Ciclovia dell'Arno tra Firenze, Fiesole, Campi, Empoli, Montelupo, Scandicci e Signa

La Città Metropolitana coordinatrice della gestione delle manutenzioni: 60 mila 430 euro per il 2018


Sì unanime del Consiglio della Città Metropolitana di Firenze all'accordo tra enti per la manutenzione, nel biennio 2018-2019, del sistema integrato Ciclovia dell'Arno-Sentiero della bonifica. La delibera è stata presentata da Andrea Ceccarelli, consigliere delegato alle Infrastrutture. La città Metropolitana svolgerà un ruolo di coordinamento come ente capofila per la gestione economica e operativa delle manutenzioni necessarie a garantire la buona e sicura fruibilità dell’infrastruttura. 

Un primo accordo era stato firmato nel 2015 con la Regione Toscana, le Province, Unioni dei Comuni e i Comuni interessati, consentendo di "condividere obiettivi e individuare gli interventi prioritari da finanziare". La Regione Toscana ha inserito nell’ultima legge di bilancio risorse (in compartecipazione con gli enti proprietari) finalizzate al mantenimento delle viabilità ciclabile, e a questo scopo ha chiesto alla Metrocittà di Firenze di assumere ruolo di ente capofila per la gestione della manutenzione dei tratti ciclabili nei territori comunali (pari a 42,348 km), che sono così suddivisi:

- Comune di Firenze: km 22,767, di cui km 11,536 su tratti in sede propria non asfaltata; km 11,771 su tratti in sede propria asfaltata;
- Comune di Fiesole: km 0,366, di cui km 0,366 su tratti in sede propria non asfaltata;
- Comune di Campi Bisenzio: km 0,672, di cuikm 0,672 su tratti in sede propria non asfaltata
- Comune di Empoli: km 2,338, di cui: km 2,338 su tratti in sede propria asfaltata;
- Comune di Montelupo Fiorentino: km 7,464, di cui km 6,494 su tratti in sede propria non asfaltata (di cui km 4,400 iscritti al demanio della Città Metropolitana di Firenze); km 0,970 su tratti in sede propria asfaltata;
- Comune di Scandicci: km 4,666, di cui km 4,666 su tratti in sede propria asfaltata;
- Comune di Signa: km 3,535, di cui km 3,535 su tratti in sede propria non asfaltata

Per la compartecipazione alle spese per gli interventi di manutenzione per il 2018, sono stati individuati costi "standard per tipologia infrastrutturale ciclistica":
- euro 400,00 a km per i tratti ciclabili su strade asfaltate interessate da traffico promiscuo motorizzato (parte delle spese di manutenzione sono già in carico al soggetto proprietario della strada);
- euro 1.000,00 a km per i tratti ciclabili asfaltati in sede propria;
- euro 1.800,00 a km per i tratti ciclabili in sede propria non asfaltata.
I costi di manutenzione previsti per l'anno 2018, per tutti i tratti descritti ammontano a 60.430,00 euro.
"La Regione Toscana - ha spiegato Andrea Ceccarelli - assegnerà ai Comuni firmatari, tramite il soggetto capofila, un contributo pari al 60 per cento dei costi di manutenzione ordinaria entro 60 giorni dalla firma dell’accordo, affinché esegua direttamente gli interventi di manutenzione o alternativamente lo distribuisca ai Comuni che non intendono avvalersi della Metrocittà per l’esecuzione degli interventi".
I Comuni firmatari che intendono avvalersi della Città Metropolitana come soggetto capofila per l’esecuzione degli interventi, le trasferiscono entro 60 giorni dalla firma dell’accordo la restante quota pari al 40% dei costi.
Saranno a carico della Metrocittà le rendicontazioni economiche di fine anno da inoltrare alla Regione e ai Comuni interessati dalle manutenzioni.

Redazione Nove da Firenze