Il ministro Teresa Bellanova alla Festa dell'Unità di Firenze

Teresa Bellanova (foto Ag. Dire)

La titolare dell'Agricoltura dopo le critiche sul vestito: "Ci sono tante cose da fare, giudicatemi su quelle e non su cosa mi metto. Amo la vita, amo i colori". In primo piano innovazione, lavoro e giovani. Domenica sera tocca a Nardella


Accompagnata da Simona Bonafè, segretaria regionale del PD, il neo ministro all'Agricoltura Teresa Bellanova ieri sera ha visitato la Festa dell'Unità di Firenze, che quest'anno ha carattere oltre che metropolitano, anche regionale. Siccome pioveva, l'incontro con i simpatizzanti si è svolto all'interno del Mandela Forum e non nella piazza esterna.

Le polemiche sul vestito, che hanno accompagnato questi primi giorni come ministro, non sfiorano Teresa Bellanova, un passato da bracciante, poi sindacalista e ora ministro: "Amo la vita, amo i colori e mi vesto come voglio", ha detto tra l'altro la titolare dell'Agricoltura. "Ci sono tante cose da fare, giudicatemi su quelle e non su cosa mi metto".

Bellanova ha parlato anche, appunto, delle cose da fare e sembra avere le idee molto chiare sulla strategia complessiva: innovazione, lavoro e attenzione ai giovani tra i capisaldi del suo ministero.

Nel programma di oggi della festa, alle 17,45 la presentazione libro: “Comunista con Berlinguer è (stato) bello”di Massimo Testa e alle 18,30 un dibattito su Scuole e Università con la partecipazione di Valeria Fedeli, Dario Parrini, Luigi Berlinguer,  Sara Funaro, Gabriele Bosi. Modera Alessio Franchino. Sul palco centrale alle 21 spettacolo di cabaret, poi musica e intrattenimento e la proiezione film del film "Goodbye Lenin" di Wolfgang Becker,

Domani sera, domenica 8 settembre sul palco della festa sarà ospite il sindaco di Firenze Dario Nardella.

Redazione Nove da Firenze