Volo in ritardo, dopo 4 anni la sentenza per quattro famiglie di Grosseto

Nel 2007 quattro famiglie erano rimaste bloccate alle Mauritius per un ritardo di 2 giorni: sentenza esemplare a Grosseto


VIAGGIARE — Quattro famiglie di Grosseto dovevano rientrare a un viaggio alle Mauritius per festeggiare il capodanno a Roma, ma, a causa di un ritardo del volo, si erano trovate costrette a festeggiare tra aeroporti e alberghi di fortuna fino al rimpatrio avvenuto solo la sera del 2 gennaio del 2008. Il voucher offerto dal Tour Operator di poche decine di euro è risultato quasi offensivo per i 12 turisti coinvolti, che hanno deciso di chiedere assistenza alla federazione grossetana della Confconsumatori.

Ora, a distanza di quattro anni dalla disavventura e dopo aver esperito nel 2008 un tentativo di conciliazione con esito negativo, finalmente le famiglie sono riuscite ad ottenere un esemplare risarcimento per il danno subito. Il Giudice del Tribunale di Grosseto ha condannato il Tour Operator a pagare 500 euro a persona per un totale di 6000 euro, più altri 475 euro per le spese sostenute in conseguenza del rientro ritardato, più altri 3.500 euro per le spese di giudizio.

Il Tribunale ha statuito che l’organizzatore del viaggio (Tour Operator) risponde per l’inadempimento del vettore aereo secondo le norme del Codice del Consumo, ora Codice del Turismo, e che il guasto all’aeromobile non può essere solo lamentato ma deve essere provato per testimoni e documenti. In aggiunta il Tribunale ha ritenuto che la lesione del diritto alla vacanza costituisce lesione di un diritto costituzionalmente garantito e conseguentemente che il danno da vacanza rovinata è inquadrabile al pari del danno esistenziale.

"E’ un caso emblematico - commenta l’avvocato Carmelo Calì, responsabile del settore Turismo & Trasporti per Confconsumatori - che deve far riflettere i malcapitati turisti che non sempre reagiscono dinanzi a disservizi o inadempimenti nel corso delle sacro sante vacanze".

Assistenza a Grosseto - Tramite lo sportello di Grosseto, in via Ronchi 24 (0564/418276) è possibile ottenere assistenza e tutela in materia di turismo. Inoltre Confconsumatori (insieme ad Adoc, Federconsumatori, Cittadinanzattiva e Unc) ha istituito, in collaborazione con la Camera Arbitrale della CCIAA di Grosseto, un punto d’assistenza presso la sede di via Adda, attraverso il quale è possibile procedere con la mediazione nelle liti turistiche.

Sportello nazionale turista – da lunedì prossimo e per tutta l’estate sarà attivo lo Sportello del Turista di Confconsumatori: tel. 095/2500426 o cell. 340-7289212 oppure e-mail confconsumatorisicilia@hotmail.com.

Redazione Nove da Firenze