Il nuovo portale 3.0 di Agriturist Siena

Dal 14 al 16 novembre ad Arezzo Fiere e Congressi (nell’ambito di AgrieTour) torna Cicl@Tour. Tour.it 2015: CarraraFiere lavora per la tredicesima edizione


Quando l’economia passa anche dal web. Ovvero: si vuol trascorrere qualche giorno in un agriturismo del senese e non si sa come fare nel mare magnum di siti internet e dintorni? Non è mai stato così semplice. Appena attivato il portale di Agriturist Siena. Un nuovo e potente strumento on-line (www.agrituristsiena.com) dell’ultima generazione (3.0) che permette di accedere in un click a quasi duecento strutture presenti sul territorio provinciale. La buona nuova per operatori del settore, ma soprattutto per appassionati delle vacanze in agriturismo e turisti, è stata presentata durante l’assemblea ordinaria dell’associazione Agriturist sezione provinciale di Siena. E’ realizzato in tre lingue (italiano, inglese e russo) e si presenta come una vera e propria vetrina delle strutture ospitate, con tante belle fotografie ed esaurienti descrizioni. Non si possono fare prenotazioni on-line, ma trovata la struttura giusta basta mandare una mail o dare un colpo di telefono e il gioco è fatto. Il livello di qualità sarà segnalato da stelle o granai, attraverso una catena di controllo affinché tutto sia garantito. Presentata anche la nuova pagina Facebook di Agriturist Siena. Per informazioni sui servizi e il nuovo portale si può scrivere a info@agrituristsiena.com. Agriturist è l'Associazione Nazionale per l'Agriturismo, l'Ambiente e il Territorio, prima associazione agrituristica in Italia, costituita dalla Confagricoltura nel 1965, per promuovere e tutelare l'agriturismo, i prodotti nazionali dell'enogastronomia regionale, l'ambiente (ha ottenuto per questo, nel 1987, il riconoscimento ministeriale di Associazione ambientalista), il paesaggio, la cultura rurale. Attualmente Agriturist associa migliaia di aziende agricole (soci "ordinari") che svolgono o intendono svolgere attività agrituristica, assistendole sotto il profilo normativo, organizzativo e promozionale. Un sistema informativo "on-line" diffonde in tempo reale notizie ed aggiornamenti sui principali aspetti della gestione agrituristica. L'Agriturist associa anche 12.000 appassionati di agriturismo.


Quasi mezzo milione di turisti questa estate visiterà l’Italia in sella a una bici e lo farà soggiornando in una delle oltre ventimila aziende agrituristiche del Paese. E’ questo il peso del cicloturismo in Italia, un segmento che negli ultimi anni è cresciuto a dismisura confermando una tendenza alla vacanza “slow”, da assaporare lentamente lungo le caratteristiche strade e piste ciclabili presenti. E’ dall’incontro tra la vacanza in campagna e quella in bici che si ripeterà per il secondo anno consecutivo Cicl@Tour, il salone della vacanza in sella, ma passando per i territori rurali. Dal 14 al 16 novembre, nel polo espositivo di Arezzo Fiere e Congressi, si svolgerà infatti la seconda edizione di questo evento, in collaborazione con la Fiab (Federazione italiana amici della bicicletta) nell’ambito della tredicesima edizione di AgrieTour, il Salone nazionale dell’agriturismo e dell’agricoltura multifunzionale. Non è un caso che l’Italia, terra vocata al turismo “slow”, sia uno dei paesi leader nella produzione di biciclette (circa 25 milioni all’anno). Nel 2013 sono arrivati in bici oltre 450 mila turisti e di questi il 42% solo dalla Germania, il paese con il più alto numero di cicloamatori (se ne contano 2,5 milioni secondo i dati BTS) e dove il fenomeno è cresciuto negli ultimi due anni del 15 per cento. Le regioni più amate da questo tipo di turista sono il Veneto (oltre 80 mila presenze nel 2012), seguito da Toscana con 60 mila presenze e Lazio con 58 mila, ma vanno molto bene anche il Trentino – Alto Adige (48 mila) e Lombardia (42 mila). Considerando il clima, l’appeal turistico e le tante ciclopiste del nostro Paese, le potenzialità sono ancora più importanti se si pensa che alcune famose “rotte” generano incredibili passaggi di cicloturisti come le 800 mila persone nella sola valle della Loira, oltre il milione nel Camino de Santiago, mentre oltre la Ciclopista del Danubio genera da sola un indotto annuo che supera i 50 milioni di euro.

