Giornata Olimpica 2019: premi speciali ai viola Castrovilli e Guagni

Il presidente Giani, intervenuto alla consegna dei riconoscimenti ai migliori atleti dell’anno, ha richiamato la candidatura di Firenze e Bologna quali sede delle Olimpiadi 2032. Riconoscimenti anche a Claudio Stecchi (salto con l’asta), Larissa Japichino (salto in lungo) e Savino del Bene (volley femminile)


“L’elenco dei premiati di oggi dimostra il gran lavoro fatto in tante discipline sportive, e non solo nel calcio, e ci dice che la Toscana è una grande realtà sportiva a livello nazionale. Del resto, questa è una delle basi sulla quali abbiamo posto la candidatura di Firenze e Bologna per le olimpiadi del 2032, un evento che avrebbe una valenza importantissima per valorizzare la rete impiantisca per lo sport, le infrastrutture e l’immagine della città e della regione”. Lo ha detto il presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani, intervenendo alla cerimonia di premiazione della Giornata Olimpica 2019, nel pomeriggio di oggi, mercoledì 27 novembre, al palazzo del Pegaso. Come ogni anno, sono stati premiati gli atleti e i club di spicco nel panorama delle oltre 2mila 600 società sportive della provincia di Firenze, che hanno confermato di vivere un momento di grande vitalità.

I premi speciali sono stati andati al giocatore della Fiorentina Gaetano Castrovilli, alla giocatrice della Fiorentina Woman’s Alia Guagni, al finalista agli Europei indoor e ai Mondiali open nel salto con l’asta Claudio Stecchi, alla campionessa Europea under 20 nel salto in lungo Larissa Iapichino, e alla squadra di volley femminile Savino del Bene di Scandicci, partecipante al campionato di Serie “A” e rappresentante italiana in Champions League.

A proposito di Larissa Japichino e Alia Guagni, il presidente Giani ha sottolineato la loro forza e la loro determinazione, che le ha lanciate a grandi successi internazionali. E sulla Guagni, che ha scelto di restare a Firenze nonostante importanti offerte, ha aggiunto: “E’ l’anima della Fiorentina, al pari di ciò che è stato Giancarlo Antognoni in campo maschile. È un motivo di orgoglio e di soddisfazione, e rappresenta una lezione sugli autentici valori dello sport”.

Redazione Nove da Firenze