Rubrica — La tavola toscana

Dopo primi e dolci entra nel vivo ‘C'è secondo e secondo...Ma sempre primi’

Il concorso dedicato dalla Regione alla cucina del territorio


Al via la terza edizione del concorso dedicato dalla Regione alla cucina del territorio. Dopo i primi nel 2018 con ‘Primi di Toscana’ ed i dolci del 2019 con ‘Dulcis in Primis’, quest'anno è la volta dei secondi, rivisitati e realizzati in versione finger food. Sempre attraverso l’utilizzo di prodotti tipici toscani di qualità. Il concorso, che si chiama infatti ‘C'è secondo e secondo...Ma sempre primi’, vede la partecipazione di 11 istituti alberghieri. La gara finale si terrà presso l’Istituto Alberghiero ‘F. Datini’ di Prato che è anche la scuola che l’anno scorso si è aggiudicato il premio per i dolci (e che quest’anno prenderà parte all’iniziativa ma fuori concorso). Quest'anno la sfida avrà un tema, infatti l'assessorato all'istruzione, in collaborazione con quello all'agricoltura, ha scelto di mettere al centro delle ricette le carni ovicaprine.

Queste gli istituti alberghieri che si sfideranno: ‘F. Martini’ Montecatini Terme PT, (vincitore di ‘Primi di Toscana’ 2018), ‘B. Buontalenti’ FI, ‘G. Minuto’ Marina di Massa MS, ‘L. Einaudi-A. Ceccherelli’ Livorno, ‘Pacinotti-Belmesseri’ Bagnone MS, ‘A. Saffi’ Firenze, ‘L. Lorena’ Grosseto, ‘Giorgio Vasari’ Figline e Incisa Valdarno FI, ‘A. Vegni’ Capezzine Cortona AR, ‘G. Marconi’ Viareggio LU, IIS Barga LU, ‘F. Datini’ Prato (fuori concorso).

Domani, 21 gennaio, proseguono nelle scuole le fasi preliminari dei concorsi. Una sfida è in programma, alle 11,30, presso l'Istituto Alberghiero B.Buontalenti a San Bartolo a Cintoia, alle porte di Firenze. Ciascuno Istituto deve infatti organizzare prima dell’invio della ricetta finale un evento nel corso del quale presenterà una rosa di secondi piatti (max 3) prescelti e li farà degustare.

L’Istituto Alberghiero ‘F. Datini’ di Prato svolgerà anche il ruolo di coordinatore delle varie iniziative del concorso; per questo la Regione ha messo a disposizione un contributo di 17 mila euro.

Scopo dell’iniziativa ‘C’è secondo e secondo ...ma sempre Primi’ è valorizzare la capacità tecnico-professionale degli allievi provenienti dagli Istituti Alberghieri toscani attraverso la valorizzazione della cucina del territorio utilizzando prodotti tipici toscani di qualità. Gli istituti che si contenderanno il premio prepareranno con la tecnica del finger food un secondo piatto della tradizione toscana. Il secondo piatto, individuato attraverso una preselezione, potrà essere oggetto di una rivisitazione e dovrà essere preparato dagli alunni e successivamente esposto alla Commissione valutatrice mettendo in evidenza processo di lavorazione, impiattamento, aspetto estetico e originalità della preparazione, gusto e texture. La Commissione valutatrice sarà composta da 5 commissari: un rappresentante regionale, un rappresentante dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana, un giornalista esperto in enogastronomia, uno chef e un rappresentante dell'Istituto Tecnico Superiore Eccellenza Agro-Alimentare Toscana.

Redazione Nove da Firenze