Guida all’ecologia quotidiana di Unicoop e Legambiente, illustrata da Makkox

Il genio creativo di Marco Dambrosio è stavolta al servizio di una campagna di comunicazione sulla sensibilità ambientale


 Una guida ad un corretto stile di vita pensata e condivisa tra consumatori, alcune regole comportamentali che richiamano uno status mentale e soprattutto una considerazione del mondo come un bene comune da preservare.

 I consigli contenuti nella Guida all’ecologia quotidiana, disponibile oggi in versione online – ecologiaquotidiana.it – e da gennaio in versione cartacea, in distribuzione a tutti i soci Unicoop Firenze.
La guida, firmata Unicoop Firenze e Legambiente ed edita da Giunti, è stata presentata questa mattina nella sede di Unicoop Firenze, alla presenza di Daniela Mori, presidente del Consiglio di sorveglianza di Unicoop Firenze, Stefano Ciafani, presidente nazionale Legambiente, Marco Dambrosio, in arte Makkox, la matita affilata e pungente di Rai3 con Gazebo e dalla scorsa stagione in onda su La7 con Propaganda Live.

La guida. E' stata scritta, sotto la supervisione scientifica di Legambiente, da quattromila toscani che a inizio 2018 hanno risposto ad un questionario sulla sensibilità ambientale.
Quasi quaranta gli incontri nelle sezioni soci in cui il questionario è stato ideato, presentato, compilato e restituito.

I risultati del questionario. Si parte dai fondamentali: non fare rifiuti. Quindi scegliere prodotti “verdi” dentro e fuori, ecosostenibili da tutti i punti di vista.
E per i rifiuti che inevitabilmente si producono? La parola d’ordine è differenziare.
Già ma sul territorio i gestori dell’igiene urbana sono molteplici e alcune regole cambiano da Comune a Comune, c’è chi fa la raccolta porta a porta e chi ha ancora i cassonetti suddivisi per materiale e per colore.
 Separare umido, carta, plastica e vetro è però buona norma dovunque, visto che si tratta di materiali che, se smaltiti correttamente, possono avere una seconda vita.

I soggetti attori dell'iniziativa guardano con estremo interesse all'impiantistica - come spiega il presidente Legambiente Toscana, Fausto Ferruzza - perché è un punto determinante del sistema. Ma "le risposte di oggi non sono quelle che avremmo potuto dare 15 anni fa" sottolinea. "Occorre contestualizzare lo smaltimento nel momento storico, oggi esistono però segnali che ci confortano. In Valdelsa siamo al 92% di raccolta differenziata, se lo avessimo previsto appena 10 anni fa ci avrebbero riso dietro". Inoltre "Non era affatto scontato, ma dalle risposte al questionario emerge come il consumatore sia per prima cosa preoccupato del cambiamento climatico ed in seconda battuta della gestione dei rifiuti, stabilendo tra i due eventi un nesso che è un ottimo punto di partenza sul quale poter costruire una comunicazione come quella presente nella Guida".

Nella guida si parla anche di consumo sostenibile, energia e mobilità. "Perché ogni giorno facciamo la spesa e se scegliamo prodotti locali aiutiamo l’economia toscana, limitiamo le emissioni dovute ai trasporti delle merci e contribuiamo a tutelare territorio e paesaggio, oltre a mangiare più sano.
Ma ogni giorno siamo anche circondati di vari apparecchi e dispositivi e spengerli quando non li usiamo – vale per la lampadina come per il televisore, ma anche per il pc dell’ufficio – significa consumare meno energia. Infine, i tragitti: da casa a scuola, fino all’ufficio e ritorno, la mobilità diventa sostenibile quando si scelgono i piedi o i mezzi pubblici o l’auto elettrica o condivisa". 

Ed i gesti poco attenti invece? Come direbbe Makkox, portano “sfiga” o bad karma.

Le buone azioni garantiscono un ritorno che Legambiente ha calcolato caso per caso e sommato nella tabella della sostenibilità che chiude la guida. Seguendo i principali consigli, si arriva ad un risparmio di 1.863 KG di CO2 equivalenti ogni anno per una famiglia di tre persone, che nel portafoglio equivalgono a 873 euro in più.

 Makkox guiderà i lettori online e offline alla scoperta delle pillole di ecologia quotidiana contenute nella guida.
Ugo il Gufo Druido e Sergio il Gabbiano Lercio raccontano, con ironia, le buone pratiche.

“Il nostro compito come cooperativa di consumatori è quello di tutelare i nostri soci attraverso la garanzia delle migliori condizioni possibili nell’approvvigionamento delle merci – afferma Daniela Mori, presidente del Consiglio di sorveglianza di Unicoop Firenze - con la consapevolezza che sensibilità e responsabilità verso l’ambiente sono questioni che riguardano l’impresa, così come i singoli cittadini. La conoscenza è il presupposto per poter procedere insieme ad invertire la rotta, a mantenere la Terra in cui viviamo il luogo migliore dove poter vivere”.

 I buoni consigli trasmessi da cittadino a cittadino "possono contribuire a salvaguardare davvero, per noi e per le generazioni future, l’ambiente in cui viviamo” spiega Stefano Ciafani, presidente nazionale Legambiente.

Legambiente guarda con fiducia non solo ai singoli anelli ma all'intera filiera del ciclo dei rifiuti "La Guida è uno strumento di informazione.." poi ci sono il canale della raccolta gestita amministrativamente e quello dello smaltimento in impianto ed "ogni territorio ha bisogno del suo, per settore, come accade ad esempio con l'organico che alcune regioni non smaltiscono in loco". Senza dimenticare che "il prodotto della filiera è il risultato del riciclaggio ed esistono normative che impongono negli appalti pubblici di favorire le aziende che fanno ricorso ai prodotti riciclati. Sono norme nazionali, vanno applicate e rispettate". 

Il Gioco Karma e Gioca

Una corsa infinita verso la sostenibilità. Il gioco online Karma e Gioca, sarà disponibile da dicembre sul sito ecologiaquotidiana.it. I protagonisti sono Ugo il Gufo Druido e Sergio il Gabbiano Lercio, i premi sono i consigli sostenibili per avere good karma. Giocare per credere.

Antonio Lenoci