Maggio e RFK: la musica sposa i diritti umani

All'asta la possibilità di dirigere l'Orchestra di Zubin Mehta


FIRENZE — Un appuntamento irripetibile, frutto della collaborazione tra due eccellenze internazionali: il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino e il Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Rights / Europe. Sabato 24 novembre 2012, nel week-end in cui si celebra negli Stati Uniti il Giorno del Ringraziamento, Firenze ospiterà un evento straordinario, promosso per raccogliere fondi da destinare alla difesa dei diritti umani e in favore della grande musica: per la prima volta in assoluto, un’opera lirica - in forma semiscenica - sarà rappresentata al Nuovo Teatro dell’Opera, a seguire una cena di gala e un’asta esclusiva.

Diritti umani e musica si trovano accostati in un binomio, che mette in luce la valenza universale di entrambi i messaggi: l’uomo non può vivere se vede negati i propri diritti, ma altresì non può vivere senza musica. Un nuovo modo di fare fundraising in favore di due cause universali, che unite diventano ancora più forti. Zubin Mehta, Direttore Principale a Firenze dal 1985, da sempre impegnato sul fronte dei diritti umani, dirigerà il Coro e l'Orchestra del Maggio Musicale per dare vita a una memorabile rappresentazione dell’ultimo capolavoro di Giacomo Puccini, Turandot, insieme ad un cast di altissima qualità.

L’asta, che avrà luogo dopo una prova di Turandot, con un battitore autorevole e quella suspense e quei rituali coinvolgenti che attirano chi vuole rilanciare, avrà in catalogo esperienze esclusive e lotti unici. I proventi dell’asta, insieme a quelli raccolti anche grazie alla cena e a una lotteria win-win, saranno interamente destinati a progetti del RFK Center e del Maggio Musicale Fiorentino. Madrine della serata saranno Kerry Kennedy, Presidente del Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Rights, la defender Marina Pisklakova, attivista leader dei diritti delle donne in Russia, la laureate Aminatou Haidar, in prima fila nella difesa dei diritti del popolo Saharawi nel Sahara Occidentale, e Francesca Colombo, Sovrintendente del Maggio Musicale Fiorentino. Molti gli special guests attesi da ogni parte del mondo.

Il RFK Center Europe è stato istituito nel 2005 per promuovere e sviluppare i progetti del RFK Center for Justice and Human Rights con sede a Washington. Attraverso gli uffici di Firenze, RFK Center Europe porta avanti progetti di educazione ai diritti umani in Europa, ed è promotrice di cambiamento.
Il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, dal 1933 sede di uno dei festival più antichi d’Europa, ospita da gennaio a dicembre opere, balletti, concerti, raggiungendo nel festival, che ogni anno si tiene in primavera, il culmine della produzione contemporanea, della creatività, della multidisciplinarità fra diverse discipline, performing arts e arti visive; un’eccellenza apprezzata in tutto il mondo, come le numerose tournées all’estero testimoniano.

Il sogno di molti spettatori è sovente quello di dirigere un’orchestra, salire sul podio e cercare scrutare nel golfo mistico più di cento musicisti, che dipendono da un gesto, da un cenno, da un impulso della bacchetta; quanti ad occhi aperti sognano di decidere così il tempo, le sfumature, l’intensità del suono! Fino ad arrivare all’esecuzione finale, nel suo complesso insieme di dinamica e colori, pianissimi e fortissimi; di dare ad ogni singolo professore d’orchestra l’attacco in un determinato momento e decidere la lunghezza delle pause, o delle corone nelle chiuse o di creare ancora effetti dal forte impatto emotivo. Quest’esperienza per la prima volta viene messa all’asta. Questo sogno diviene realtà in occasione della serata: dopo la prova ante-generale di Turandot, avrà luogo la cena con una lotteria e una vendita all’asta con lotti davvero particolari. Fra questi, verrà data la possibilità di dirigere l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, dopo aver avuto una breve ripetizione privata da un insegnante di sostegno davvero straordinario: Zubin Mehta in persona, che poi affiancherà colui, o colei, che sarà stato in grado di aggiudicarsi il lotto. Base d’asta € 5000. Per chi non potesse essere presente, sarà possibile partecipare all’asta anche al telefono, proprio come avviene nelle migliori case d’asta. Sui nostri siti a breve i numeri di telefono da chiamare.

Redazione Nove da Firenze