici che ospitano la scuola materna e primaria mentre modesti smottamenti di scarpate hanno parzialmente interessato la sede stradale. A Montieri il forte vento associato al tem porale ha provocato la scopertura di una porzione del manto di copertura del cimitero.

E’ tornata gradualmente regolare a partire dalle 17.00 la circolazione ferroviaria sulla linea Lucca – Viareggio, sospesa dalle 12.40 di oggi per danni provocati dal maltempo fra Viareggio e Massarosa. Le squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana hanno infatti ultimato i lavori di ripristino della linea di alimentazione elettrica, danneggiata dalla caduta di un albero a causa del forte vento. Coinvolti 22 treni regionali. Durante l’interruzione è stato attivato servizio di bus sostitutivi fra Lucca e Viareggio.

Valutare se non sia arrivato il tempo per un piano straordinario di manutenzione della rete da parte di RFI, anche a causa dei cambiamenti climatici in corso. E' questa la richiesta che l'assessore al territorio Vincenzo Ceccarelli indirizzerà al gestore della rete ferroviaria in seguito agli eventi di questa lunga giornata di maltempo in Toscana. "Visti i cambiamenti climatici in corso, le alte temperature a cui seguono eventi meteo sempre più estremi per la nostra regione, che determinano troppe volte incendi di sterpaglie lungo i binari o cadute di alberi sulle linee regionali - dice l'assessore Ceccarelli - forse è arrivato il tempo di prendere in considerazione la necessità di politiche di adattamento anche nella manutenzione dei sedimi ferroviari, attraverso piani straordinari di intervento. Su questo mi confronterò a breve con RFI, per mettere a punto strategie per limitare al massimo grado possibile impatti sulla rete ferroviaria". Nei giorni scorsi e nel mese di luglio, infatti, si sono registrati alcuni incendi di sterpaglie lungo le linee regionali, mentre i violenti acquazzoni e il forte vento di questi giorni hanno causato abbattimenti di alberi sulle linee, in alcuni casi tranciando i cavi aerei per le linee elettrificate o bloccando letteralmente i binari. Nel primo pomeriggio di oggi, a causa della presenza di un albero sulla sede ferroviaria tra le stazioni di Montevarchi e San Giovanni Valdarno, i treni regionali 2310, 11806 e 11676 hanno accumulato ritardi per circa un'ora prima che i tecnici provvedessero alla rimozione degli alberi presenti a ridosso della sede ferroviaria e che la circolazione riprendesse regolarmente. Mentre poco prima delle 14, a seguito del sopralluogo dei tecnici RFI, è stata riscontrata la caduta della linea aerea tra Viareggio e Massarosa a causa della presenza di ramaglie di piante portate dal forte vento. La linea è rimasta interrotta per molte ore e sono stati attivati bus sostituivi tra Lucca e Viareggio. Infine anche sulla Pisa-Lucca, dalle ore 13 alle ore 14.30, a causa di scariche atmosferiche dovute a forti temporali, la circolazione è stata rallentata, coinvolgendo 5 treni regionali con ritardi attorno ai 60 minuti e la soppressione di 4 treni regionali sulla stessa tratta.

Redazione Nove da Firenze