Centri estivi: alla Toscana risorse per nove milioni

Serviranno per abbassare i costi alle famiglie. Toccafondi (IV): "Un ringraziamento alla ministra Bonetti". Partono il 29 giugno. A Firenze, Bagno a Ripoli, Empoli e Montelupo anche per i bambini da 0 a 3 anni. Rock e natura a Greve in Chianti


"Definito il riparto comune per comune dei 150 milioni di euro stanziati dal governo per la realizzazione dei centri estivi. Alla Toscana arrivano quasi 9 milioni, dei quali 865 mila euro solo a Firenze. Risorse che serviranno agli organizzatori dei centri estivi (comunali, paritari, o privati che siano), per abbassare i costi alle famiglie e per realizzare le attività in questa fase così complicata. I comuni utilizzino bene queste risorse." Così il deputato fiorentino di Italia Viva Gabriele Toccafondi "Voglio ringraziare la ministra Bonetti e tutta Italia Viva per il lavoro, perchè senza questo impegno non saremmo mai potuti arrivare a questo punto." Conclude Toccafondi.

Tanti genitori lo hanno chiesto a più riprese, finalmente si apre la possibilità di effettuare i centri estivi per i bambini da 0 a 3 anni, a seguito di un'ordinanza della Regione Toscana. Possono essere accolti solo i bambini già iscritti e frequentanti i servizi educativi del territorio comunale.

Sono 14 i Comuni toscani che hanno fatto ripartire i centri estivi grazie alle cooperative aderenti a CO&SO e la sfida ora è quella di organizzare le attività per i bambini più piccoli da 0 a 3 anni.

“Siamo molto contenti di poter ripartire, per le famiglie, i bambini e per il nostro personale - commenta Claudia Calafati, referente dell’ Area Educazione presso Co&So - già dal 25 maggio abbiamo sperimentato la riapertura dei servizi, con attività outdoor nel Comune di Poggio a Caiano, coinvolgendo oltre 60 bambini in età 3-11 anni. Adesso oltre a portare avanti i centri estivi 3-11 in oltre 14 Comuni toscani, abbiamo accettato la sfida di offrire l'opportunità del centro estivo anche alle famiglie con bambini 0-3”. Continua Calafati: “Al di là di tutte le perplessità espresse in questo periodo sentiamo di avere il dovere di assumerci questa responsabilità: siamo uno dei soggetti più qualificati in Toscana nell’educazione dei bambini 0-3. Abbiamo il personale adatto e i mezzi che servono per offrire un servizio con alti standard di sicurezza. Le famiglie con bambini piccoli sono state per tre mesi escluse da qualsiasi tipologia di offerta: è un loro diritto poter usufruire del centro estivo, in nidi autorizzati e accreditati e con l’accompagnamento di figure educative di elevata professionalità. Noi faremo del nostro meglio per prenderci cura di loro”.

Tra le proposte possiamo ricordare: le attività della cooperativa Odissea che riparte con Boom!! il centro estivo per bambini dai 5 agli 11 anni a Capannori, Lucca, Porcari, Camaiore, tra laboratori creativi, pittura e serigrafia, narrazioni collettive, passeggiate nella natura, attività sportive e giochi. Le rette che possono essere pagate con i bonus baby sitter. A Pontedera la cooperativa Spes organizza i centri estivi alla scuola dell’Infanzia San Giuseppe, per bimbi da 3 a 6 anni. Il pranzo e la merenda dei bambini deve essere portato da casa. La Misericordia di Pontedera misura la febbre dei bimbi all’ingresso e sono garantite pulizie e sanificazioni quotidiane. I centri estivi della cooperativa Giocolare si trovano all’Anatroccolo ad Albinia e al Consani a Orbetello, due strutture comunali con ampi giardini e spazi esterni dove si svolgerà prevalentemente l’attività. Parallelamente le strutture sono dotate di grandi spazi interni importanti per garantire, così come richiesto dalla normativa, ambienti non promiscui ai bambini per l’accoglienza, i servizi igienici, il riposo, il pasto. A Firenze sono in progettazione i centri estivi 3-11 anni nel centro infanzia La Nave e nel nido d'infanzia Il Giardino dei Grilli, gestiti dalla cooperativa L’Abbaino. Anche i Comuni di Calenzano e Sesto Fiorentino hanno preso intanto contatti con CO&SO per accogliere i bambini da 0 a 3 anni per attività estive e in sostegno alle famiglie. 

