Rubrica — Spettacolo

Lattexplus HD: debutto il 22 settembre (streaming video social)

“Lost in Time”: BowLand live a Villa Bardini, Firenze


Firenze, 14 settembre 2020 - Un'iniziativa che nasce per individuare nuove modalità di fruizione del patrimonio artistico-culturale e creare nuove e inaspettate sinergie. Si chiama Lattexplus HD, ed è il progetto del Festival Lattexplus che, in un anno difficile per molti eventi musicali, decide di ampliare la sua offerta andando a produrre, filmare e trasmettere performance musicali in luoghi accuratamente selezionati.


Il primo appuntamento sarà proposto martedì 22 settembre alle ore 19 in streaming video sui social. Gli ospiti d'eccezione in questa prima puntata saranno i BowLand, band iraniana con base a Firenze, conosciuta e apprezzata in tutta Italia e vocata ad un sound ricercato e internazionale.
Sullo sfondo Villa Bardini: location mozzafiato, fuori dai circuiti turistici “mordi e fuggi”. Grazie all’impegno e alla cura di Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron e di Fondazione CR Firenze la villa è stata restituita a Firenze come spazio museale, centro di cultura e luogo di natura per tutti, tutto da scoprire.

I BowLand, che usciranno con un nuovo album nel 2021, hanno accettato l'invito di Lattexplus HD con grande entusiasmo.
“Sarà la nostra prima performance ufficiale dopo il lockdown” - affermano i componenti della band Lei Low, Saeed Aman e Pejman Fa -. Era da tempo che volevamo collaborare con Lattexplus, siamo felici di farlo in questa sorta di tributo a Firenze, città a cui siamo molto affezionati per tanti motivi. Aggiungiamo che nel nostro nuovo disco la componente elettronica avrà un ruolo di primo piano. Stiamo coltivando un sound maturo e potente. L'idea è quella di conseguire un equilibrio fra ricerca e orecchiabilità, senza scendere a compromessi”.

L'obiettivo di Lattexplus HD è il raggiungimento di un target diversificato di pubblico attraverso la contaminazione tra più forme di espressione artistica e linguaggi differenti: musica, arte, storia e natura.
Lost in Time - questo è il titolo del live dei BowLand a Villa Bardini - sarà proposto in modalità cross-posting da una serie di canali facebook specifici tra cui Artribune, Visituscany e Intoscana, Soundwall e Dj Mag Italia. A questi si vanno ad aggiungere la pagina dei BowLand e di Lattexplus, senza dimenticare canali istituzionali come la pagina ufficiale del Comune di Firenze e quella dell'Estate Fiorentina.
Il progetto è ideato e prodotto dall’associazione culturale Feeling e da Lattexplus, con il contributo di Fondazione CR Firenze, in collaborazione con Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron, Comune di Firenze – Estate Fiorentina 2020.

“Quando ci siamo immaginati questo progetto siamo partiti dal nostro background culturale che è molto condizionato dalla contaminazione fra le arti – affermano Giacomo Gentiletti e Biniam Mahdere, organizzatori di Lattexplus HD e del Festival Lattexplus –. La scelta dei BowLand come protagonisti di questa prima puntata non è casuale. Lei Low, Saeed Aman e Pejman Fa sono giovani artisti che devono molto a Firenze. Hanno studiato qua, si sono perfettamente integrati, si sono formati artisticamente nella nostra città e poi hanno ottenuto il successo che si meritavano grazie a X Factor, ma soprattutto grazie al loro talento. Chi meglio di loro come testimonial per il rilancio dell'immagine di una città d'arte come Firenze? Chi meglio di loro come testimonial per ripensare ad un modello di turismo culturale alternativo e più consapevole?”.

“Il concerto che proponiamo s'ispira agli ultimi video di Nils Frahm, musicista tedesco protagonista della scena modern classical internazionale – afferma Piero Fragola, regista di Lost in Time -. Il rapporto con le location, in cui sono girati i suoi ultimi progetti, è intimo, quasi viscerale. Questa iniziativa é stata concepita sull'idea di immergere i musicisti nei suggestivi paesaggi visivi e sonori di Villa Bardini a Firenze.
In questo live potrete apprezzare 7 brani fra composizioni originali e cover, un concentrato delle migliori produzioni e interpretazioni dei BowLand. La scenografia è quella delle suggestive scalinate della Villa, con le sue simmetrie quasi Kubrikiane. Per quanto riguarda le luci abbiamo cercato di mantenere un'illuminazione molto naturale, in modo da esaltare al massimo le variazioni cromatiche e la compenetrazione con l'ambiente al tramonto”.


Per maggiori informazioni
https://festival.lattexplus.com
https://www.feeltheevent.it/
https://www.facebook.com/lattexplusfirenze
https://www.instagram.com/lattexplus/

Redazione Nove da Firenze