Premio Terna per l’arte contemporanea

“Dentro e Fuori Luogo. Senza Rete. Il Territorio per l’Arte”. Artisti conosciuti e meno noti che si cimentano interpretando il tema energetico


ARTE —
Anche Zafina Vasa, Daniele Falletta, Sanja Spasic, Carlo Colli e Giovanni Presutti parteciperanno alla quarta edizione del Premio Terna per l’arte contemporanea “Dentro e Fuori Luogo. Senza Rete. Il Territorio per l’Arte” a cura di Cristiana Collu, Direttrice del Mart di Rovereto, Èric de Chassey, Direttore dell’Accademia di Francia, Gabriele Francesco Sassone, critico d’arte e Gianluca Marziani, Direttore di Palazzo Collicola a Spoleto, già curatore delle precedenti tre edizioni.

Zafina Vasa, pittrice in particolare di nature morte e paesaggi, ha già tenuto numerose mostre in Italia ottenendo vari riconoscimenti dalla critica. Daniele Falletta è esperto di grafica e produzione post fotografica. Sanja Spasic si è laureata all'Accademia delle Belle Arti di Firenze. Carlo Colli invece è docente al Liceo Artistico di Porta Romana a Firenze e infine Giovanni Presutti, diplomato alla Scuola Art'E di Firenze, già vincitore di numerosi premi e riconoscimenti.

Oltre a loro altri 12 i toscani iscritti: due aretini, un pisano, un lucchese, un pratese, due arrivano dalla provincia di Siena, due dalla provincia di Livorno, uno dalla provincia di Grosseto e due dalla provincia di Lucca.

E’ ancora possibile iscriversi sul sito www.premioterna.com fino al prossimo 1 ottobre .

Il Premio Terna, giunto alla sua quarta edizione, chiede agli artisti già affermati e a quelli emergenti di esprimersi sull’energia: nel 2008 l’energia è stata interpretata come linfa di vita, nel 2009 è stata legata all’ambiente e all’umanità, la terza edizione è stata dedicata ai protagonisti dell'unificazione dell'Italia, mentre quest'ultima edizione invita a una riflessione sul concetto di Territorio e Territorialità intesi come relazione con luoghi e spazi fisici, ma anche come senso di appartenenza, di inclusione o esclusione, apertura o confine delle relazioni con gli altri.

Fra le novità di quest'anno l'utilizzo della rete: il sito web si trasforma infatti in un vero e proprio strumento di lavoro e visibilità per gli artisti che hanno a disposizione una galleria espositiva in 3D da allestire, anche settimanalmente, con nuove opere e informazioni, inclusi i costi dei propri lavori.

Tutte le opere vincitrici entreranno a far parte della collezione contemporanea di Terna, saranno
pubblicate in un catalogo bilingue ed esposte nella mostra finale.

Redazione Nove da Firenze