Coronavirus: 101 nuovi casi su 7.541 tamponi

I dati toscani del 27 settembre. Età media dei nuovi contagiati, 40 anni. Nessun deceduto. 39 positivi nella sola Asl Nord ovest. Numerosi casi Covid accertati nelle scuole. Ammalato anche un parroco di Altopascio


Su.7.541 tamponi analizzati nelle ultime 24 ore (723.653 dall’inizio dell’epidemia per 486.576 soggetti) sono 101 i nuovi positivi al Covid-19 oggi in Toscana. Il bollettino quotidiano della Regione, chiuso a mezzogiorno sulla base delle richieste della Protezione civile nazionale, fotografa l’andamento dell’epidemia, che segna un aumento dei contagiati dello 0,7 per cento. Quarantacinque dei nuovi casi sono stati identificati in corso di tracciamento sulla base di un sospetto diagnostico, cinquantasei da attività di screening. Da febbraio sale dunque a 14.566 il numero dei contagiati nella regione, ma a soffrire ancora la malattia sono solo 3.407 (+2,04 per cento rispetto a ieri). In 10.002 sono infatti guariti (il 68,7 per cento dei casi totali, 21 in più nell’ultimo giorno pari allo 0,2 per cento). Tra chi rimane positivo, 105 sono i ricoverati in ospedale (tre in meno rispetto a ieri), di cui 23 in terapia intensiva (uno in meno), mentre in 3.302 sono in quarantena a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano privi addirittura di sintomi (83 in più rispetto a ieri, più 2,6%). Oggi non si registrano nuovi decessi, che da febbraio sono stati complessivamente 1.157. L'età media dei 101 casi di oggi – 31 Asl Centro, 47 Nord Ovest, 23 Sude Est - è di 40 anni circa (il 26% ha meno di 20 anni, il 25% tra 20 e 39 anni, il 25% tra 40 e 59 anni, il 20% tra 60 e 79 anni, il 4% ha 80 anni o più); per quanto riguarda gli stati clinici, il 75% è risultato asintomatico e il 16% pauci-sintomatico. Un caso è ricollegabile a rientri dall'estero, un altro a a rientri da regioni italiane (Sardegna). Uno su due, il 53 per cento, costituisce un contatto collegato a un precedente caso. In base alla provincia di residenza o domicilio da febbraio ad oggi sono 4.233 i casi complessivamente segnalati a Firenze (23 in più rispetto a ieri), 857 a Prato (2 in più), 1.015 a Pistoia (6 in più), 1.526 a Massa (7 in più), 1.794 a Lucca (6 in più), 1.512 a Pisa (20 in più), 723 a Livorno (14 in più), 1.147 ad Arezzo (11 in più), 617 a Siena (11 in più), 596 a Grosseto (1 in più). Sono 546 i casi positivi notificati in Toscana di residenti in altre regioni. La Toscana si conferma al decimo posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 391 per 100 mila abitanti (media italiana circa 510 per 100 mila, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Massa Carrara con 783 casi per 100 mila abitanti, Lucca con 463 e Firenze con 419, la più bassa Livorno con 216.

Ormai numerosi i casi di positività al Covid accertati nelle scuole del territorio dell’Azienda USL Toscana nord ovest, sui quali le strutture di Igiene e Sanità Pubblica, che gestiscono queste situazioni insieme al personale scolastico ed ai Comuni interessati, stanno effettuando le relative indagini epidemiologiche sui bambini e sul personale scolastico. E’ risultato positivo uno studente del Liceo Vallisneri di Lucca. Positivo anche uno studente dell'ISI di Castelnuovo. Sono casi emersi nelle ultime ore e, attraverso i referenti Covid delle scuole, le famiglie dei compagni di classe dei due ragazzi sono già state avvertite della sospensione delle attività didattiche in quelle specifiche classi. Si segnalano due nuovi casi di bambini positivi al Covid-19: uno in una classe seconda ed uno in una classe quinta della scuola primaria “Livia Gereschi” di Pisa. Sono stati messi in quarantena complessivamente 30 bambini e 9 insegnanti. Sono inoltre risultati tre casi di positività alla scuola materna Suore Immacolatine Beltrami a Porta a Mare, a Pisa. Come consuetudine, l’Igiene e Sanità Pubblica sta mettendo in quarantena tutti i contatti stretti. E’ risultato positivo al Covid un insegnante dell’Istituto ITIS di Livorno. Circa 200 i contatti stretti individuati dalla struttura di Igiene e Sanità Pubblica per la quarantena.