Ed ecco l’identikit del cicloturista. I cicloturisti sono quasi sempre accomunati da una spiccata sensibilità ambientale e da una grande passione per la bicicletta come mezzo di trasporto e come stile di vita, da una vivace curiosità per i luoghi sconosciuti al grande pubblico e da una grande adattabilità alle situazioni impreviste. Tre le tipologie del cicloturista: lo sportivo che predilige uso di strade asfaltate e utilizza bici da corsa; l’ecologista che ama la natura e cerca strade bianche in mezzo alla campagna utilizzando la mountain bike; il turista che ama visitare luoghi d’arte e paesaggi per strade poco trafficate utilizzando la city bike. Il cicloturista ha tra i 25 e i 69 anni di età. La maggior parte viaggia in coppia, ma ci sono famiglie e talvolta gruppi che possono arrivare fino a 30 persone. Primo in Italia, Cicl@tour si pone l’obiettivo di coniugare l’offerta agrituristica nazionale alla domanda cicloturistica, un fenomeno cresciuto moltissimo negli ultimi cinque anni, che va specializzandosi sempre di più e proprio l’agriturismo e la fattoria diventano un naturale punto di riferimento per praticare nelle migliori condizioni questo tipo di vacanza.


A Ciclo@Tour si incontreranno gli attori della filiera: dai territori con la loro offerta per il cicloturismo, ma anche fornitori, non solo di biciclette, ma soprattutto di attrezzature per l’agriturismo che voglia adeguarsi a questo tipo di domanda, inoltre Tour Operator e gli altri operatori specializzati, associazioni e strutture turistiche. Ciclo@Tour si svolgerà ad Arezzo Fiere e Congressi, dal 14 al 16 novembre, nell’ambito della tredicesima edizione di AgrieTour, il Salone nazionale dell’agriturismo, il primo in Italia dedicato a quello che è il comparto del turismo rurale, fenomeno che muove circa un miliardo di euro all’anno e che coinvolge quasi 20 mila strutture sparse in tutte le regioni italiane.


A Carrarafiere si sta lavorando per quello che è ormai diventato l’appuntamento di apertura della stagione per gli appassionati di settore e si presenta come una vasta esposizione di camper, caravan, tende da campeggio, accessori e abbigliamento per l’outdoor, ma anche di servizi, prodotti editoriali specializzati e informazioni turistiche, tutto quello che serve per programmare le vacanze in piena libertà. Per il tredicesimo anno Carrara sarà la sede del primo salone dell’anno rivolto agli amanti del plein air, uno stile di vita che piace sempre di più agli italiani che vogliono riscoprire il contatto con la natura, con i prodotti genuini del territorio, visitare mete turistiche note ed angoli meno conosciuti ma altrettanto belli e programmare le proprie vacanze basate sull’assoluta libertà di viaggiare e di vedere. Tour.it 2014 ha registrato infatti la partecipazione di 15.271 visitatori provenienti da tutta Italia a testimonianza di quanto sia forte la fidelizzazione del mondo del turismo itinerante per un salone che ha dato risultati importanti dal punto di vista commerciale, come hanno testimoniato gli espositori. I numeri sono stati la risposta più chiara del gradimento espresso dall’intero comparto: 107 espositori presenti; 22 marchi dei più importanti nel settore dei veicoli ricreazionali con oltre 120 mezzi nuovi messi in esposizione; 300 equipaggi che hanno partecipato al grande raduno del Toscana Camper Club. Il salone manterrà la sua caratteristica di eventi rivolto non solo ad appassionati e specialisti che visitano Tour.it per aggiornare mezzi e attrezzature manifestando un interesse crescente per i prodotti esposti, ma anche agli amanti della vita all’aria aperta che apprezzano la collocazione geografica del quartiere fieristico, che offre la possibilità di compiere escursioni affascinanti. Il complesso fieristico garantisce servizi all’avanguardia che rispondono alle esigenze degli espositori e del pubblico che può utilizzare ampi parcheggi e camper service gratuiti. (tutte le info su http://www.tourit.it). Già avviate anche le fasi organizzative dei grandi raduni che, grazie alla collaborazione del Toscana Camper Club offrono la possibilità di effettuare escursioni molto apprezzate dai camperisti che possono visitare mete turistiche prestigiose in pieno relax. Tour.it è organizzata da CarraraFiere con il patrocinio e la collaborazione di Promocamp, A.C.T.Italia Federazione Nazione, Unione Club Amici , Confederazione Italiana Campeggiatori; con il patrocinio di Regione Toscana, Comune di Carrara, ed ha come sponsor bancari la Cassa di Risparmio di Carrara e la Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia.

Redazione Nove da Firenze