Coronavirus, la paura fa ingiustamente crollare le donazioni di sangue

Monni e Spinelli: "Ma non c'è nessun rischio". L'Sos delle associazioni


Domanda: c’è un motivo al mondo per non andare a donare il sangue, in relazione al coronavirus? No. Ma anche in Toscana c’è stato un crollo delle donazioni per effetto della paura da contagio. “Il trend è già negativo da anni”, sottolinea il presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani. “Serve una maggiore sensibilizzazione soprattutto tra i più giovani”, tanto che Giani venti giorni fa è stato allo Iot a compiere questo gesto, che è fondamentale per molte vite umane. E all’invito dell’assessore Stefania Saccardi, si è aggiunta con forza la voce di due consigliere regionali, Monia Monni (Pd) e Serena Spinelli (Mdp), quest’ultima peraltro medico pediatra, che ricordano in pochi passaggi logici perché non vi sia alcun motivo per non andare a donare sangue. "Purtroppo -spiegano Monni e Spinelli nel video postato su Facebook- le donazioni del sangue in queste settimane stanno diminuendo. Perciò abbiamo deciso di fare un appello alla vostra generosità e alla vostra razionalità. C'è estrema necessità di recarsi o presso gli ospedali o presso le associazioni perché chi ha bisogno di sangue ne ha bisogno per tutto l'anno, spesso per tutta la vita".

Il donatore, sottolineano le consigliere, non rischia niente: "non andate a donare sangue solamente laddove abbiate una forma influenzale in corso, tosse, raffreddore, tanto non ve lo farebbero donare comunque. Fate ancora questo gesto straordinario come se non ci fosse il coronavirus, perché non c'è nessun motivo di ostacolo a farlo. Contiamo su di voi e la vostra generosità", concludono Monni e Spinelli.

Un messaggio da amplificare il più possibile tenendo conto che si rischia l’emergenza soprattutto in Versilia dove già le donazioni scarseggiano abitualmente. O nel pisano: il Gruppo Fratres di Pontedera fa sapere che “in questo momento c'è fortissima carenza di sangue in particolare i Gruppi O e A sia positivo che negativo, con il rischio che possano essere bloccati gli interventi, riserve solo per le urgenze. Andate a donare sangue o plasma, se volete prenotare telefonate in sede al 0587 54265 oppure chiamate il mio numero 3471756299".

Marco Bazzichi