Canottieri Comunali Firenze, verso il trasloco all'Albereta

​L’assemblea dei soci "ha preso atto della disponibilità del Comune di Firenze a trovare soluzioni e ringrazia le società fiorentine per gli atti concreti di solidarietà"


Nasce un Comitato per dare continuità al confronto con le istituzioni. Dopo il sequestro della palestra ad opera dei tecnici della Provincia si è svolta nella serata di mercoledì 17 dicembre, presso la sede della Canottieri Comunali Firenze in Lungarno Ferrucci, la riunione del Consiglio della società aperta a tutti i soci.

Nel pomeriggio il presidente Giancarlo Fianchisti e il vicepresidente Alessandro Piccardi erano stati ricevuti in Palazzo Vecchio dall’assessore allo sport del Comune di Firenze Andrea Vannucci, incontro che è seguito temporalmente alla lettera aperta che il presidente nazionale della Federcanoa e vicepresidente del Coni Luciano Buonfiglio aveva indirizzato al sindaco Dario Nardella

L’assessore Vannucci, in sintesi, ha individuato una soluzione ponte. Alcuni locali di proprietà comunale non lontani dalla sede dovrebbero essere messi a disposizione della società biancorossa a partire dal prossimo mese, il tempo di completare l’iter burocratico per detta soluzione. Inoltre l’assessore si è impegnato ad accelerare al massimo i lavori per l’allestimento della tensostruttura nel limitrofo Parco dell’Albereta.

La Canottieri Comunali Firenze ha inoltre registrato l’immediata disponibilità e solidarietà delle società sportive fiorentine che si sono subito mosse con atti concreti. La Rari Nantes Florentia ha messo a disposizione la piccola palestra sempre in lungarno Ferrucci e anche gli spazi acqua di cui dispone nelle piscine fiorentine. Anche l’Assi Giglio Rosso ha messo a disposizione degli atleti e dei soci della Comunali Firenze la propria palestra situata presso la propria sede, in viale dei Colli, a circa un chilometro e mezzo dalla sede stessa della Comunali. Il Rugby 31 di Campo di Marte ha a sua volta messo a disposizione la propria struttura per gli allenamenti.

Durante l’assemblea dei soci è nato anche un Comitato che sarà espressione della voce dell’assemblea dei soci, per dare continuità al confronto con le istituzioni. Il Comitato ha espresso gradimento e ringraziamento per le proposte del Comune che consentiranno di andare avanti per qualche mese cercando di limitare i danni.
"Si cercano intanto soluzioni per evitare la diaspora dei soci, che si dividerebbero in questo modo tra le varie strutture. A questo proposito si ringraziano di cuore le società fiorentine, chiedendo nel frattempo loro di non far mancare la solidarietà per il raggiungimento dello scopo finale, quello di ottenere per la Canottieri Comunali una sede ottimale dal punto di vista della logistica e sotto l’aspetto economico per la collettività come quella attuale".

Redazione Nove da Firenze