A Bagno a Ripoli, ai nastri di partenza i “baby-campus” per i piccoli da 0 a 3 anni. Dopo l'avvio nei giorni scorsi dei Centri estivi comunali per i bambini dell'infanzia e della scuola primaria, il Comune ha allestito un pacchetto di servizi educativi dedicati ai “pulcini” dei nidi. Le attività si apriranno lunedì 29 giugno e saranno ospitate nei tre nidi comunali (il “Coriandolo a Balatro, il “Chicco di grano” a Grassina, l'Arabam a Osteria nuova). Potranno partecipare i bambini già frequentanti i nidi ripolesi. Da domani, venerdì 20 giugno, e fino a giovedì 25 alle ore 13, le famiglie potranno presentare domanda. Le richieste possono essere effettuate solo online, tutte le info saranno reperibili sulla homepage della rete civica del Comune. È richiesta una partecipazione minima di tre settimane, con la possibilità di scegliere tra tempo corto (8.00-14.00) e tempo lungo (8.00-16.00). Il servizio proseguirà fino alla fine di luglio. Per venire incontro alle esigenze delle famiglie, il Comune metterà in campo una serie di tariffe agevolate calibrate sull'Isee: i redditi più bassi, inferiori ai 12 mila euro, pagheranno ad esempio 36 euro a settimana per il tempo corto e 43 euro a settimana per il tempo lungo. Per le famiglie interessate è inoltre in programma un incontro per martedì 23 giugno con l’Ufficio scuola che fornirà tutte le informazioni sul servizio. I “Baby campus 0-3” prediligeranno le attività all'aperto, la suddivisione dei bambini in piccoli gruppi, anche durante il pasto e l'ora del sonno, e osserveranno tutte le misure di prevenzione e sicurezza previste dalle linee guida del Governo. Le attività saranno gestite dagli educatori di Arca con il coordinamento e la supervisione dei Servizi educativi del Comune, in continuità con il lavoro che la cooperativa sociale svolge abitualmente nei nidi comunali. Un'attività proseguita costantemente, seppure a distanza, anche durante il lockdown con tante iniziative online.

“Già nei giorni scorsi oltre sessanta famiglie con i bimbi al nido, contattate appositamente dai nostri uffici, avevano manifestato interesse per la ripresa dei servizi educativi durante l'estate – spiega il sindaco Francesco Casini -. Ci è sembrato giusto e doveroso accogliere questa richiesta. Si tratta di un servizio essenziale per i genitori ma soprattutto per i bambini. Anche loro, seppur piccolissimi, hanno sofferto lo stravolgimento della loro routine durante il lockdown. Adesso finalmente potranno tornare ad una sostanziale normalità, ritrovare le loro educatrici, i compagni e le ore di gioco e di svago che sono fondamentali per la loro formazione e il loro benessere. Tutto questo, in massima sicurezza per i bimbi e con la tranquillità dei genitori”.

“Il ritorno alla normalità e alla socialità per i bambini e ragazzi – commenta l'assessore alla scuola Francesco Pignotti - è stata da subito la nostra priorità assoluta. Mancava solamente la fascia dei più piccoli 0-3, ma adesso che il governo lo ha reso finalmente possibile ci siamo organizzati senza perdere neanche un istante per offrire un servizio in sicurezza ai più piccoli e alle loro famiglie”.

Dal 29 giugno al 28 luglio si terranno i Centri Estivi Educativi per i bambini nella fascia di età 0-3 anni (0-6 per il Centro Zerosei), dedicati esclusivamente a coloro che erano già frequentanti i nidi d’infanzia/spazio gioco e Centro Zerosei del Comune di Empoli.

«La nostra amministrazione ha tenuto alta l’attenzione sul tema scuola e servizi educativi fin dall’inizio della pandemia. I nostri bambini hanno pagato un prezzo molto alto per l’isolamento e la mancanza di relazioni con i coetanei – sottolinea il sindaco di Empoli Brenda Barnini –. Dopo l’attivazione dei centri estivi per i bambini con più di 3 anni era rimasto un grande vuoto per la fascia 0-3. Siamo felici di poter colmare quel vuoto e offrire per il mese di luglio ai bambini che già frequentavano i servizi educativi per l’infanzia la possibilità di tornare a stare insieme».

