​Calcio: dopo la sosta invernale torna la serie A con la lotta Champions in evidenza

Terminata la sosta invernale, tornano il campionato di serie A e quello di B, in Italia, Premier League e Liga Spagnola quest’anno non hanno effettuato la pausa, anzi durante la fine di dicembre e l’inizio di gennaio è diventata sempre più intensa e imperdibile.


Per quanto riguarda la Premier League, il Liverpool, nonostante il passo falso in FA Cup, procede spedito in campionato, mantenendo il giusto distacco nei confronti di Manchester City, Tottenham e di un Chelsea sempre più ridimensionato e ormai lontano ben 10 lunghezze rispetto alla capolista. Nonostante la differenza di punti il campionato inglese, assieme a quello spagnolo continuano a regalare emozioni e stravolgimenti di classifica, specialmente in alta quota; un campionato che vale la pena continuare a seguire anche sotto il profilo di quote e scommesse sulla Premier League che ogni sabato e domenica propongono gare ad alto livello di coinvolgimento, per appassionati di betting e del calcio estero in generale. 

Così come per quanto riguarda la Liga spagnola dove Barcellona e Atletico Madrid tengono il passo, il Siviglia è stato invece già agganciato dal Real Madrid, che finalmente è tornato a vincere e a produrre il suo gioco, riducendo al massimo il distacco che nel girone d’andata era diventato sempre più netto ed evidente. Cinque punti separano ora il Real Madrid dall’Atletico Madrid, che a sua volta viaggia con cinque punti di distacco rispetto al Barcellona di Messi e Suarez. Una distanza che per il campionato italiano è invece differente, visto che la Juventus dopo il passo falso del Napoli di Carlo Ancelotti, sconfitto nei minuti finali contro l’Inter di Spalletti, si trova ora a 9 punti di distacco dalla capolista. Una distanza che sarebbe anche colmabile, senza però considerare il modo in cui le due squadre hanno disputato il girone d’andata: il Napoli ha perso tre gare in trasferta e ha ottenuto due pareggi interni contro Roma e Chievo, ma la Juventus in casa così come in trasferta ha concesso solo 2 punti durante tutto il girone d’andata, rispettivamente contro Genoa e Atalanta, dove complice il solito lavoro di Cristiano Ronaldo, è riuscita a rimontare in inferiorità numerica contro un’agguerrita Dea ben organizzata dal solito Gasperini.

La Fiorentina di Stefano Pioli deve dimostrare di poter tenere testa a Parma, Sampdoria e Atalanta, visto che l’obiettivo Europa League, appare alla portata, ancora più rispetto alla passata stagione. Prima però ci sarà da affrontare alcune impegnative gare, come quella contro il Napoli in casa, e successivamente la sfida con la Roma di Eusebio Di Francesco per i quarti di finale di Coppa Italia. In mezzo ci sono le gare sempre in trasferta contro un Chievo rigenerato dalla cura Di Carlo e l’Udinese ora guidata dall’esperto Davide Nicola. Tutte gare di livello medio-alto, fino ad arrivare alla sesta di campionato, quando la Fiorentina di Chiesa e compagni dovrà incontrare l’Inter di Spalletti. 

Per quanto riguarda Champions ed Europa League, Inter e Napoli dovranno ripartire dagli incontri del giovedì, visto che sono state retrocesse in Europa League, condizione non certo ideale per tentare di strappare qualche punto in zona scudetto alla Juventus dei record di Max Allegri. Si tratta comunque di un campionato capace di offrire spunti e motivi di interesse non solo in ottica Champions, ma anche per tutte le squadre che dovranno lottare per ottenere un piazzamento utile per l’Europa League: Sampdoria, Atalanta, Torino e Fiorentina, sono ancora in gioco per questo tipo di discorso. Mentre il compito di Cagliari, Genoa, Udinese, Spal ed Empoli, sarà piuttosto differente, visto che queste squadre dovranno tenere a debita distanza la zona retrocessione attualmente occupata da Bologna, Frosinone e Chievo, ultima in classica. 

Redazione Nove da Firenze