A Firenze si apre il Forum dei giornalisti del Mediterraneo

Reporter e blogger da Siria, Tunisia, Egitto, Iraq fanno il punto su libertà di stampa, diritti e democrazia nei loro paesi.


INFORMAZIONE — Al via domani, giovedì 16 maggio, nella sala Quattro Stagioni di Palazzo Medici Riccardi, il Forum Giornalisti del Mediterraneo (via Cavour 1).
Si incontreranno a Firenze giornalisti, blogger, analisti provenienti da Siria, Tunisia, Turchia, Egitto, Iraq e in generale dai Paesi dell'area Medio Oriente-Magreb, per portare racconti di prima mano su cosa succede nei loro paesi, le loro valutazioni sullo stato dei diritti umani e dei livelli di democratizzazione dopo la fase delle cosiddette “primavere arabe”. L’evento ha il patrocinio e la collaborazione organizzativa della Provincia di Firenze.
Il Forum dei Giornalisti del Mediterraneo nasce dalla partecipazione di Information Safety Freedom al bando regionale per le attività di cittadinanza globale con la partnership di Ordine dei Giornalisti, Associazione Stampa Toscana, Giunta Regionale, Master in Studi mediterranei dell'Università di Firenze, Forum per i problemi della pace e della guerra. Ecco il programma della prima giornata:

GIOVEDI’ 16 maggio 2013
Saluti: Carlo Bartoli – Presidente OGT, Enrico Rossi – Pres. Giunta Regionale Toscana, On. Khalid Chaouki- Com. Esteri Camera Deputati, On. Lapo Pistelli – V/Ministro Affari Esteri, Paolo Ciampi – Presidente AST, Piero Giunti-Pres. Consiglio Provinviale FI, Stefano Marcelli – Pres. ISF

Ore 09,30 - DOPO LE RIVOLUZIONI: UN BILANCIO SUL FRONTE DEI DIRITTI CIVILI
Coordinatore: Ahmad Rafat. Partecipano i blogger: Lina Ben Mhenni (Tunisia), Alber Saber (Egitto).

ORE 11,30 - CASO SIRIA: LA GUERRA IGNORATA

Coordinatore: Ahmad Rafat. Partecipano: Mahmoud Kilani (Siria), Saad Kiwan (Libano), Lucia Goracci(TG3), Stefano Marcelli.

POMERIGGIO
ORE 15,00 - Il MEDIO ORIENTE – I NUOVI EQUILIBRI NELLA REGIONE
Coordinatore: Stefano Marcelli. Partecipano: Ahmad Rafat (Iran), Saad Kiwan (Libano), Mahmoud Kilani (Syria), Asseel Kamal (Iraq), Jamal Jadallah (Palestina), Yasemin Taskin (Turchia).

Ore 17.00 - DOMANDE E RISPOSTE

Ci sarà anche l’assessore alla presidenza della Regione Toscana Vittorio Bugli alla manifestazione che si apre domani a Firenze a Palazzo Medici Riccardi. Bugli interverrà venerdì mattina attorno alle 10, seconda ed ultima giornata del forum, portando i saluti della giunta regionale.

Il convegno è articolato in otto panel con la partecipazione di giornalisti, blogger e analisti provenienti dai Paesi dell’area del Medio Oriente e del Magreb: un’iniziativa di Isf, l’associazione a difesa della libertà di stampa e di espressione nel mondo, organizzata per fare il punto sullo stato dei diritti umani e dei livelli di democratizzazione dopo le ‘primavere arabe’.
Giornalisti e blogger arriveranno infatti dalla Siria: un’occasione in più per parlare del dramma che si consuma in quel paese, con migliaia di morti di cui quasi nessuno parla. Arriveranno anche dalla Tunisia e dalla Turchia, dall’Egitto e dall’Iraq e porteranno con se racconti di prima mano su cosa succede nei loro paesi.
Il Forum prevede anche l’istituzione di un Osservatorio permanente sulla libertà di stampa nell’area mediterranea. Il Forum dei Giornalisti del Mediterraneo nasce dalla partecipazione di ISF al bando regionale per le attività di cittadinanza globale con la partnership di Regione Toscana, Ordine dei Giornalisti, Associazione Stampa Toscana, Master in Mediterranean Studies dell’Università di Firenze e Forum per i problemi della pace e della guerra.
http://forumgiornalistimed.org/chi-siamo.html

Redazione Nove da Firenze