Il centro estivo educativo rappresenta una preziosa occasione, per i bambini, di ritrovare gli amici, di vivere esperienze di gioco in contesti per loro pensati, di restituire loro momenti di crescita e socialità e, per le famiglie, un sostegno importante nel conciliare famiglia e lavoro. Si svolgerà in orario mattutino 8.00 – 13.00. L'accoglienza e il ricongiungimento avverranno in modo scaglionato ad orari precisi con un intervallo di 10 minuti da uno ad un altro per evitare assembramenti e dedicare il giusto tempo al saluto del genitore. Ogni piccolo gruppo avrà accesso al proprio spazio attraverso una porta d'ingresso esclusiva direttamente dal giardino, dove solitamente avverranno l'accoglienza e il ricongiungimento. Verrà proposta un’organizzazione in piccoli gruppi, formati da 5 bambini con un'educatrice. Particolare attenzione sarà posta alla stabilità del gruppo nella sua composizione (di bambini e adulti di riferimento), evitando momenti di mescolanza e scambi tra gruppi di bambini. Per organizzare il centro estivo educativo il personale del servizio educativo ha eseguito nelle giornate del 16 e 17 giugno un sondaggio telefonico al fine di verificare la "fattibilità" del progetto. La risposta è stata molto positiva. I servizi educativi presso i quali saranno attivati i Centri estivi educativi sono: Casa dei Canguri, Centro Zerosei, Melograno, Piccolo Mondo, Stacciaburatta e Trovamici. Durante il Centro estivo educativo è prevista la colazione e il pranzo. Durante le attività saranno disposte misure organizzative, igienico-sanitarie e comportamenti individuali volti al contenimento della diffusione del contagio da Covid-19.

Montelupo Fiorentino i nidi l'Angolo Azzurro e Fate e Folletti hanno dato la disponibilità all'attivazione dei centri estivi. I servizi educativi 0-3 pubblici sono invece impossibilitati nella realizzazione di queste attività a causa dei lavori di messa in sicurezza della struttura, che non consentono la fruizione degli spazi esterni (indispensabili per lo svolgimento dei centri estivi). Ovviamente tutte le attività dovranno essere svolte seguendo le indicazioni di tutela dettare dalla Regione Toscana.

«Si tratta di una bella opportunità che si concretizza - afferma l'assessore alla scuola Simone Londi - sia per i bambini e le famiglie, sia per le attività che sono rimaste chiuse per molto tempo»

Oltre un mese di musica e passioni rock dedicate a chi accarezza il sogno di diventare una popstar e vuole imparare a comporre canzoni e suonare. E due giorni per riscoprire il territorio in sella ad una bicicletta, nel rispetto della natura che circonda e avvolge la campagna chiantigiana. Sono alcune delle proposte che il Comune di Greve in Chianti, la Cooperativa Onlus La Stadera e la Scuola di musica di Greve in Chianti, in collaborazione con il gruppo Gev di San Michele e il Comitato Selma, hanno organizzato per intrattenere e qualificare i centri estivi rivolti a ragazzi di età compresa tra i 12 e i 17 anni.

“La nostra estate intende realizzare in sicurezza e in linea con le norme governative, in materia di prevenzione e contenimento del contagio, i desideri dei bambini e dei ragazzi - dichiara l'assessore alle Politiche educative Maria Grazia Esposito - vogliamo mettere al centro gli interessi, le vocazioni e i talenti dei giovani che hanno subito il lungo periodo di reclusione forzata, con questa nuova edizione dei centri estivi tematici l'obiettivo è creare le condizioni perché i ragazzi possano esprimere capacità artistiche e vivere occasioni di conoscenza ed esplorazione a contatto con l'ambiente, legate a quella fondamenta attività motoria che tanto è mancata in questo periodo”.

