La Regione Toscana invia una colonna mobile in Veneto

In Toscana agevolazioni bancarie a sostegno delle popolazioni colpite dalle calamità naturali. Possibile la sospensione di 12 mesi per i finanziamenti in essere di famiglie e imprese danneggiate


FIRENZE – Partirà entro questa sera la colonna mobile di soccorso che la Regione Toscana invierà nel Veneto colpito dall'ondata di maltempo. La disponibilità era stata chiesta nella serata di ieri dal coordinamento delle Regioni e la Toscana due ore dopo aveva confermato la possibilità di inviare aiuti. La richiesta dal Veneto è arrivata questa mattina intorno alle 12 e nel giro di poche ore partiranno alla volta di Pieve di Cadore (Belluno) 8 squadre composte ciascuna da tre volontari, specializzati nelle operazioni di taglio degli alberi che ostruiscono le principali strade. Ogni squadra potrà contare su un TSK, un fuoristrada particolarmente adatto a questo tipo di interventi e su una torre faro per operare anche in notturna. Della colonna mobile toscana fanno parte anche 2 camion che trasportano 4 bobcat, le macchine per operare le rimozioni. Per il momento si tratta di un intervento urgente della durata prevista di due o tre giorni. Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi e l'assessore regionale alla protezione civile, Federica Fratoni ringraziano tutti i volontari che si sono resi disponibili a portare un aiuto alle zone colpite dal maltempo e il sistema regionale di Protezione civile per la rapida ed efficace attivazione.

In Toscana intanto il sistema bancario si sta muovendo per alleviare le realtà danneggiate dagli eventi naturali di questi giorni.

Un plafond di 300 milioni di euro e la sospensione per 12 mesi dei pagamenti delle rate sui finanziamenti in essere: questa è la risposta di Banca Monte dei Paschi di Siena per essere al fianco delle famiglie e delle imprese italiane colpite dal maltempo degli ultimi giorni. Il plafond è destinato a finanziare persone e aziende che abbiano subito i danni del maltempo su tutto il territorio nazionale. I finanziamenti avranno condizioni agevolate e seguiranno un iter istruttorio prioritario. Banca Mps ha deciso inoltre di sospendere per 12 mesi le rate dei mutui ipotecari e dei finanziamenti chirografari già in essere per consentire alle famiglie e alle imprese di agire tempestivamente e limitare l’impatto degli eventi degli ultimi giorni. Tutte le informazioni saranno a disposizione dei richiedenti nelle filiali di Banca Mps.

Anche UniCredit interviene a sostegno delle popolazioni colpite in questi giorni da calamità naturali. Attivate misure straordinarie anche per le aree di Livorno e Grosseto. Tra le iniziative predisposte, UniCredit metterà a disposizione una moratoria di 12 mesi sulle rate dei mutui ipotecari e chirografari per le imprese con sede legale/operativa nelle zone colpite dall’evento calamitoso che abbiano subito danni e per tutti i clienti privati intestatari di mutui ipotecari residenti in uno dei comuni interessati che siano stati danneggiati dall'evento. La Banca mette a disposizione anche un "Prestito Sostegno" con tasso agevolato per i clienti privati residenti nei Comuni colpiti dall’alluvione che abbiano subito danni e il "Pacchetto nuovo credito alle imprese" con finanziamenti chirografari/ipotecari a condizioni agevolate in favore di clienti imprese con sede legale/operativa nei comuni colpiti dall’evento.

Redazione Nove da Firenze