Credito: in Toscana sono sopratutto mutui

Secondo la Mappa d'Italia elaborata da CRIF


In Toscana, per quanto riguarda la distribuzione delle diverse tipologie di contratti di credito, l’incidenza dei mutui all’interno del portafoglio delle famiglie è più alta rispetto alla media nazionale, con un peso pari al 23,4% sul totale, dato che colloca la regione all’8° posto assoluto della graduatoria nazionale, guidata dal Friuli Venezia-Giulia. I prestiti personali, invece, rappresentano il 30,3% del totale dei contratti di credito attivi, al di sotto della media nazionale, mentre i prestiti finalizzati all’acquisto di beni e servizi spiegano il restante 46,3%. A livello provinciale, Siena guida la classifica regionale per quanto riguarda i mutui, con una quota del 26,9% (dato che posiziona la provincia al 18° posto a livello nazionale), Prato si distingue per l’incidenza dei prestiti finalizzati, con il 48,9%, mentre Massa Carrara vanta il primato relativamente ai prestiti personali, con il 33,4% sul totale dei contratti di credito attivi.

Per quanto riguarda l’importo medio da rimborsare, la Toscana si colloca al 5° posto assoluto, con una rata mensile pari a 373 euro, al di sopra della media nazionale. Entrando nel dettaglio provinciale spicca Prato che, con una rata media mensile pari a 446 euro, si posiziona al 3° posto assoluto nella graduatoria nazionale. Seguono Firenze con 396 euro e Siena, con 395 euro.

Relativamente all’indebitamento residuo per estinguere i finanziamenti attivi, la Toscana, con 37.403 euro, si colloca al 6° posto a livello nazionale. La provincia toscana con l’esposizione residua più elevata risulta essere Firenze, con 42.889 euro, che la colloca all’8° posto assoluto nel ranking nazionale capeggiato da Milano con 52.560 euro. Al contrario, quella che risulta meno esposta è Massa Carrara, con un indebitamento medio di 29.369 euro.

Redazione Nove da Firenze