Ludopatia: 10 segni di riconoscimento del giocatore patologico

Una piaga capace di distruggere famiglie e bruciare i risparmi accumulati in una vita


La ludopatia, ovvero il gioco d’azzardo patologico (GAP), è diventata senza dubbio una piaga capace di distruggere famiglie e bruciare i risparmi accumulati in una vita. Secondo l’ASL Milano questo problema si sta diffondendo in tutte le fasce d’età della popolazione. 

I numeri sono allarmanti: nel 2011 ben 19 milioni di residenti italiani tra i 15 e i 64 anno hanno giocato, ovvero il 47% della popolazione totale.
Sono in Lombardia se ne stimano ben 3 milioni, quindi il 46% dei Lombardi.
La spesa totale si aggira intorno a 1400€ per cittadino Lombardo.
Inoltre, oltre ai gratta e vinci e alle slot machine, ciò che sta più dilagando è il gioco online.

Ecco 10 segnali che permettono di riconoscere il giocatore patologico:

1. L’aumento sporadico nel giocare d’azzardo.

2. Giocare cifre sempre più alte in modo da continuare ad alzare la posta in gioco.

3. Irrequietezza nel momento in cui si tenta di smettere di giocare.

4. Il gioco come via di fuga dai problemi.

5. In caso di perdita, si continua a giocare per “rifarsi”.

6. Mentire per dissimulare il grado di patologia dal gioco.

7. Compiere azioni illegali.

8. Mettere in discussione relazioni o lavoro a causa del gioco.

9. Chiedere soldi a causa di una situazione economica tragica dovuta al gioco.

10. Cercare di smettere di giocare senza riuscita.

"Se vi riconoscete in questi punti o conoscete qualcuno che ha i sopra elencati comportamenti, sappiate che guarire è possibile, ma è necessario intervenire subito e chiedere aiuto prima che sia troppo tardi" spiega il Codacons.

Redazione Nove da Firenze