In merito al caso del parroco di Spianate (nel comune di Altopascio) risultato positivo al Covid, la struttura di Igiene e Sanità Pubblica dell’Azienda USL Toscana nord-ovest, insieme al sindaco di Altopascio Sara D’Ambrosio, sta continuando a gestire la situazione secondo protocolli consolidati.È già stata effettuata una dettagliata indagine epidemiologica che ha permesso di sottoporre a provvedimento di quarantena già alcune persone e si stanno eseguendo in queste ore i primi tamponi ai contatti stretti individuati fino ad ora. In particolare l’Asl ha contattato nella giornata odierna le famiglie dei ragazzi che hanno fatto la cresima la scorsa settimana (sabato e domenica scorsi). Lo stesso avverrà per tutti gli altri contatti stretti (coloro che abbiano avuto un contatto ravvicinato e prolungato con il sacerdote), anche quelli eventualmente non ancora emersi.Man mano che arriveranno i risultati dei test verranno prese anche le conseguenti decisioni, da parte di Asl e Comune, che stanno lavorando in piena collaborazione per contenere la diffusione del contagio da Covid-19 nella frazione di Spianate.

I ricoverati nei reparti Covid degli ospedali, 105 ad oggi, sono diminuiti del 2,8 per cento da ieri: in calo anche le presenze in terapia intensiva, che sono ventitré (meno 4,2 per cento). In quarantena a casa, malati ma che non necessita di cure ospedaliere, si trovano 3.302 persone. Non malate, ma anch’esse isolate precauzionalmente e in sorveglianza attiva, sono in 6.271: 71 in meno rispetto a ieri, meno 1,1 per cento. Si tratta di chi ha avuto contatti con persone contagiate: 2.161 nell’Asl Centro, 3.383 nell’Asl Nord Ovest, 727 nella Sud Est. Dei 10.002 guariti, 224 lo sono clinicamente (stabili rispetto a ieri), divenuti asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione, mentre 9.778 (21 in più rispetto a ieri) lo sono a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali dichiarate dopo un doppio tampone negativo. Per quanto riguarda i ricoveri per “Covid-19”, negli ospedali dell’Azienda USL Toscana nord ovest sono in totale 25, di cui 5 in Terapia intensiva. All’ospedale di Livorno 10 i ricoverati, di cui 3 dell’ambito territoriale di Livorno, 3 dell’ambito della Versilia, 1 dell’ambito di Massa Carrara e 3 residenti fuori Asl. All’ospedale di Lucca 11 i ricoverati, di cui 5 dell’ambito territoriale di Lucca, 4 dell’ambito di Massa Carrara e 2 residenti fuori Asl. All’ospedale Apuane 4 ricoverati, tutti dell’ambito territoriale di Massa Carrara.

Oggi non si registrano nuovi decessi. Restano quindi 1.157 i morti dall'inizio dell'epidemia: 419 a Firenze, 54 a Prato, 81 a Pistoia, 178 a Massa Carrara, 149 a Lucca, 94 a Pisa, 65 a Livorno, 51 ad Arezzo, 33 a Siena, 25 a Grosseto, 8 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione. Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 31 per 100 mila residenti contro il 59,3 per 100 mila della media italiana. La Toscana è undicesima. Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (91,3 per 100 mila), a Firenze (41,4 per 100 mila) e a Lucca (38,4 per 100 mila), mentre il più basso è Grosseto (11,3 per 100 mila).

Redazione Nove da Firenze