Luglio di concerti in Toscana

Domani Bastille n esclusiva italiana al Pistoia Blues. Martedì Malika Ayane in piazza SS Annunziata. La morna capoverdiana sul palco del Festival delle Colline. La 46° edizione del Reality Bites da venerdì 15


Prima esclusiva internazionale per la 37esima edizione del Pistoia Blues Festival che attende lunedì 11 luglio la band inglese dei Bastille. Dopo di loro arriverà il meglio della musica internazionale con The National (12 luglio, esclusiva nazionale), Skunk Anansie (14 luglio), Whitesnake (15 luglio) e Damien Rice (16 luglio, esclusiva nazionale). I Bastille hanno annunciato qualche giorno fa l’uscita del nuovo album “Wild World” (Universal), atteso seguito di “Bad Blood” (4 milioni di copie nel mondo) che conteneva la hit “Pompeii”: il disco è previsto per settembre ma già in preorder su iTunes. Attualmente il singolo in radio è “Good Grief” brano che rinnova la sua miracolosa formula di rock/dance/pop che è allo stesso tempo contagiosa e super credibile. Il surreale video del brano ha totalizzato in 48 ore oltre a un milione di views. La band inglese, che prende il nome dal giorno di nascita del cantante Dan Smith, giorno della presa della bastiglia, è formata anche da Chris Wood (batteria), Will Farquarson (chitarra) e Kyle Simmons (tastiera) promette uno spettacolo da non perdere. Apertura ufficiale del concerto è affidata alla band fiorentina dei Kelevra: la band di pop amaro tra le vincitrici del bando Toscana 100 Band indetto da Giovanisì e Regione Toscana, si esibirà sul palco di Piazza Duomo per presentare i brani dell’ultimo album “Cronache per poveri amanti” (Vrec/Audioglobe).

Sarà l’inconfondibile voce di Malika Ayane a inaugurare martedì 19 luglio (ore 21 – biglietti da 25 a 40 euro) la prima edizione del Musart Festival, rassegna di arte e musica in programma fino a sabato 23 luglio in piazza della Santissima Annunziata a Firenze. Un anno da record per Malika, che dopo ben 31 sold-out nei teatri e una serie di date nei club, continua il suo il Naif Tour in versione en-plein-air. In scaletta tutti i suoi successi, dal sanremese “Adesso e qui (Nostalgico presente)” a “Senza fare sul serio” fino all’ultimo singolo “Blu”, un vero e proprio inno all'estate con sonorità e ritmi caraibici, tratto dall’ultimo album di inediti “Naif”. Ed è sempre di Malika la splendida versione di “Volare” che fa da colonna sonora al nuovo spot Alitalia, mentre in autunno l’attende il musical “Evita”, di cui sarà protagonista. Intanto, ad accompagnarla sul palco del Musart Festival Firenze, saranno i suoi cinque musicisti storici: Carlo Gaudiello, Marco Mariniello, Leif Searcy, Stefano Brandoni e Giulia Monti. Naif Tour è una produzione Massimo Levantini per Live Nation; i biglietti sono disponibili online sul circuito Ticketone e nei punti prevendita Box Office Toscana. Info tel. 055.667566. Malika Ayane è tra i grandi talenti di Sugar, l'etichetta discografica indipendente che negli anni ha portato al successo alcuni dei più grandi nomi della musica italiana come Andrea Bocelli, Negramaro, Elisa, Raphael Gualazzi.

MUSART FESTIVAL propone un binomio originale tra musica e luoghi d’arte. Durante le quattro serate – oltre a Malika Ayane saranno ospiti mer 20/7 Battiato e Alice, gio 21/7 Ludovico Einaudi, ven 22/7 Max Gazzè e sabato 23/7 all’alba concluderà il Sunrise Concert di Remo Anzovino - gli spettatori potranno visitare gratuitamente, dalle ore 20 fino ad inizio spettacoli, alcuni dei luoghi d'arte più significativi che si affacciano su piazza della Santissima Annunziata. Tra questi lo Spedale degli Innocenti, la Chiesa di Santa Maria degli Innocenti, la Chiesa di San Francesco Poverino, il Giardino del Museo Archeologico, la Basilica di Santissima Annunziata, la Mensa della Caritas Diocesana – San Francesco. Con il biglietto del concerto si potrà usufruire inoltre di sconti per l’ingresso ad alcuni musei della città, fino al 31 agosto. Per chi lo desidera, abbinato ad ogni spettacolo, c’è poi il Gold Package che include una cena a buffet in programma prima dei concerti nelle sale interne dell’Istituto degli Innocenti. Il menù comprende vini e piatti tipici toscani, preparati in gran parte con prodotti della linea Vivi Verde Coop provenienti da agricoltura biologica. Ai possessori del Gold Package sarà consegnato inoltre un gadget memory del festival. Nel segno della qualità anche le proposte gastronomiche dei punti ristoro attivi all’interno della piazza, a cura di Gelateria Sammontana, Caffetteria Magnelli, Arà (specialità siciliane) e ristorante Undici Leoni.

