False magliette di Cristiano Ronaldo, in vendita sulle spiagge della Toscana

In vendita anche le maglie dei protagonisti del Mondiale in Russia come Mbappé, Neymar jr, Messi, Dybala, Hazard e Kane


 Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza Grosseto ha intensificato specifici servizi finalizzati al contrasto dell’abusivismo commerciale e della vendita di materiale contraffatto e non conforme agli standard di sicurezza previsti dalle vigenti normative. Nel corso di un servizio teso al controllo del rispetto della normativa concernente la sicurezza dei prodotti commercializzati al pubblico, i militari della Tenenza di Orbetello hanno eseguito mirati controlli in località Voltoncino, presso il comune di Orbetello. Le Fiamme Gialle orbetellane hanno così individuato un venditore ambulante intento alla vendita di magliette di calcio per bambini riportanti i nomi dei più grandi campioni di calcio protagonisti del mondiale in Russia (Mbappé, Neymar jr, Messi, Dybala, Hazard e Kane), tra cui persino la maglia del neo acquisto della Juventus, Cristiano Ronaldo, il tutto in assenza delle necessarie licenze o autorizzazioni da parte dei soggetti titolari di copyright.

La merce, di ottima qualità manifatturiera, è stata sottoposta a sequestro ed il responsabile, di origine senegalese, è stato denunciato a piede libero alla competente Procura della Repubblica di Grosseto alla quale risponderà dei reati di contraffazione, ricettazione e vendita di prodotti industriali con segni mendaci e ricettazione. Sono in corso ulteriori attività di polizia giudiziaria finalizzate a ricostruire l’intera filiera di produzione ed individuare ulteriori responsabili. L’operazione si inserisce in una più ampia azione condotta dalla Guardia di Finanza a presidio dei principi costituzionali di eguaglianza sociale e libertà economica, quotidianamente messi in pericolo da fenomeni di illegalità dei quali la contraffazione costituisce uno dei molteplici aspetti generando lavoro nero ed evasione fiscale a discapito degli imprenditori onesti che rispettano le regole

Redazione Nove da Firenze