Caso Ciatti, il giovane ucciso in discoteca: memoria giuridica da Firenze e Scandicci

La decisione presa da Dario Nardella e Sandro Fallani, nei loro ruoli di Sindaco Metropolitano di Firenze e Sindaco di Scandicci, durante un incontro con il primo cittadino di Lloret de Mar Jaume Dulsat i Rodriguez


La Città Metropolitana di Firenze e il Comune di Scandicci consegneranno una memoria giuridica all'Ajuntament de Lloret de Mar come sostegno all'ente locale spagnolo che ha avviato un'azione popolare a fianco della pubblica accusa nel processo per Niccolò Ciatti, il giovane di Scandicci ucciso in una discoteca della località turistica il 12 agosto 2017.

La decisione è stata presa da Dario Nardella e Sandro Fallani, nei loro ruoli di Sindaco Metropolitano di Firenze e Sindaco di Scandicci, mercoledì 14 novembre 2018 durante un incontro con il primo cittadino di Lloret de Mar Jaume Dulsat i Rodriguez (al quale Fallani ha partecipato in conference call a causa di ritardi nei voli della mattina dall'aereoporto di Firenze). Come espressamente richiesto da Nardella e Fallani, il Comune di Lloret de Mar si farà carico di rappresentare anche le comunità di Scandicci e Firenze nel processo che si terrà in Spagna e che avrà inizio nei primi mesi del 2019.

Durante l'incontro i tre Sindaci hanno sottolineato la grande perdita conseguente alla morte di Niccolò Ciatti e la forte richiesta di giustizia che accomuna le comunità di Scandicci, Firenze e di Lloret de Mar, così come la forte vicinanza di tutti alla famiglia; in questa occasione è stato proposto - d’accordo con Acf Fiorentina - di organizzare un evento sportivo insieme allo Scandicci Calcio e alla squadra di Lloret de Mar, “perché tutti noi siamo per i giovani e contro la violenza”, come ha sottolineato Dario Nardella.

L'Alcalde de Lloret de Mar Jaume Dulsat i Rodriguez ha elencato tutte le azioni che l'Ajuntament sta intraprendendo per il caso giudiziario; il primo cittadino spagnolo ha inoltre raccontato di come si sia reso conto personalmente, durante una visita nei mesi scorsi a Firenze e al Mercato Centrale dove il giovane lavorava, del vuoto lasciato da Niccolò Ciatti e dall'affetto con cui viene ricordato. “Ci stiamo impegnando al massimo perché si abbia giustizia – ha detto il Sindaco di Lloret de Mar – per ribadire il valore che noi diamo alla vita, al rispetto e alla sicurezza di tutte le persone che vengono qui da noi”.

“Nessuno a Scandicci o a Firenze vuole vendetta – ha detto il Sindaco Sandro Fallani – ma è eccezionale come a distanza di un anno e tre mesi non passi giorno in cui non ci sia un'iniziativa per chiedere giustizia per Niccolò Ciatti. Questo sentimento popolare coinvolge tante persone, donne e uomini di ogni età”. Fallani ha invitato il primo cittadino Jaume Dulsat i Rodriguez come ospite a Scandicci per incontrare le associazioni impegnate quotidianamente su questo caso.

Il Sindaco della Città Metropolitana di Firenze Dario Nardella durante l'incontro ha aggiornato i due colleghi riguardo all'incontro avuto martedì 13 novembre 2018 a Madrid alla Fiscalia General del Estado - la pubblica accusa spagnola a livello centrale - per un aggiornamento sull’istruttoria in corso per il caso Ciatti, accompagnato dall'Ambasciatore d'Italia in Spagna Stefano Sannino.

Redazione Nove da Firenze