Franco Zeffirelli: martedì giorno delle esequie, lutto cittadino

Domani la camera ardente del maestro in Palazzo Vecchio. Rinviato l'insediamento del Consiglio comunale di Firenze. Chiuso ai turisti il Duomo nelle ore del funerale


Firenze saluterà il Maestro Franco Zeffirelli morto ieri nella sua casa a Roma all’età di 96 anni. Domani nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio sarà allestita la Camera ardente, che sarà aperta ‪dalle 11:00 alle 23‬:00. I funerali si terranno ‪martedì alle 11‬:00 nella Cattedrale di Santa Maria del Fiore. Per martedì, giorno delle esequie, il sindaco Dario Nardella proclamerà il lutto cittadino in ricordo del grande regista fiorentino.

"Terremo aperto fino a tarda sera perché tutti i fiorentini possano salutare il Maestro" ha detto il sindaco Dario Nardella, intervistato da Sky Tg24.

I funerali nella cattedrale di Santa Maria del Fiore sono un'eccezione per le personalità laiche: furono concessi solo al poeta Mario Luzi e al sindaco Giorgio La Pira. Zeffirelli sarà poi tumulato nella cappella di famiglia del cimitero fiorentino delle Porte Sante, a San Miniato al Monte.

In segno di rispetto e in conseguenza del lutto cittadino proclamato dal sindaco per la giornata di martedì 18 giugno, giorno in cui si terranno le esequie dell’illustre fiorentino presso il Duomo, la prima seduta del Consiglio comunale di Firenze, con l’insediamento dei nuovi consiglieri, è stata rinviata. La seduta verrà nuovamente convocata nelle prossime ore.

Per i funerali del Maestro l’Opera di Santa Maria del Fiore informa che la Cattedrale, la Cupola e la Cripta di Santa Reparata rimarranno chiusi al pubblico fino alle ore 14.00. Per gli altri monumenti le aperture rimarranno invariate. Annullata, sempre martedì 18, la possibilità di assistere al fenomeno dello gnomone nella cappella della Croce in Duomo. L’appuntamento è stato spostato a giovedì 20 giugno, stessa ora, mentre il giorno successivo, per il solstizio d’estate, il fenomeno sarà visibile come da programma.

Redazione Nove da Firenze