Camera di Commercio e The Student Hotel tra i Big dello sviluppo economico

 Nella rete: Comune di Firenze, Università, Nana Bianca, Impact Hub, Scuola di scienze aziendali, Fondazione Ricerca e innovazione


Nella rete entrano Camera di Commercio e The Student Hotel con il suo spazio di coworking TSH Collab, che vanno a rafforzare il network costituito a maggio dello scorso anno tra Comune di Firenze, Università di Firenze, Nana Bianca, Impact Hub, Scuola di scienze aziendali e tecnologie industriali (Ssati), Fondazione Ricerca e innovazione.

Uno strumento che ha contribuito a mettere formazione e innovazione a sostegno delle nuove idee di impresa. L’ampliamento ha avuto il via libera della giunta di Palazzo Vecchio su proposta dell’assessore allo Sviluppo economico Cecilia Del Re. Camera di Commercio e The Student Hotel hanno già partecipato all’ultimo comitato scientifico avviando concretamente l’attività con la rete.

“Rafforziamo un accordo importante aprendolo a nuovi protagonisti dell’innovazione sul territorio - ha detto l’assessore Del Re – Una rete che in questo anno e mezzo di lavoro ha contribuito a mettere l’innovazione a disposizione delle imprese e del commercio fiorentino e che da oggi si arricchisce di due nuovi partner: Camera di Commercio e The Student Hotel con il suo spazio di coworking TSH Collab. In particolare, con il Punto impresa digitale e i servizi digitali della Camera di Commercio, sarà possibile avere consulenze e seminari gratuiti per le pmi su contenuti digitali, web marketing e voucher Impresa 4.0. L’ingresso di TSH – ha proseguito l’assessore – è una conferma di quanto questo investimento abbia portato in città nuova linfa non solo al settore ricettivo-studentesco, ma anche all’ecosistema dell’innovazione grazie agli spazi di co-working TSH Collab situati al piano terreno. Un luogo aperto a tutti inserito in un network internazionale che offre postazioni di lavoro flessibili e attività orientate alla formazione come workshop, conferenze e meetup su argomenti quali digital marketing, user experience, blockchain, fatturazione elettronica e aiuti alle nuove imprese. Andiamo avanti per potenziare questo grande strumento e rendere Firenze sempre più start up friendly”.

Obiettivo della rete è quello di stimolare lo sviluppo dell’ecosistema dell’innovazione fiorentino rivolto alle start-up e a tutti i settori dell’industria, artigianato, agricoltura, servizi e commercio, pubblica amministrazione e terzo settore. Un modo per promuovere il networking tra i vari soggetti e la condivisione dei processi legati alla formazione, selezione, inserimento delle risorse umane nei processi di sviluppo dell’ecosistema fiorentino dell’innovazione.

A tal fine, i soggetti coinvolti si sono impegnati promuovere l’attrattività dell’ecosistema fiorentino dell’innovazione; coordinare progetti e attività formative, percorsi di scouting, selezione, mentoring, incubazione, accelerazione con lo scopo di ottimizzare l’impiego delle risorse disponibili; organizzare eventi congiunti su tematiche di interesse comune; condividere attività di auditing del fabbisogno d’innovazione per canalizzare le richieste del territorio in base alle specifiche competenze e capacità di soddisfare le richieste stesse; coordinare e condividere processi di matchmaking in risposta alle richieste del territorio; organizzare eventi congiunti di ‘fundraising awareness’ pubblico e privato a sostegno delle attività.

Redazione Nove da Firenze