Grande festa domenica 6 gennaio per “La Via dei Presepi”

Alle 15.30 concerto e premiazione alla Chiesa di San Francesco. Alle 18.00 il “presepe vivente” della compagnia “Passi di Luce” (partenza Piazza del Popolo)


CASTELFIORENTINO —
Una grande festa con la musica, la premiazione dei presepi e il presepe vivente “in danza e musica” che animerà il centro storico alto da Piazza del Popolo fino alla Pieve, dove sarà rappresentata la natività. E’ questo il suggestivo programma domenica 6 gennaio 2013 per “La via dei Presepi”, la mostra itinerante promossa dall’Associazione “All’Ombra di Membrino” che anche quest’anno sarà coadiuvata dalla Compagnia teatrale amatoriale “Passi di Luce” con un presepe vivente intitolato “Sotto il velo della sposa”.
Primo appuntamento alle 15.30 alla Chiesa di San Francesco con un concerto d’organo e orchestra “sulle pastorali natalizie” che sarà diretto da Gabriele Centorbi (organista Giovanni Ciardi), cui seguirà la consegna – da parte del Proposto Don Marco Viola – del diploma di partecipazione a quanti hanno allestito il presepe nel paese alto.

Alle 18.00 è previsto il presepe vivente “in danza e musica” dal titolo “Sotto il velo della sposa”, proposto dalla Compagnia Teatrale Amatoriale “Passi di Luce”. La rappresentazione – che si è già tenuta il 26 dicembre nella Chiesa di San Lorenzo (causa maltempo) – si svolgerà questa volta all’aperto e prenderà il via in forma itinerante in Piazza del Popolo fino a raggiungere la Pieve di Sant’Ippolito, dove si trova la natività. Più che un presepe vivente tradizionale, “Sotto il velo della sposa” si presenta come un musical, nel quale i canti si alternano alle danze e alla rappresentazione di momenti di vita della coppia, Giuseppe e Maria, con scene relative anche alle nozze, con “ancelle esultanti” e in rigoroso “rito ebraico” per meglio ricostruire l’atmosfera regnante nella Palestina dell’epoca.
Ma – come annuncia la presentazione del presepe vivente - sotto il “velo della sposa” non c’è soltanto “un volto pieno di gioia, amore, timori, sogni, attese, speranze”. C’è anche una giovane donna “prescelta per un disegno d’amore più grande di lei”, “Un segreto” che alimenta magari qualche chiacchera di troppo nel paese di Nazareth e che nasconde “una promessa, una vita mandata dal cielo”. E’ il figlio di Dio, che nella rappresentazione sarà annunciato dal balletto della “stella cometa”, una danza gioiosa che inviterà i Re Magi a seguirla, insieme al pubblico, fino alla Pieve di Sant’Ippolito.
La rappresentazione vede quali attori protagonisti una quarantina di ragazzi e ragazze della Parrocchia di Santa Verdiana, fra i 13 e i 30 anni, che hanno dato vita lo scorso anno alla Compagnia teatrale, ottenendo già nel 2012 alcuni brillanti riconoscimenti come un primo premio e una menzione speciale alla rassegna “In scena la fede” promossa dalla Diocesi di Firenze.
Un entusiasmo che sarà oltremodo incoraggiato domani pomeriggio (sabato 5 dicembre) dalla partecipazione della Compagnia Teatrale – insieme ai rappresentanti dell’Associazione “All’Ombra di Membrino” - all’undicesima edizione di “Capannucce in città”, in programma a Firenze nella Chiesa di San Gaetano.
E non è tutto. Domenica 13 gennaio infatti è prevista la visita a “La via dei Presepi” del Cardinale Giuseppe Betori, che sarà conclusa con l’estrazione dei premi della lotteria in Piazza del Popolo.

Redazione Nove da Firenze