La Vannucchi Costruzioni di Castelfiorentino compie 80 anni

Il 1 luglio 1940 Giuseppe Vannucchi, fondatore di questa impresa di famiglia giunta alla terza generazione, si iscrisse per la prima volta in Camera di Commercio come impresario edile


EMPOLI- 80 anni di attività nel mondo delle costruzioni, mattone sopra mattone, da tre generazioni di una famiglia che nell’Empolese Valdelsa è sinonimo di edilizia. La Vannucchi Costruzioni di Castelfiorentino risale infatti alla prima registrazione in Camera di Commercio, che data 1 luglio 1940, quando il giovane muratore Giuseppe Vannucchi decise di mettersi in proprio. Da allora un percorso di successi imprenditoriali caratterizzati da serietà, precisione e puntualità negli impegni presi con i clienti, grazie a personale altamente qualificato, formatosi all'interno dell'azienda.

L'impresa nasce nei primi mesi della seconda guerra mondiale, per iniziativa di Giuseppe Vannucchi, la cui dedizione al lavoro è nota in tutto il territorio della Valdelsa, dove gli anziani ricordano che riuscisse a murare da solo più di 2.500 mattoni al giorno. Alla Vannucchi Costruzioni si deve, ad esempio, la realizzazione a Castelfiorentino del cinema Puccini, primo edificio in cemento armato della zona, e della sede dell’Arciconfranternita della Misericordia.

Nel corso degli anni l’impresa edile amplia la sua attività in tutta la Toscana sia nel settore civile che industriale. Nel 1962 entra in Confindustria. L’attestazione SOA consente la partecipazione ad appalti pubblici e negli anni successivi arriverà a dare lavoro ad oltre 50 operai.

Intanto è entrato in attività anche il figlio Roberto: “Il nostro cliente viene seguito anche dopo la vendita, o la ristrutturazione, con la disponibilità e la responsabilità sui lavori svolti, perché costruire significa far durare un immobile nel tempo. Il nostro successo lavorativo è premiato dalla clientela che di generazione in generazione ci ha chiamato a realizzare i progetti della loro vita”.

Oggi Roberto Vannucchi e il figlio Daniele, terza generazione familiare, gestiscono l’impresa di costruzioni con la stessa passione del fondatore, rivolti al futuro dei clienti dell’azienda.

“Per noi oggi è un giorno importante - spiega Daniele, titolare dell’Immobiliare Vannnucchi - il primo Luglio 1940 mio nonno Giuseppe iniziava la nostra avventura nelle costruzioni, un mondo che è diventato la nostra vita. Responsabilità, preoccupazioni, notti in bianco (perché non è sempre rose e fiori), ma anche tante soddisfazioni. Costruire e consegnare una casa a una famiglia, un capannone ad una azienda è per noi una missione, un traguardo che di volta in volta si rinnova e ci rende sempre più fieri. La nostra azienda è fatta di tante persone alle quali va un ringraziamento speciale, alcune che purtroppo non ci sono più, altre che oggi sono in pensione e alle quali sono legato da rapporti di stima reciproca. I nostri dipendenti, collaboratori, professionisti, tecnici e fornitori costituiscono una squadra affiatata, senza la quale la Vannucchi Costruzioni non sarebbe sopravvissuta sino ad oggi. Rivolgo un ringraziamento particolare ai nostri clienti: la dedizione che mettiamo nell’accontentare ogni loro richiesta è ripagata dalle generazioni che a distanza di decenni tornano a commissionarci lavori. Nell’arco di questi 80 anni abbiamo avuto modo di lavorare e far lavorare tante, tantissime persone rispettando e mantenendo gli impegni presi. Sono orgoglioso e ringrazio mio nonno che ha dato vita ed inizio a tutto, sono orgoglioso e ringrazio mio padre che ha seguito le sue orme portando avanti l’azienda, sono orgoglioso di me per aver reso questo lavoro la mia passione”.

La Vannucchi Costruzioni, forte del suo passato guarda oggi al futuro con determinazione ed entusiasmo.

Nicola Novelli