Rubrica — Mostre

Il "cavallo" di Jackie Kennedy nella collezione degli Uffizi

Il disegno di Giovambattista Foggini era appartenuto alla first lady ed è stato acquistato dai Friends of Florence per la Galleria


Cresce ancora la collezione di disegni delle Gallerie degli Uffizi. Nella settimana dedicata a New York alle aste di opere antiche, i Friends of the Uffizi Galleries, associazione no profit che sostiene il museo fiorentino, ha acquistato per il museo 4 disegni, due del pittore seicentesco Baldassarre Franceschini e due dello scultore barocco Giovanni Battista Foggini: uno di questi è la raffigurazione di un cavallo da dietro, appartenuto alla first lady statunitense, grande cavallerizza ed amante dell’arte Jackie Kennedy.

Oltre a questo, comprato da Christie’s, del Foggini i Friends of the Uffizi Galleries sono riusciti ad aggiudicarsi, in questo caso da Sotheby’s, anche il foglio ‘Nettuno insegue Coronis’. Sempre nella stessa asta, sono stati acquisiti anche i due disegni di Baldassare Franceschini (detto il Volterrano), due studi di Apostoli inginocchiati, preparatori peril suo affresco nella basilica della Santissima Annunziata a Firenze.

Con centinaia di disegni di ciascuno di questi autori gli Uffizi sono il museo che ne custodisce le più grandi collezioni al mondo. E proprio il Foggini, con alcune delle sue più belle sculture, è stato tra i protagonisti di ‘Plasmato dal fuoco’, mostra dedicata in Palazzo Pitti ai bronzi barocchi, da poco terminata e visitata in cinque mesi da oltre 206mila persone.

Il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt: “Siamo felici di poter arricchire, grazie alla generosità dei Friends of the Uffizi Galleries, la nostra raccolta di questi due grandi artisti. I due fogli di Franceschini integrano e completano una serie di disegni preparatori per l’affresco della Santissima Annunziata già presenti nella nostra collezione. Al suo tempo il Volterrano era apprezzato non solo come pittore ma anche come disegnatore, e infatti questi disegni hanno un grande valore artistico autonomo, a prescindere dalla loro funzione di studi preparatori. Allo stesso modo anche il Foggini, famosissimo come scultore e architetto, era anche un celebre disegnatore, e queste opere lo testimoniano in modo esemplare”.

La presidente di Friends of the Uffizi Galleries Maria Vittoria Rimbotti: “Con i nostri Amici americani condividiamo lo stesso amore per un patrimonio che non è soltanto fiorentino o italiano ma mondiale. Iniziamo il 2020 dando il nostro contributo all’ampliamento della collezione del museo che più amiamo!” 

Redazione Nove da Firenze