Commercianti danneggiati dai lavori: il Comune studia sconti sulla Tari

L'assessore Fratini: "Approfondimenti tecnici e politici in Commissione Bilancio". La questione sollevata da Cellai (FI)


Il presidente della Commissione Bilancio Massimo Fratini ha annunciato, in Consiglio comunale, che saranno fatti approfondimenti tecnici e politici in Commissione Bilancio (calendarizzata a partire da domani) sulla Tari (Tassa Rifiuti) alla luce dei nuovi criteri di calcolo della tariffa stessa.

“Analizzeremo – ha dichiarato il presidente della Commissione bilancio Massimo Fratini – tutti i criteri di calcolo fissi e quelli mobili sui quali sarà possibile intervenire nel calcolo della Tari 2020 venendo incontro anche a situazioni particolari di disagio in alcuni territori a causa di lavori che limitano l'accesso alle attività commerciali”.

Il presidente Fratini si è anche impegnato a portare in Commissione la possibilità di stanziare delle risorse “ad hoc” sull'assestamento di bilancio 2019 per i disagi avuti nell'anno in corso approfondendo la tematica dei contributi in maniera globale e non settoriale.

La questione era stata sollevata nei giorni scorsi da Jacopo Cellai capogruppo di Forza Italia. 

"Bocciata oggi in commissione bilancio la proposta di Forza Italia di portare dal 30% al 50% gli sgravi su Tari e Cosap per i commercianti di piazza Repubblica e via de' Serragli danneggiati dai cantieri stradali che si sono protratti oltre i sei mesi. Le motivazioni del PD non sono credibili: non ci si può nascondere dietro tecnicismi contabili quando si tratta di aiutare imprenditori e lavoratori. Lo sgravio del 30% per i commercianti di piazza Repubblica e via Pellicceria pesa per 181.000 euro per la Cosap e per soli 44.000 euro per la Tari; possibile che sia impossibile aumentare la quota a carico del Comune di un 20% in più per loro e anche per i commercianti di via de' Serragli, che fino al prossimo dicembre avranno i cantieri davanti ai loro negozi?", si chiese Cellai.

Redazione Nove da Firenze