La prima attività “Rockstar e musicisti” si svolgerà dal 24 giugno al 31 luglio a Greve in Chianti nel giardino della Scuola di Musica (24 giugno e 6, 8, 20 e 22 luglio), a Panzano nel giardino della scuola Dante Alighieri (29 giugno e 13 - 27 luglio), a Chiocchio nel giardino del Circolo Arci (1, 15 e 29 luglio) dalle ore 17 alle ore 19. Il centro estivo "Biciclettando nel rispetto della natura", curato da Gev gruppo San Michele e Comitato Selma inviterà i ragazzi a vivere un'avventura naturalistica il 30 giugno dalle ore 9 alle ore 16 da Greve a Vico l'Abate (punto di ritrovo giardini pubblici di Sant’Anna) e il 7 luglio dalle ore 9 alle ore 16 da Strada a Mulino di Noino (ritrovo al centro civico di Strada). Ingresso gratuito, iscrizione obbligatoria. Per info: Mariangela 320 33 30 557, Letizia 320 33 30 556.

Partono il 29 giugno anche a Reggello i centri estivi nei servizi di nido comunale e convenzionati. Il servizio è disponibile per tutti quei bambini già iscritti ai nidi comunali e convenzionati per l’anno educativo 2019-2020 e sarà suddiviso settimanalmente dal 29 giugno al 14 agosto. I centri saranno naturalmente gestiti in totale sicurezza e seguendo tutte le regole legate alla presente emergenza sanitaria. Le famiglie oltre che, le settimane necessarie, potranno anche scegliere tra due fasce orarie giornaliere dalle 8 alle 14 o dalle 11,30 alle 17,30 dal lunedì al venerdì. La tariffa è di 120 euro a settimana e sarà unica e comprensiva del servizio mensa. Il modulo di iscrizione, scaricabile sul sito istituzionale del Comune di Reggello, dovrà essere inviato via mail al seguente indirizzo istruzione@comune.reggello.fi.it , oppure via fax al numero 0558669266 per informazioni ci si può rivolgere all’Ufficio Istruzione 055 8669273/361. Il servizio sarà attivato settimanalmente con un numero minimo di 5 bambini ed i bimbi potranno essere iscritti solo presso il proprio nido. Le famiglie interessate saranno contattate direttamente dai gestori del servizio frequentato dal proprio figlio ed invitati a presentare la domanda di ammissione.

Tutto pronto per i “Campi stellari 2020”. Da lunedì 22 giugno prenderà il via la nuova edizione dei centri estivi promossi dall’associazione All Stars Social in collaborazione con All Stars Arezzo Onlus che, ospitati dal centro di aggregazione sociale di Agazzi, proporranno due mesi all’insegna di divertimento, di socializzazione e di incontro per bambini e ragazzi tra i 6 e i 17 anni. L’iniziativa, sostenuta dalla Fondazione Graziella - Angelo Gori, si svolgerà fino a venerdì 28 agosto e sarà impreziosita dall’obiettivo di promuovere nuovi percorsi di inclusione e di integrazione. I campi, infatti, saranno rivolti ai ragazzi con disabilità e a ragazzi senza disabilità che potranno vivere esperienze comuni dove giocare e svolgere tante attività insieme.

Da lunedì 22 giugno a venerdì 14 agosto si svolgeranno i “Centri Estivi 2020” del Comune della Città di Chiusi pensati per i bambini dai 3 agli 11 anni di età. I Centri Estivi 2020 saranno organizzati in due tipologie secondo l’età dei bambini con turni bisettimanali per bambini in età di scuola dell’infanzia (3-5 anni) e turni bisettimanali per bambini in età di scuola primaria (6-11 anni). Nello specifico per i bambini dai 3 ai 5 anni sono previsti tre turni: turno A (1-17 luglio compresi, 3 luglio chiuso per santo patrono); Turno B (20-31 luglio); Turno C (3-14 agosto). Per i bambini dai 6 agli 11 anni, invece, sono previsti quattro turni: Turno 1 (22 giugno-02 luglio); Turno 2 (06-17 luglio); Turno 3 (20-31 luglio); Turno 4 (3-14 agosto). I Campi Estivi si svolgeranno con tutta probabilità presso la Scuola dell’Infanzia di Chiusi Scalo (Bagnolo) e presso la Scuola dell’Infanzia di Chiusi Città per i bambini dai 3 ai 5 anni mentre i bambini dai 6 agli 11 anni avranno a disposizione gli spazi della Scuola Primaria di via Oslavia (turno 1) e la tensostruttura S.Francesco a Chiusi Città per gli altri turni. I bambini che parteciperanno saranno monitorati da educatori professionisti che organizzeranno le attività ludico/motorie in piccoli gruppi in modo da garantire la massima sicurezza e osservanza delle norme anti Covid-19.

