Fp Cgil Firenze chiede assunzioni urgenti di personale ospedaliero

Per il sindacato serve velocità da parte di Estar nel fornire i nominativi, mentre le lungaggini burocratiche nel reclutamento dei vincitori incidono sulla capacità di aprire nuovi posti letto e mantenere le dotazioni ai reparti in essere


"Le procedure di assunzione del personale sanitario sono il frutto del lavoro coordinato tra Ente regionale, Estar e tutte le Aziende Sanitarie Ospedaliere e Territoriali della Toscana -precisa FP CGIL Firenze- A nostro avviso serve che il sistema sia dotato di ulteriori strumenti , idonei a rispondere alle esigenze imposte dall’emergenza. Estar applica le procedure previste dalle norme che prevedono la presa di servizio dopo 30 giorni pena l’esclusione dalla graduatoria; per l’emergenza è stata applicata una procedura straordinaria con la quale la presa di servizio avviene entro 7 giorni ma, a tutela del lavoratore, senza decadenza dalla graduatoria. Alle questioni poste dai tempi dettati dalle norme si aggiunge il nodo del preavviso che i lavoratori devono dare nel caso in cui siano dipendenti di strutture private. Vista l’indisponibilità da parte di quasi tutte le aziende private di dare la possibilità di rinunciare al preavviso la procedura in emergenza, sempre a tutela dei lavoratori, prevede la possibilità di entrata in servizio comunque entro 30 giorni. Come abbiamo già detto nei giorni scorsi, serviva una programmazione di richiesta di assunzioni del personale diversa. Inoltre, in questa fase, è fondamentale proprio il ruolo della Regione Toscana che con Ordinanze del suo Presidente potrebbe velocizzare ulteriormente le assunzioni con modalità di urgenza ed indirizzare la programmazione delle Aziende. La nostra richiesta di rapidità è un appello al sistema della sanità toscana per trovare ogni modalità di coordinamento che possa immettere lavoratori nel SSR. Il coordinamento tra Assessorato alla Sanità, Estar e Aziende del Sistema Sanitario Regionale è fondamentale, sappiamo che le lavoratrici e i lavoratori che si occupano di assunzioni hanno gestito in questo ultimo anno, anche in modalità proibitive come nel periodo del lockdown, un numero enorme di procedure concorsuali e di assunzioni, e si auspica che con il riaprirsi dell’emergenza sanitaria si possano adottare le modalità più rapide ed efficaci possibili per assumere personale".

Redazione Nove da Firenze