Carmen Souza in concerto martedì 12 luglio nel cortile della Chiesa di Bonistallo di Poggio a Caiano (ore 21,30 – biglietto 5 euro – prevendite circuito Box Office Toscana e online su www.boxol.it) per il secondo appuntamento del Festival delle Colline 2016. Vincitrice di due premi ai Cabo Verde Music Awards (miglior voce femminile e miglior morna) con l’album “Kachupada”, Carmen Souza è tra le voci più interessanti della nuova world music. Nata a Lisbona da una famiglia capoverdiana di estrazione cristiana, la sua musica fonde in sé generi diversi: dalla morna al batuke, al jazz, al soul e oltre. Carmen parte dalla forza delle proprie radici per scoprire frontiere sempre nuove. Il suo modo di cantare incarna e reinterpreta la verve di Billie Holiday, Nina Simone e Cesaria Evora: melodie inusuali, umori esotici, africanismi e scat jazz, vibrati controllati e frasi dall’andamento imprevedibile. “Epistola” è il nuovo progetto, ricco di coloriture e sonorità che esprimono gioia di vivere. Un crogiolo di stili focalizzato sui Paesi affini alla cultura portoghese e contaminato da jazz, salsa, samba, funk, soul e bossa nova. Carmen canta, suona la chitarra e il pianoforte. Al Festival delle Colline si presenta al fianco di Nathaniel Facey al sax, Shane Forbes alla batteria e il sempre presente Theo Pas’Cal, suo produttore e mentore oltre che uno migliori bassisti portoghesi.

Ci sono ottime ragioni per avventurarsi alla Sagra della Zuppa 2016, un miracolo di rassegna che da 46 anni raduna folle di gourmant. E che da qualche tempo ospita anche i concerti del Reality Bites Festival: proposte particolari tipo Calcutta, Verano, Appaloosa, Cosmo, Paletti ma anche Statuto, Bluebeaters e, dulcis un fundo, Gino Paoli e Danilo Rea. Tutto a ingresso gratuito (niente show-case di pentole, promesso), tutto a Massarella di Fucecchio, tra Firenze e Pisa, tutto offerto dall’infaticabile Gruppo Spontaneo di Iniziativa Contrada Massarella, da venerdì 15 a domenica 17 e da giovedì 21 a domenica 24 luglio. Contrada Massarella che, per chi non l’avesse capito, si è portata a casa l’ultima edizione del Palio di Fucecchio. Dunque, la musica: si parte venerdì 15 con l’alchimia pop/house di Cosmo, già frontman e leader dei Drink To Me, ma soprattutto autore di un album “L’utima festa” osannato come un oracolo e pigiato a pallissima in rete come in radio. Perfetto l’abbinamento con il synth-pop di Paletti, l’altro ospite della serata, pure lui sugli allori con il recente “Qui e ora”. Sabato 16 arrivano due decani del ritmo in levare, i Bluebeaters, con il loro solare rocksteady e un album che “Everybody Knows” e l’“Amore di Classe” degli Statuto, punto (pugno?) fermo del mod tricolore. Lunga vita ai Perturbazione e al loro indie pop di qualità: il recente “Le storie che ci raccontiamo” conferma la metamorfosi degli ultimi anni. E benvenuti Landlord: li abbiamo visti anche all’ultimo X-Factor e hanno finalmente dato alle stampe l’ep d’esordio “Aside”, confermando l’indole folk-pop elettronica. Fanno il paio domenica 17 luglio, sempre a Massarella. Giovedì 21 va in scena la “Serata massigiana”, la grande festa della contrada che ogni anno trasforma in guitti, cabarettisti e comici tanti personaggi e insospettabili cittadini della Contrada. Non si capisce mai bene chi sta sul palco e chi sotto ma il divertimento, quello, è assicurato. Sono noise, sono post-rock, sono tribali…. Da Livorno con molta grinta arrivano venerdì 22 gli ineffabili Appallosa, tre lustri abbondanti di storia e un nuovo album, “Bab”, che marca la svolta elettronica. Con loro i bolognesi Altre di B e i Bao Bab Klan. Ad assaggiare la mitica zuppa arrivano sabato 23 due rivelazioni musicali dell’ultima stagione. Se l’indie italiano guarda al pop il merito e anche e soprattutto di Calcutta, che nell’ultimo album “Mainstream” canta gite pontine, amori veri o immaginati e piccole cose che saranno capitate anche a voi. A St. Vincent e ai Beach House si ispira invece il cantautorato dream pop di Verano, dolce e lieve “ragazza coi capelli rossi”, è il suo momento. Si chiude alla grande domenica 24 luglio insieme a Gino Paoli e Danilo Rea, un nume tutelare del cantautorato e uno dei più lirici e creativi pianisti di oggi. La scaletta viaggia sull’onda dell’improvvisazione e, soprattutto, delle emozioni. Magnifica intesa in cui rivivono capisaldi della canzone d’autore, italiana e non solo. E ancora, dj-set aperitivo in apertura e dj-set da ballare a fine concerti.

Malika Ayane - Senza Fare Sul Serio (Videoclip Ufficiale)
Bastille - Good Grief

Redazione Nove da Firenze