“Organizzare i Centri Estivi quest’anno non è stato facile, ma siamo soddisfatti di aver organizzato un programma che darà una risposta efficace sia alle esigenze dei genitori sia alla voglia di giocare e socializzare dei bambini – dichiara l’assessore all’istruzione Sara Marchini – Il primo ringraziamento va a tutti gli uffici comunali che hanno lavorato al programma e che hanno trovato le migliori soluzioni per organizzare dei Centri Estivi dove i bambini ritroveranno il senso della normalità dopo i lunghi mesi del lockdown. Un ringraziamento anche all’Istituto Comprensivo che sta lavorando per mettere a disposizione gli spazi. La socializzazione è un aspetto determinante nel processo di crescita di un bambino che quest’anno avevamo il compito di trattare ancora con più delicatezza perché le restrizioni dovute al virus hanno colpito soprattutto le generazioni più giovani, che si sono trovate a vivere una condizione assolutamente anomala rispetto alla quotidianità della scuola e degli amici. Il nostro auspicio è che più famiglie possibili possano usufruire dei Centri Estivi 2020 e per questo come amministrazione comunale, in attesa dei finanziamenti del Governo, abbiamo deciso di implementare le risorse messe a disposizione dalla Regione Toscana con altre risorse del bilancio comunale per garantire l’organizzazione del servizio e tariffe agevolate. Invitiamo a contattare gli uffici comunali e a presentare la domanda.”

Prenderanno il via da lunedì 22 giugno i centri estivi per bambini, da 3 a 14 anni, organizzati dal Comune di Castelnuovo Berardenga. I campi solari, si svolgeranno da giugno ad agosto, nel rispetto delle misure di sicurezza anti Covid-19 tra Castelnuovo e le frazioni di Quercegrossa, Pianella, San Gusmè, Geggiano e Villa Sesta.

“L’amministrazione comunale di Castelnuovo Berardenga - afferma il sindaco, Fabrizio Nepi – ha stanziato 26 mila euro, di cui 5 mila da parte della Regione Toscana, per contribuire ad aiutare le famiglie nella gestione dei figli e per facilitare la socializzazione tra i cittadini più piccoli. Le attività estive sono, per Castelnuovo, un appuntamento consolidato per il nostro territorio ma quest’anno hanno una valenza maggiore sia per le conseguenze economiche che ha avuto il COVID !9 sulle famiglie sia per quelle sociali per bambini e ragazzi che finalmente potranno ritrovarsi, in condizioni di sicurezza”.

Da lunedì 22 giugno al 4 luglio a Quercegrossa prenderà il via Summer Sport, presso gli impianti sportivi, per bambini da 6 ai 14 anni. A Villa a Sesta, dal 29 giugno al 31 luglio, si svolgerà ‘Incontriamoci alla Villa’ per la fascia età da 6 a 10 anni. Il capoluogo ospiterà due campi: dal 29 giugno al 24 luglio, presso gli impianti sportivi, per i bambini da 6 a 10 anni si svolgerà ‘Il Gioco è un gioco’ dalle 8 alle 17 e dal 27 luglio al 27 agosto presso la polisportiva ‘La Bulletta’ per la fascia 6 – 11 ani. Alla scuola materna di San Gusmè, dal 29 giugno al 31 luglio, si terrà ‘Kiriku ed altri eroi’ per la fascia di età 3 – 6 anni dalle 8.30 alle 13.30. A Pianella saranno due le attività organizzate: dal 29 giugno al 7 agosto con il centro estivo per bimbi da 3 a 5 anni nella scuola dell’Infanzia e dal 29 giugno al 28 agosto presso la piscina di Pianella per la fascia di età 4 – 14 anni. Anche il Bosco di Geggiano sarà protagonista delle iniziative estive con ‘Le avventure di Cipollino’ che si svolgerà dal 15 luglio al 7 agosto e dal 24 agosto al 4 settembre per bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni.

Redazione Nove da Firenze